salerno

  • Giudice sportivo: 7 calciatori squalificati per la prossima giornata

    Come recita il comunicato numero 76 di Lega B dell’11 dicembre, il Giudice Sportivo avv. Emilio Battaglia, assistito da Stefania Ginesio e dal Rappresentante
    dell’A.I.A. Carlo Moretti, nel corso della riunione dell’11 dicembre 2018, ha assunto le decisioni
    qui di seguito riportate:

    CALCIATORI ESPULSI
    SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA
    BALKOVEC Jure (Hellas Verona): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei
    confronti di un avversario.
    COSTA Andrea (Benevento): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti
    di un avversario.
    ROSSETI Valerio Lorenzo (Ascoli): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei
    confronti di un avversario e per comportamento non regolamentare in campo.

    CALCIATORI NON ESPULSI
    SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA
    BENTIVOGLIO Simone (Venezia): per comportamento scorretto nei confronti di un
    avversario; già diffidato (Quinta sanzione).
    CAPPELLETTI Daniel (Padova): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario;
    già diffidato (Quinta sanzione).
    DOMIZZI Maurizio (Venezia): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già
    diffidato (Quinta sanzione).
    VOLTA Massimo (Benevento): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già
    diffidato (Quinta sanzione)

    PER PROTESTE NEI CONFRONTI DEGLI UFFICIALI DI GARA
    AMMONIZIONE

    SECONDA SANZIONE
    MICAI Alessandro (Salernitana)

    PRIMA SANZIONE
    MONTIPO Lorenzo (Benevento)

    PER COMPORTAMENTO SCORRETTO NEI CONFRONTI DI UN AVVERSARIO
    AMMONIZIONE
    SESTA SANZIONEDERMAKU Kastriot (Cosenza)
    SABBIONE Alessio (Carpi)

    AMMONIZIONE CON DIFFIDA (QUARTA SANZIONE)
    DOS SANTOS MACHADO Claiton (Cremonese)
    IORI Manuel (Cittadella)
    RANIERI Luca (Foggia)

    TERZA SANZIONE
    ADDAE Bright (Ascoli)
    ARINI Mariano (Cremonese)
    GERBO Alberto (Foggia)
    RAICEVIC Filip (Livorno)

    SECONDA SANZIONE
    BRUCCINI Mirko (Cosenza)
    CAPRADOSSI Elio (Spezia)
    CLEMENZA Luca (Padova)
    CRESCENZI Alessandro (Hellas Verona)
    EMMERS Xian Ghislaine (Cremonese)
    HAAS Nicolas (Palermo)
    MANTOVANI Valerio (Salernitana)
    MARRAS Manuel (Pescara)
    MATOS SANTOS PINTO Ryder (Hellas Verona)
    NGOMBO Maecky Fred (Ascoli)
    PEZZI Enrico (Carpi)
    VALIANI Francesco (Livorno)
    ZAMPANO Giuseppe Marco (Venezia)

    PRIMA SANZIONE
    BELINGHERI Luca (Padova)
    CAMIGLIANO Agostino (Cittadella)
    CANESSA Alessio (Livorno)
    DANZI Andrea (Hellas Verona)
    DRAGOMIR Vlad Mihai (Perugia)
    MELCHIORRI Federico (Perugia)
    MOREO Stefano (Palermo)
    SZYMINSKI Przemyslaw (Palermo)

    PER COMPORTAMENTO NON REGOLAMENTARE IN CAMPO
    AMMONIZIONE
    SECONDA SANZIONE
    LUCIONI Fabio (Lecce)

    ALLENATORI
    AMMONIZIONE CON DIFFIDA
    CORINI Eugenio (Brescia): per essere, al 43° del primo tempo, entrato sul terreno di giuoco di
    circa tre metri per contestare una decisione arbitrale; infrazione rilevata da un Assistente.

    MEDICI
    SQUALIFICA A TUTTO L’11 FEBBRAIO 2019
    DE GASPERI Maurizio (Brescia): per avere, al 43° del primo tempo, mentre tentava di entrare
    sul terreno di giuoco senza autorizzazione, al fine di prestare soccorso ad un giocatore della
    propria squadra, reagito al richiamo del Quarto Ufficiale poggiando la mano sul braccio dello
    stesso e spingendolo; sanzione applicata ex art. 19 comma 4 ter lettera a.1

  • Donnarumma: “Non esulto contro una squadra che mi ha dato tanto”

    Alfredo Donnarumma, assoluto protagonista della partita e grande ex di turno è intervenuto in sala stampa: “Abbiamo avuto un approccio importante alla partita. Ce la siamo giocati alla pari. Il Brescia ha mostrato più voglia e cattiveria rispetto alla Salernitana”. L’augurio dell’attaccante partenopeo è quello di arrivaare in Serie A con il Brescia: “voglio dare continuità a ciò che so facendo, spero di arrivarci con il Brescia. Perchè non gioco in Serie A? Questa domanda non dovete farla a me. Un pensiero anche ai suoi ex tifosi: “Quella curva la porterò nel cuore pe tutta la mia vita, è stato sempre emozionante fare gol li sotto. Non esulto contro una squadra che mi ha dato tanto”.

  • Tonali a Dazn: “Donnarumma è un vero bomber, non sbaglia mai, lui c’è sempre”

    Il Brescia non vinceva in trasferta da 8 mesi, la Slernitana non ha mai perso in casa in questo campionato. Ai microfoni di Dazn, il miglior calciatore del campionato scorso, SandroTonali, dice la sua: “ Abbiamo preaprato la partita come le altre, ma sono le partite ceh cambiano da partita a partita. Bisona sempre essere concentrati e fare gol. Il miater Corini ha un grande spirito e noi lo seguiamo con tutto il cuore e speriamo di farlo sempre così bene” – queste le parole del talento del Brescia  – Donnarumma è un vero bomber, non sbaglia mai, lui c’è sempre. Io gioco sempre con lo stesso spirito non mi baso sulle voci che girano su di me –  ha concluso.

  • Bocalon VS Donnarumma: sifda a suon di gol

    La sfida di stasera è anche quella tra Alfredo Donnarumma e Riccardo Bocalon gli uomini che con i loro gol mantengono le rispettive squadre nelle zone alte della classifica. Bocalon è colui che ha regalato più punti alla Salernitana ben 8 grazie alle sue 5 reti segnate. Donnarumma è il capocannoniere di tutto il torneo con i suoi 10 gol in 11 partire ed è l’ex di turno di lusso. Grazie ai suoi gol il Brescia è sesto a 21 punti. La Salernitana è decima a 20 punti ed una vittoria potrebbe farla balzare al 5 posto superando proprio il Brescia ed anche il Verona.

  • Quel 4 maggio 1997, un gemellaggio nato in nome di Roberto Bani

    Sono passati più di vent’anni dal quel giorno, quel 4 maggio 1997, quando Roberto cadde dagli spalti dell’Arechi e perse la vita qualce giorno dopo nel prelsso ospedaliero salernitana dove era ricoverato. Quel giorno triste diede il via ad un gemellaggio calcistico tra le tifoserie di Brescia e Slernitana he ogni anno si rafforza sempre di più e con la voglia di non dimenticare mai chi ha perso la vita per la propria squadra del cuore. A tal proposito vogliamo ricordare questo gemellaggio con una nota di un pò di tempo fa che è stata pubblicata sul blog “La Tifoseria Bresciana” e riportata anche da altri giornali tra cui granatissimi-ottopagine. Tale gemellaggio è stato, tra l’altro, sancito anche ieri, nell’inaugurazione del club La casa della salernitanità nel centro storico cittadino. E’ stata dedicata una parete ai “fratelli bresciani”, così come anche a quelli del Bari, a dimostrazione dell’affetto e dell’unione tra queste tifoserie.

    Brescia-Salernitana: un gemellaggio che si rafforza ogni anno!

    Non tutti sanno che questo gemellaggio è da ricondurre sostanzialmente al 4 Maggio del  1997 (anche se l’amicizia è nata già prima ) ,  tredicesima giornata del campionato di Serie B, la Salernitana ospita le rondinelle  che alla fine della prima frazione di gioco sono sotto per 3-0. Durante l’intervallo nel settore ospiti accade la tragedia: Roberto Bani  (ultra del Brescia) batte in maniera violenta con la testa sui gradoni dell’Arechi.
    Dopo 6 giorni all’Ospedale di Salerno, Roberto volò in cielo.
    I salernitani sconvolti dall’accaduto raccolgono contributi per aiutare la famiglia di Roberto, stessa cosa ovviamente  fanno i supporter bresciani.
    I sostenitori campani cercarono  di stare vicini alla famiglia di Roberto nei giorni della sofferenza, con ospitalità e solidarietà.
    Negli anni si susseguono tanti striscioni: “Roby-Salerno. Uniti nel cuore: grazie”  il messaggio dei bresciani , ” Roberto Bani: un ultras non si dimentica”, il messaggio dei campani.
    Negli  ultimi anni la tifoseria granata non ha mai fatto mancare la sua vicinanza alla tifoseria bresciana sopratutto dopo la morte di Andrea Toninelli, tifoso bresciano morto dopo l’incidente di ritorno dalla trasferta di Livorno.
    “Da Ciro a Vincenzo, da Simone a Giuseppe, da Aldo fino al Siberiano. Rendiamo omaggio all’Amico Salernitano”. Questo lo striscione invece esposto nella Curva Nord del Brescia all’ingresso in campo delle squadre a settembre. Un messaggio che è stato accolto dagli applausi dei sostenitori del “cavalluccio”.
    Non importa quale sarà il risultato , di sicuro anche questa volta sarà una festa sugli spalti 

    Roberto Bani, uno di noi !

    Sono passati ormai 11 anni da quella tragica trasferta, ma ricordo ancora molto bene la disperazione di quei cinquanta ragazzi che avevano raggiunto Salerno pieni di gioia, fierezza ed orgoglio bresciano. La maggior parte arrivò in treno, qualcun’altro in macchina (non c’era ancora la netta contrapposizione di Mentalità e di settori che esiste oggi, ma la situazione non era comunque delle migliori). L’accoglienza da parte degli Ultras Salernitana fu pacata e rispettosa. L’amicizia che oggi ci lega alla loro Curva non era ancora nata, ma il rispetto era forte e reciproco. Non ci fu quindi nessun problema o tensione con loro. Quello che successe all’interno del settore ospiti, durante la partita, fu semplicemente una disgrazia che colpì duramente la nostra Curva. Un banale spintone che, tragicamente, fece cadere Roberto all’indietro. Su quegli scalini di cemento, si spense di colpo la felicità che ci aveva accompagnato fino a quel momento (nonostante si perdesse due a zero) e fu sostituita dalla disperazione, dallo sgomento ed in seguito dalla rabbia. Infatti, ci rendemmo conto immediatamente della gravità di quel gesto tanto assurdo quanto involontario. Chi per primo soccorse Roberto Bani, capì immediatamente che soltanto un miracolo lo avrebbe risvegliato. Io me ne resi conto molto più tardi, forse perché non volevo o non potevo accettare un simile destino. La partita, inutile dirlo, per noi finì in quel momento. Ripiegammo lo striscione ed uscimmo dal settore. Qualcun altro restò fino alla fine e, al termine della partita, ”invase” il rettangolo di gioco, sfogando tutta la sua rabbia contro chi, all’oscuro di tutto, aveva continuato comunque a ”giocare”. Sicuramente i giocatori non potevano rendersi conto di quanto era successo, anche se la partita fu sospesa per qualche minuto per consentire l’intervento dal campo dei medici. Chi invece ebbe delle gravi responsabilità in questa vicenda, anche se non vorrei neanche nominarla, fu proprio la nostra società che, forse per paura di essere coinvolta e quindi penalizzata, si guardò bene dall’interessarsi dei suoi tifosi (il lupo perde il pelo ma non il vizio !). Al contrario, la città ed il grande pubblico di Salerno si interessarono alla vicenda, stringendosi intorno alla famiglia di Roberto durante gli ultimi giorni della sua vita e rimediando alle mancanze, ai doveri ed alle responsabilità della nostra società. Purtroppo, tutta la solidarietà e l’affetto dei salernitani non bastarono a far rivivere Roberto. Neanche i tentativi dei ragazzi del gruppo “Sezione” (che si erano fermati a Salerno per non lasciarlo solo) di risvegliarlo dal coma servirono a molto. La notizia della sua morte me la diede proprio uno di loro mentre, insieme ad un amico, stavo ritornando a Salerno per poterlo salutare. Fu una botta tremenda. Quando giungemmo a destinazione l’ospedale era ormai chiuso, quindi non potemmo dargli neanche l’ultimo saluto. Nonostante la disperazione, passammo comunque una serata in compagnia di ragazzi straordinari, che ci fecero sentire come fossimo a casa nostra. Questo ci risollevò molto, anche perché ci rendemmo conto che la famiglia di Roberto non era stata lasciata sola da tutti durante quella tragica settimana. Ripartimmo da Salerno prima di mezzanotte, anche perché il giorno dopo si giocava col Genoa e, assolutamente, non volevamo mancare alla prima partita con Roberto che ci seguiva dall’alto. Nel primo tempo si decise di restare in silenzio e tutti rispettarono questa decisione (non crediate che fosse così facile e scontato, allora la Curva non era così unita, ”rispettosa” e matura). Poi, oltre ai cori potenti per Roberto, ci furono dure contestazioni nei confronti della società, rea appunto di essersi comportata con molta leggerezza. Oggi, molti di quelli che allora sfogarono violentemente la loro rabbia hanno già dimenticato e sono persino giunti a premiare il presidente che si macchiò di tanta ”infamia”. Noi no ! Noi non dimentichiamo ! E quando facciamo il coro per Roby Bani un po’ di rabbia da quel coro esce ancora.

    Fonte: Dal libro ”C’è baruffa nell’aria” degli Ultras 1911 Curva Nord (Brescia) pubblicato anche sul blog saladellamemoriaheysel

  • Giudice sportivo: nove squalificati, nessun granata. Diecimila euro di ammenda al Lecce

    Il giudice sportivo ha diramato il comunicato con le sentenze dopo la 14 giornata cadetta. Per i granata risulta solo l’ammonizione ad Akpa Akpro. Ben nove risultano i calciatori squalificati; 3 turni di stop a Bidaoui e Ninkovic, 2 a Colombi.

    Di seguito il comunicato ufficiale numero 71 della Lega di Serie B

    SOCIETA’
    Ammenda di € 10.000,00: alla Soc. LECCE per avere suoi sostenitori, nel corso della gara,
    lanciato sul terreno di giuoco un bengala e numerosi fumogeni, recidiva; sanzione attenuata ex
    art. 14 n. 5 in relazione all’art. 13, comma 1 lett. b) CGS, per avere la Società concretamente
    operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi e di vigilanza.

    Ammenda di € 5.000,00: alla Soc. CARPI a titolo di responsabilità oggettiva, per avere alcuni
    collaboratori, al termine della gara, in prossimità del tunnel che adduce agli spogliatoi, rivolto
    all’Arbitro espressioni ingiuriose.

    Ammenda di € 2.000,00: alla Soc. COSENZA per avere suoi sostenitori, al 1° del primo tempo,
    acceso due fumogeni nel proprio settore; sanzione attenuata ex art. 12 n. 3 in relazione all’art. 13,
    comma 1 lettera b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a
    fini preventivi e di vigilanza.

    CALCIATORI ESPULSI
    SQUALIFICA PER TRE GIORNATE EFFETTIVE DI GARA

    BIDAOUI Soufiane (Spezia): per avere, al 24° del secondo tempo, a giuoco fermo, colpito con
    un pugno al petto un calciatore della squadra avversaria.
    NINKOVIC Nikola (Ascoli): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di
    un avversario; per avere inoltre, al 4° del secondo tempo, alla notifica del provvedimento di
    espulsione, assunto un atteggiamento intimidatorio nei confronti dell’Arbitro.

    SQUALIFICA PER DUE GIORNATE EFFETTIVE DI GARA ED AMMENDA DI € 2.000,00

    COLOMBI Simone (Carpi): per avere, al termine della gara, mentre usciva dal terreno di
    giuoco, rivolto all’Arbitro un epiteto insultante, reiterando tale comportamento dopo la notifica
    del provvedimento di espulsione.

    SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA

    CURCIO Felipe (Brescia): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di
    un avversario.
    MAZZOCCO Davide (Padova): per avere commesso un intervento falloso su un avversario in
    possesso di una chiara occasione da rete.
    ROMERO ESPINOZA Aristotelles (Crotone): doppia ammonizione per comportamento
    scorretto nei confronti di un avversario.

    CALCIATORI NON ESPULSI
    SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA

    GHIRINGHELLI Luca (Cittadella): per comportamento non regolamentare in campo; già
    diffidato (Quinta sanzione).
    JAJALO Mato (Palermo): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già
    diffidato (Quinta sanzione).
    MODOLO Marco (Venezia): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già
    diffidato (Quinta sanzione).

    PER PROTESTE NEI CONFRONTI DEGLI UFFICIALI DI GARA
    AMMONIZIONE SECONDA SANZIONE

    SCAPPINI Stefano (Cittadella)

    PER COMPORTAMENTO SCORRETTO NEI CONFRONTI DI UN AVVERSARIO
    AMMONIZIONE SESTA SANZIONE

    CAPELLI Daniele (Padova)

    AMMONIZIONE CON DIFFIDA (QUARTA SANZIONE)
    BENTIVOGLIO Simone (Venezia)
    BILLONG Jean Claude (Benevento)
    VAISANEN Sauli Aapo (Crotone)

    TERZA SANZIONE
    AKPA AKPRO Jean Daniel D (Salernitana)
    CORSI Angelo (Cosenza)
    DOS SANTOS MACHADO Claiton (Cremonese)
    MAGGIO Christian (Benevento)
    PASCIUTI Lorenzo (Carpi)
    PETRICCIONE Jacopo (Lecce)
    RAJKOVIC Slobodan (Palermo)
    SCHENETTI Andrea (Cittadella)
    TONALI Sandro (Brescia)

    SECONDA SANZIONE
    CARRARO Marco (Foggia)
    CONCAS Fabio (Carpi)
    FAZZI Nicolo (Livorno)
    JELENIC Enej (Carpi)
    SALVI Alessandro (Palermo)

    PRIMA SANZIONE
    BORDIN Alessandro (Perugia)
    CASTROVILLI Gaetano (Cremonese)
    LEGITTIMO Matteo (Cosenza)
    MAZZEO Fabio (Foggia)
    MENDES Murilo Otavio (Livorno)
    POLI Fabrizio (Carpi)
    ROSSETI Valerio Lorenzo (Ascoli)
    TABANELLI Andrea (Lecce)

    PER COMPORTAMENTO NON REGOLAMENTARE IN CAMPO
    AMMONIZIONE TERZA SANZIONE

    OKEREKE Chidozie David (Spezia)

    SECONDA SANZIONE
    GARRITANO Luca (Cosenza)
    PADELLA Emanuele (Ascoli)
    VIGORITO Mauro (Lecce)
    PRIMA SANZIONE
    LANNI Ivan (Ascoli)
    ZAMPANO Giuseppe Marco (Venezia)

    ALLENATORI
    SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA
    SENATORE Catello (Spezia): per avere, al 25° del secondo tempo, assunto un atteggiamento
    intimidatorio nei confronti di un calciatore della squadra avversaria; infrazione rilevata dal
    Quarto Ufficiale.

    AMMONIZIONE CON DIFFIDA
    DEL FOSCO Antonio (Ascoli): per avere, al 26° del secondo tempo, contestato platealmente
    una decisione arbitrale.

    DIRIGENTI

    AMMENDA DI € 5.000,00
    VRENNA Raffaele (Crotone): per avere, al termine del primo tempo, nel tunnel che adduce agli
    spogliatoi, rivolto epiteti insultanti ad un calciatore della squadra avversaria.

    AMMENDA DI € 4.000,00
    ANGELOZZI Guido (Spezia): per avere, al termine della gara, negli spogliatoi, rivolto agli
    Ufficiali di gara espressioni irriguardose.

  • Bocalon, l’attaccante che si ispira a Inzaghi, si svela su DAZN

    Dopo Colantuono anche Riccardo Bocalon è stato raggiunto da Federico Sala, giornalista di DAZN. Il doge ha parlato molto di sé, delle sue passioni per la psicologia, per Call of Duty e specialmente per il mare. Guardando la spiaggia di Santa Teresa ha dichiarato: “E’ la mia prima esperienza al sud. Cerco di lavorare al massimo per la squadra e l’obiettivo comune è più importante di quello personale (inerente ai cinque gol segnati fino ad ora). E quando gli chiedono la Serie A, Din don preferisce per scaramanzia, non nominare quella lettera. A proposito di “Din don Bocalon” ha detto: “lo speaker allo stadio lo fa spesso, mi piace molto”. L’attaccante veneto ha un suo idolo ed è Pippo Inzaghi: “La fame che ha sotto porta è qualcosa di unico, m’ispiro a lui. Cerco di giocare su queste palle sporche che vagano in area, cercando la soluzione ideale per pungere le difese avversarie”.

  • Serie B monday night: termina in parità Foggia – Venezia

    Chiude il turno di Serie B, la partita dello Zaccheria tra Foggia e Venezia.Una gara in cui le due squadre si sono date battaglia ma che alla fine hanno terminato 1-1. Al 18′ Zampano atterra in area Iemmello e Volpi sena indugio concede il rigore al Foggia. Lo stesso attaccante ex Sassuolo trasforma il penalty. Al 46′ una girata di Vrioni va in gol superando Bizzarri e rimettendo il match in parità. Ancora Vrioni al 64′ colpisce il palo con un bel destro. Il Venezia continua nelle sue azoni offensive e si rende pericoloso con Suciu e poi con Di Mariano. Il Foggia sembra non riuscire a reagire e sul finale di gara Bruscagin prima e poi al 93′ Domizzi provano a superare Bizzarri ma i rossoneri si salvano dividendosi un punto con i lagunari che restano al tredicesimo posto contro il diciottesimo dei satanelli.

    Il tabellino

    Foggia (4-3-1-2): Bizzarri, Martinelli, Camporese, Ranieri, Rubin, Gerbo, Carraro, Deli (46’ Cicerelli), Galano (71’ Busellato), Mazzeo (84’ Gori), Iemmello. All. Grassadonia.

    Venezia (4-3-3): Vicario, Bruscagin, Domizzi, Modolo, Zampano, Pinato (76’ Schiavone), Bentivoglio, Suciu, Segre (63’ Marsura), Vrioni (80’ Litteri), Di Mariano. All. Zenga.

    Arbitro: Volpi di Arezzo.
    Marcatori: 18’ Iemmello rig. (F), 45+1’ Vrioni (V).
    Ammoniti: 16’ Zampano (V), 25’ Bentivoglio (V), 36’ Mazzeo (F), 55’ Modolo (V).

  • Settore giovanile: al Benevento il triplice derby

    Il settore giovanile granata ha visto il triplice derby tra Salernitana e Benevento Under 15,16 e 17 che ha visto la biancia pendere a favore dei sanniti con due vittoire di misura ed uno spettacolare pareggio per 2-2 dell’Under 17. Pareggio anche per l’Under 15 regionale mentre questa settimana ha riposato l’Under 18 regionale.

     

    Campionato Under 17 Serie A e B, Girone C – 11ª Giornata
    Benevento – Salernitana 2-2

    Pareggio ricco di emozioni all’Avellola tra Benevento e Salernitana Under 17. Benevento subito pericoloso al 2′ con Garofalo che colpisce il palo. Gol mancato – gol subito, la vecchia legge del calcio si realizza due minuti dopo quando la Salernitana va in gol con Guida.  Al 18′ ci pensa Ferraro a riequilibrare le sorti. Al 46′ oruma del fischio che decreta la fine della prima frrazione di gara, Guzzo riporta in vantaggio i granata ribadendo in gol un tiro da corner. Ad inizio ripresa, al 3′ ci pensa Garofalo a segnare il 2-2 che sarà il risultato definitivo.

    Il tabellino

    Benevento (4-3-3): Savarese; Autiero (1’st Romanelli), Montanino, Ciaravolo, Solimeno; De Rosa (35’st Alfieri), Esposito P. (20’st Maresca), Pietroluongo; Menichino, Ferraro, Garofalo. A disp.: Romano, Andreozzi, Bocchetti, Esposito E., Migliozzi, Calzolaio. All.: Romaniello

    Salernitana (4-3-1-2): De Matteis (28’st De Simone); Onda, Iaiunese, Rolando (29’st Vitale), Carrino (32’pt Magliozzi); Guzzo (8’st Pellino), Buonaiuto, Porcaro (29’st Manzo); Magno (8’st Arena); Guida, Fois (8’st Cesarano). A disp.: Mastrogiovanni, Cannavale. All.: Ferraro

    Arbitro: Grasso di Ariano Irpino Assistenti: Moccia e Angelillo di Nola
    Marcatori: 4’pt Guida (S), 18’pt Ferraro (B), 46’pt Guzzo (S), 3’st Garofalo (B)

     

    Campionato Under 16 Serie A e B, Girone C – 11ª Giornata
    Benevento – Salernitana 1-0

    Il Benevento Under 16 scnfiggono la Salernitana per 1-0 e si laureano campioni d’inverno con una giornata d’anticipo. Una Salernitana che non ha demeritato e i sanniti hanno dovuto sudare le cosiddette sette camicie per bucare la difesa ospite e solo una disattenzione difensiva ha permesso alle streghe di segnare il gol che poi è risultato fatale ai granata. Poche le occasioni nel pimo tempo e per la cronaca il Benevento si è reso molto pericoloso al 16′ con un palo colpito da Agnello. Nella ripresa D’Agosto viene sostituito da Giampaoloe al 2′ è proprio lui che centra la traversa e al 4′ realizza la rete sannita.

    Il tabellino

    Benevento (4-3-1-2): Diglio; Bracale, Seminara, Barilotti, Todisco; Strazzullo (32’st Battisti), Talia, Citarella; Agnello (40’st Moccia); D’Agosto (1’st Giampaolo), Olimpio (32’st Albano). A disp.: Gestro, Foggia, Sorrettone, Guerra, Gargiulo. All.: Formisano

    Salernitana (4-3-3): Pellecchia (1’st Barone); Idioma, Petrazzuolo, Perrone, Imperiale (23’st Cusati); Froncillo (29’st Salerno), Russo, Esposito (15’st Del Gaudio); Capone (1’st Carolei), Eordea (1’st Accietto), Dommarco (23’st De Stefano). A disp.: Lombardi, Sangiovanni. All.: Landi

    Arbitro: Luongo di Napoli Assistenti: Cristillo e Diana di Caserta
    Marcatori: 4’st Giampaolo

     

    Campionato Under 15 Serie A e B, Girone C – 12ª Giornata
    Benevento – Salernitana 1-0

    Il derby tra Benevento e Salernitana Under 15 se lo aggiudica la squadra giallorossa. Partita con poco spetacolo e del tipo “prima non prenderle”. Il gol arrva solo per un errore della difesa granata con Cavaiola che, al 14′, passsa di testa al proprio portiere ma sbaglia e regala la palla ad Odobo che segna il gol che poi deciderà la partita.

    Il tabellino

    Benevento: Belvedere, Sena, Robustelli, Prisco, Vespa, Bammacaro, Parisi (14′ st Iuliano), Maiese, Odobo (31′ st Casola), Marsiglia (21′ st Sparaco), Tartano (21′ st De Vincenzo). A disp. Vitolo, Pavia, Galietti, Izzo, Evangelista. All. Fusaro.

    Salernitana: Abate, Riccio, Vellella (12′ st Campanile), Garofalo (29′ st Musilli), Cavaiola, Scialla (29′ st Grattacaso), Abitino (8′ st Marzigno), Sabatino (12′ st Di Maio), Luongo (8′ st Marino), Cuomo, Lamberti (29′ st Lanari). A disp. Blanco, Boffa. All. Longo.

    Marcatori: Odobo (B) al 14′ pt.

    Campionato regionale Under 15 – 9 Giornata
    Salernitana-Gen. Fra Calcio 1-1

    Pareggio al Volpe tra la Salernitana Under 15 Regionale  ed il Gen. Fra Calcio nel match valido per la nona giornata di campionato. Ospiti in vantaggio a16′ con rete di Tinto. Bisogna aspettare il 25′ del secondo tempo per vedere il pareggio dei granata con Landi che finalizza un angolo battuto da Chiumiento.

    Il tabellino

    Salernitana: Maioriello (28′ st Pappalardo), Balzano (38′ st Di Mauro), Carbone (15′ st Salerno), Fasano, Galietti, Pugliese, Volpe (38′ st Cimmino), Iasevoli (18′ st Bizzantino), Tortorella (15′ st Brasiello), Landi, Chiumiento (8′ st Tortoriello). A disp.: Albano, Delle Donne. All.: Marco Arcieri.

    Gen. Fra Calcio: Navarra, Marino, Vignola, Della Gatta, Spinelli, Lacciaduoti, Polverino, Pinto, Di Siena, Ardovino, Mizzoni. A disp.: Pannone, Gargano, Picariello, Lucente, Criscuolo. All.: Francesco Passariello.

    Arbitro: Michele Cutino della sez. di Salerno.
    Marcatori: 16′ pt Tinto (G), 25′ st Landi (S).

    Campionato regionale Under 18
    Riposa la Salernitana

     

     

  • Salernitana Primavera prima vittoria stagionale contro la capolista Spal

    Al Volpe prima vittoria stagionale per la Primavera granata che batte con un rotondo 3-0 la Spal. Prima azione di nota al 16′ con Chakir che, imbeccato da Esposito, non riesce a superare Russo. Al 20′ Cuellar si trasforma in un novello Maradona ma il suo tiro, in posizione defilata, non impesierisce Russo. Al 23′ c’è il gol della Salernitana: punizione, Seri respinge male, la palla va sulla testa di Granata che la mette in rete. Al 29′ cuellar pesca Uzela ma Russo si allunga e mette in angolo. Al 39′ calcio d’angolo per la Salernitana, salta di testa Iurato ed è gol! I granata vanno al riposo con il doppio vantaggio. Nella ripresa la Slernitana non molla la concentrazione e si fa viva in due occasioni con Raiola che prima svirgola e poi nella seconda centra il palo. Al 36′ ci pensa Rossi che sul secondo palo mette la ciliegina sulla torta segnando il terzo gol che mette la parola fine sulla gara.

    Il tabellino

    Campionato Primavera 2, Girone A – 10ª Giornata

    SALERNITANA: Russo, De Foglio, Falivene (38′ st Gambardella), Di Battista, Galeotafiore, Granata, Iurato (38′ st Sette), Marino, Baldassi (31′ st Rossi), Bartolotta (17′ st Pezzo), Raiola (31′ st Iannone). A disp. Scognamiglio, Tozzi, Galiano, Esposito, Del Regno, Crisipini, Pezone. All. Genovese.

    SPAL: Seri, Coulange (27′ st Clement), Martina, Salvi, Esposito, Farcas, Nikolic, Uzela (1′ st Katuma), Chakir (39′ st Minaj), Cuellar, Spina (39′ st Aziz). A disp. Fallani, Cannistrà, Biolcati, Notaristefano, Mazzoni, Alessio, Campi, Tunjov. All. Cottafava.

    Arbitro: Sig. Longo di Paola (Massara/Palermo).

    Marcatori: Granata (S) al 23′ pt, Iurato (SA) al 39′ pt, Rossi (SA) al 36′ st.

    Ammoniti: Falivene (SA), Farcas (SP), Salvi (SP), Iannone (SA), Spina (SP), Galeotafiore (SA), Esposito (SP), Sette (SA).

    Espulsi: Chakir (SP) dalla panchina.

    (fonte: salernitananews.it)

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker