Roberta Sironi

  • Passo indietro di Colantuono: a Carpi si ritorna al 3-5-2

    Fallito il 4-3-1-2 a Carpi la Salernitana ritornerà al modulo maggiormente utilizzato nella prima parte di campionato, il 3-5-2. Urge invertire la rotta e ritornare a conquistare punti quindi Colantuono oltre al modulo apporterà delle variazioni anche per quanto riguarda la scelta dei singoli. Iniziamo dalla difesa. Al centro il recuperato Migliorini si contenderà una maglia con Schiavi. A destra Mantovani ed a sinistra Gigliotti. Capitolo centrocampo.In cabina di regia Akpa, Di Tacchio e Mazzarani che dovrebbe vincere la concorrenza di Castiglia. Sugli esterni Casasola a destra e Vitale a sinistra. In attacco insieme a Bocalon uno tra Jallow e Djuric. I granata questo pomeriggio si sono allenati al Mary Rosy. Ancora fermi ai box Odjer e Di Gennaro. In vista della gara in programma domenica a Carpi, partenza anticipata per i granata che partiranno venerdì per trasferirsi con un giorno d’anticipo in terra emiliana.

  • Granata subito al lavoro tra l’indifferenza dei tifosi. Confermato Colantuono

    La società ha confermato la fiducia a Stefano Colantuono dopo la disastrosa gara col Brescia. In realtà il trainer granata non è mai stato messo in discussione dalla dirigenza  che intanto sta valutando il rendimento di ogni singolo calciatore per individuare quelli che potranno continuare a fare al caso della Salernitana per il futuro. In lista di sbarco Orlando, Bellomo, Signorelli, D.Anderson, Jallow e Vuletich. Quest’ultimo ha deluso le aspettative, i primi non hanno praticamente trovato spazio a parte Jallow il cui rendimento però resta troppo altalenante. Palumbo potrebbe partire per collezionare più presenze con un’altra casacca mentre resta da sciogliere il rebus Di Gennaro, alle prese con un infortunio. Una delle prime mosse della società sarà il rinnovo del contratto di Mantovani. Bernardini sembra prossimo al rientro e potrebbe essere il rinforzo d’esperienza per puntellare la difesa. L’attacco sarà sicuramente rinforzato. Da qualche tempo la Salernitana è sulle tracce di Calaiò, che a fine anno finirà di scontare la squalifica. Il calciatore, corteggiato anche dal Padova, chiede un contratto fino al 2020. Intanto la squadra oggi pomeriggio è tornata subito in campo dimenticare in fretta la sconfitta col Brescia. Il gruppo si è ritrovato al Mary Rosy tra l’indifferenza dei tifosi per svolgere essenzialmente un lavoro defaticante. I calciatori non utilizzati ieri sera hanno invece effettuato lavoro atletico. Ancora out Odjer, che si è sottoposto a seduta fisioterapica a causa di un risentimento muscolare all’adduttore sinistro. Nei prossimi giorni il centrocampista dovrà effettuare esami radiologici. Fisioterapia anche Di Gennaro, che difficilmente sarà arruolabile per Carpi. Gli allenamenti in vista della trasferta di domenica in terra emiliana proseguiranno domani pomeriggio al Mary Rosy.

  • Lotito tiene la squadra a rapporto a fine gara

    La pesante ed inequivocabile sconfitta col Brescia non è andata giù al patron Claudio Lotito, che al termine del match si è recato negli spogliatoi per tenere a rapporto squadra e tecnico. Alla presenza del direttore Angelo Fabiani, Lotito ha strigliato duramente i tesserati granata. Ed ora sono tutti sotto esame. La sessione invernale del calcio mercato incombe ed in attesa delle decisioni societarie nessuno può sentirsi sicuro. Nè tecnico, nè calciatori. Non è da escludere che la dirigenza possa adottare provvedimenti disciplinari nei confronti di qualche calciatore venuto meno sul piano dell’impegno. Del resto, anche il direttore Fabiani nei giorni scorsi aveva spronato qualche elemento ad impegnarsi di più oppure a farsi da parte.

  • Una tripletta dell’ex Donnarumma umilia la Salernitana

    Una gara da film horror per la Salernitana che viene sconfitta 3-1 dal Brescia davanti al pubblico amico dello stadio Arechi. I granata, artefici di una pessima prestazione, cadono sotto i colpi dell’ex Donnarumma che mette a segno una tripletta nel corso del primo tempo assestandosi sempre più al comando della classifica marcatori della serie B con 13 reti. Il gol della bandiera per la squadra di Colantuono arriva al 90′ con Di Tacchio. La cronaca. Il Brescia sblocca il risultato dopo soli cinque minuti di gioco. E’ Alfredo Donnarumma a mettere a segno il più classico gol dell’ex sfruttando una clamorosa indecisione della retroguardia granata. Lasciato completamente solo in area, per l’attaccante di Torre Annunziata infilare Micai è un vero e proprio gioco da ragazzi. Ed il peggio arriva al 9′, quando lo stesso Donnarumma infila per la seconda volta la porta granata mettendo a segno la sua doppietta personale nel corso del match. Anche questa volta colpevole la Salernitana, rea di essersi approcciata alla gara nel peggiore dei modi. Difesa completamente in bambola, il Brescia fa il bello ed il cattivo tempo. Al 26′ Micai evita un passivo più pesante neutralizzando un tiro di Ndoj. Al 32′ Donnarumma dalla grande distanza mette a segno il gol della tripletta a porta sguarnita. Nella circostanza fatale l’errore di Akpa che perde palla e favorisce la ripartenza delle rondinelle che non perdonano. Al 43′ è ancora il Brescia a rendersi pericoloso con Bisoli, che colpisce in pieno la traversa. Della Salernitana non c’è traccia. Nell’intervallo fischi per tutti ed applausi solo per Donnarumma. Per l’ex granata lo sportivo saluto della curva sud. Nella ripresa Colantuono manda subito in campo Gigliotti per Pucino e D. Anderson per Castiglia. Ma la musica non cambia perchè al 3′ st da un corner in favore della Salernitana scatta il contropiede del Brescia che con Morosini, inutilmente inseguito da Rosina, arriva dritto dritto in area dove Donnarumma viene servito ma la sua conclusione questa volta si spegne sul fondo. Il primo sussulto della Salernitana arriva al 19′ st col traversone di Casasola che lambisce la traversa. Sul capovolgimento di fronte Spalek spreca a porta vuota. Al 33′ st altra ghiotta occasione per gli uomini di Corini con Ndoj che si fa chiudere e si infortuna. Al 42′ st Donnarumma ha sui piedi l’occasione per calare il poker ma questa volta il capocannoniere della B spara alto. Subito dopo l’ex granata, sostituito, lascia il campo tra gli applausi dell’Arechi. Allo scoccare del 90′ arriva il gol della bandiera per la Salernitana, con Di Tacchio con un tiro a volo di sinistro. Dopo tre minuti di recupero arriva il triplice fischio. La gara finisce 3-1 per il Brescia. Una sconfitta pesante per la Salernitana davanti al proprio pubblico che scivola fuori dalla griglia play off.

    SALERNITANA-BRESCIA 1-3

    SALERNITANA (4-3-1-2): Micai; Casasola, Mantovani, Schiavi, Pucino (1′ st Gigliotti); Akpa, Di Tacchio, Castiglia (1′ st Anderson D.); Rosina (25′ st A. Anderson); Bocalon, Jallow. A disp.: Vannucchi, Vitale, Vuletich, Djuric, Palumbo, Migliorini, Perticone, Mazzarani, Lazzari. All.: Colantuono.

    BRESCIA (4-3-1-2): Alfonso; Sabelli, Mateju, Tonali, Gastaldello (7′ st Cistana), Ndoj (33′ st Martinelli), Spalek, Donnarumma (42′ st Cortesi), Romagnoli, Morosini, Bisoli. A disp.: Andrenacci, Torregrossa, Viviani, Semprini, Carillo. All.: Corini.

    ARBITRO: Piscopo di Imperia. Assistenti: Grossi di Frosinone e Bercigli di Valdarno. IV uomo: Fourneau di Roma 1.

    RETI: 5′, 9′ e 32′ pt Donnarumma (B); 90′ Di Tacchio (S)

    NOTE: Spettatori 8.576. Prima del fischio d’inizio è stato osservato un minuto di raccoglimento in memoria di Gigi Radice. Angoli 5-5. Ammoniti:Micai e Mantovani. Recupero 3′ pt; 3′ st.

     

  • Tutto pronto in casa granata per la gara contro il Brescia

    L’improvvisa defezione di Odjer costringe Colantuono ad apportare alcune modifiche nell’undici base che domani sera finalmente scenderà in campo contro il Brescia con l’obiettivo di ritrovare la vittoria. Davanti alla porta di Micai saranno schierati da destra a sinistra Casasola, Mantovani, Schiavi e Pucino. A centrocampo Akpa, Di Tacchio e Castiglia. In avanti Rosina alle spalle delle due punte Bocalon e Jallow. In settimana i granata sono stati duramente strigliati sia dal tecnico Colantuono che dal direttore Fabiani. A Schiavi e compagni è stata chiesta maggiore concentrazione e soprattutto più cattiveria sotto porta. Proprio per questo motivo il trainer granata ha deciso di cambiare modulo, optando per un fantasioso ed imprevedibile 4-3-1-2. La Salernitana cercherà infatti di sfruttare l’estro di Rosina per mettere gli attaccanti in condizione di andare a segno. Sotto questa luce anche la scelta di preferire Jallow a Djuric. L’attaccante di colore, se in buona giornata, può mettere in seria difficoltà la retroguardia avversaria grazie alle sue caratteristiche di spinta. L’imperativo è quello di ritornare alla vittoria per scavalcare il Brescia in classifica e restare ancorati nella griglia dei play off.

  • Salernitana-Brescia: Ecco i convocati

    Al termine della seduta di rifinitura di questo pomeriggio il mister Stefano Colantuono ha diramato la lista dei convocati per la gara in programma domani tra Salernitana e Brescia.

    PORTIERI: Lazzari, Micai, Vannucchi;

    DIFENSORI: D. Anderson, Casasola, Gigliotti, Mantovani, Migliorini, Perticone, Pucino, Schiavi, Vitale;

    CENTROCAMPISTI: Akpa Akpro, Castiglia, Di Tacchio, Mazzarani, Palumbo;

    ATTACCANTI: A. Anderson, Bocalon, Djuric, Jallow, Rosina, Vuletich.

  • Colantuono ha deciso: Rosina e Jallow per tornare alla vittoria

    Dalla seduta di allenamento odierna sono emerse importanti indicazioni riguardo la formazione che lunedì sera scenderà in campo dal primo minuto contro il Brescia. Colantuono ha optato per una mini rivoluzione tattica. Rosina nell’undici base alle spalle di Bocalon e Jallow. Quest’ultimo ha infatti superato la concorrenza di Djuric. In difesa conferma in vista per Mantovani al fianco di Schiavi, con Casasola a destra e Pucino a sinistra. A centrocampo Akpa, Di Tacchio e Castiglia.

  • Verso la sfida col Brescia: in tre si contendono una maglia da trequartista

    Doppia seduta di allenamento oggi per la Salernitana, che agli ordini di mister Colantuono sta preparando con la massima concentrazione la sfida contro il Brescia. Per sorprendere le rondinelle la squadra granata è pronta a puntare sulla fantasia. Il tecnico sta provando e riprovando il modulo col trequartista dietro le punte proprio per dare maggiore imprevedibilità ed incisività in fase offensiva. Il candidato numero uno a rivestire il ruolo di rifinitore sembra essere Rosina dopo la buona prestazione di Cittadella. Il dubbio di Colantuono riguarda però la tenuta fisica del talentuoso calciatore che potrebbe fare la staffetta con Castiglia. Proprio quest’ultimo potrebbe partire dal primo minuto alle spalle di Bocalon e Djuric. In alternativa c’è anche Mazzarani. Per quanto riguarda la difesa, dovrebbero scivolare in panchina Mantovani e Vitale, che proprio non hanno convinto al Tombolato. In retroguardia, da destra a sinistra, dovrebbero infatti agire Casasola, Schiavi, uno tra Migliorini e Perticone, e Pucino. In mediana Odjer e Akpa ai fianchi di Di Tacchio.

  • Salernitana-Brescia sarà diretta da Piscopo di Imperia

    Salernitana-Brescia, in programma lunedì 10 dicembre allo stadio Arechi a partire dalle ore 21.00, sarà diretta dal signor Fabio Piscopo di Imperia. Ad assistere la giacchetta nera Michele Grossi di Frosinone e Filippo Bercigli di Valdarno. VI uomo Francesco Fourneau di Roma 1.

  • La Salernitana prova ad osare di più

    E’ arrivato il momento di osare di più in casa granata. Troppo prevedibile il 3-5-2 e così Stefano Colantuono sta pensando seriamente di dare nuovi stimoli ai calciatori, magari adottando un modulo di gioco più votato all’attacco. Non a caso il trainer granata sta facendo prove tecniche di 4-3-1-2 potendo sfruttare l’estro di Alessandro Rosina, visto davvero in grande spolvero nel corso del secondo tempo di Cittadella. In difesa sono pronti a rientrare Schiavi, al fianco di Migliorini, e Pucino, che agirà sulla corsia sinistra mentre a destra vola verso la riconferma Casasola. A centrocampo resta inamovibile Di Tacchio come vertice basso, Odjer quasi certamente tornerà dal primo minuto mentre c’è grossa competizione tra Castiglia, Akpa e Mazzarani. Soltanto uno dei tre andrà a completare la linea mediana. Detto di Rosina che col 4-3-1-2 andrebbe ad agire da trequartista, in attacco l’unico certo di una maglia è Bocalon. Al suo fianco uno tra Djuric e Jallow. Contro il Brescia mancheranno gli infortunati Di Gennaro e Gigliotti. Dopo l’allenamento di questo pomeriggio al Mary Rosy, i granata saranno impegnati anche domani in una doppia seduta.

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker