Mirko Cantarella

  • Il Watford di Pozzo su Ventura

    Gian Piero Ventura in Inghilterra? Scenario possibile. Reduce della parentesi tutt’altro che felice a Salerno. il tecnico ligure potrebbe rientrare nell’idea del presidente Gino Pozzo per la panchina del Watford. Lo riporta Alfredo Pedullà. La squadra dell’Hertfordshire, retrocessa in Championship dopo un campionato non esaltante, ha come obiettivo la rapida risalita in Premier League e potrebbe essere l’ex granata la pedina in panchina per poter tentare l’impresa.

  • PER LA MAGLIA, MA SOPRATTUTTO PER LA DIGNITA’

    Ancora un messaggio per tutti i tifosi granata da parte della pagina ufficaile facebook Salerno State of Mind:

    Una breve riflessione sul perché organizzare questo tipo di protesta civile, legittima e pacifica, sul risultato a cui può portare e sul potere di cui gode il singolo tifoso.

    Come singolo tifoso hai molto più potere di quanto tu creda. Non hai bisogno della politica, della stampa, di alcun collettivo o leader che ti dica cosa e come fare. Non hai bisogno di scrivere post offensivi, di urlare il tuo dissenso sugli spalti, di ingrossarti il fegato davanti all’ennesima prestazione indecorosa della tua squadra vista alla televisione. Non hai bisogno di riunioni pubbliche, di manifestazioni oceaniche di protesta, di confronti con la società, di contestazioni alle conferenze stampa.

    Soprattutto, non hai bisogno di alimentare la falsa credenza secondo cui il “vero tifoso” segue la squadra a prescindere, per la maglia, i colori e la storia. Tutti quelli che, perché ingenui, venduti o asserviti, affermano con convinzione che il vero tifoso deve essere sempre presente allo stadio per rispetto ed amore verso la propria squadra nei fatti non fanno altro che continuare a foraggiare economicamente (o non) chi specula sulla loro passione e considera la loro squadra come un semplice strumento da cui ricavare il massimo utile con il minimo investimento. Paradossalmente, questo tipo di amore malato è il male principale della squadra, in quanto permette ai proprietari di continuare la propria politica scellerata basata sui ricavi sicuri offerti dai “veri tifosi” ( o presunti tali) e non si limita solamente ad accettarla passivamente, ma la incoraggia anche a tutti gli effetti.

    Hai un potere molto più grande di quanto immagini, perché in questo caso sei un datore di lavoro, non un impiegato. Non hai bisogno di mendicare alcun aiuto, favore o intervento esterno.

    Come singolo tifoso sei quindi di fronte ad una semplice scelta.

    Puoi supportare economicamente la squadra e leggere gli articoli falsi di quella parte di stampa venduta, assistendo all’ennesimo galleggiamento o retrocessione scongiurata, perché “hai visto tanti anni serie di C”

    OPPURE

    puoi semplicemente partecipare alla nostra iniziativa, annullando ogni minimo margine di guadagno alla società.
    Se ogni tifoso, in piena autonomia, aderisse a questa protesta,quale messaggio verrebbe lanciato?

    IN QUESTA CITTA’ LA DIGNITA’ NON E’ COMPRABILE.
    Non un singolo euro sarà garantito a chi ci trasforma in una società satellite e ci offre come elemosina dei campionati disastrosi in serie B.
    E’ ora di affermare con forza ed intelligenza che il tifoso salernitano offrirà il proprio supporto economico solo ad imprenditori che hanno un piano serio di investimenti, che siano chiari nei loro intenti, che profondano il massimo impegno nel raggiungimento dei risultati e che soprattutto garantiscano l’ assoluta indipendenza alla squadra, accettando ovviamente anche i rischi di non riuscita, purché ci sia onestà, trasparenza e rispetto.

    Non ci interessa la visibilità e non siamo alla ricerca di alcun tornaconto, premio o riconoscimento personale.
    Come tifosi pensanti, abbiamo pensato di condividere questo nostro pensiero con i molti che, ne siamo certi, sono sulla nostra stessa linea.
    Insieme, in silenzio ed in autonomia, possiamo far sentire la nostra voce e cambiare la storia.

    TESTA ALTA O BASSA?

    A te la scelta.

  • Somma torna ad allenare: ripartirà dal Potenza

    Era il primo giugno 2014 quando l’ex difensore della Salernitana, noto anche come commentatore Rai, Mario Somma, firma come allenatore granata. La sua esperienza durò poco perchè il 18 agosto è esonerato prima d’inizio campionato dopo la lite con Angelo Fabiani, accusato dallo stesso Somma di avergli comminato multa di 3.900 su 30.000 di stipendio annui per questioni etiche. Ancora vivo il ricordo di quella conferenza stampa dove Somma mette a nudo la realtà di quella Salernitana (sono passati sei anni). Ora ritorna su un campo di calcio, al Potenza. Come riporta il Corriere dello Sport, l’accordo è stato già tovato ma bisogna risolvere quello con Giuseppe Raffaele.

    “Sembra essere lui l’erede di Giuseppe Raffaele. Ha mostrato la sua disponibilità al patron Caiata per proseguire il progetto di valorizzazione dei giovani. Per Somma sarà un ritorno in Basilicata, dopo l’esperienza del 2000-2001” – scrive il Correire dello Sport.

    Di seguito, il video integrale di quella famosa conferenza stampa al PoloNautico ripresa integralmente e visibile sul canale di Salernonotizie.it

     

     

  • Lo staff di Castori: Bocchini, Pescosolido, Castori Jr e Genovese

    Con Fabrizio Castori arrivano in granata anche Riccardo Bocchini (allenatore in seconda), Carlo Pescosolido (preparatore atletico) e Marco Castori, figlio del tecnico marchigiano e nuovo match analyst granata.

    Anche per Bocchini è un ritorno all’Arechi, già al fianco del tecnico marchigiano nella sua esperienza in granata nel 2009. Ma il tecnico di Montefalco  è stato il secondo di Castori anche al Cesena dal 2007 al 2008 e a Piacenza, Ascoli, Carpi e Trapani.

    ICarlo Pescosolido sarà l nuovo preparatore atletico granata e sostituirà Cristoforo Filetti già passato al Paris Saint Germain. Anche Pescosolido conosce molto bene il neo tecnico granata visto che con lui ha collaborato a Piacenza, Ascoli, Reggina, Cesena mentre nella stagione appena conclusa era il preparatore dell’empoli di Christian Bucchi.

    Marco Castori sarà il nuovo match analyst. Ha seguito il padre nelle sue avventure a Cesena, Carpi e Trapani. A Salerno prenderà il posto di Sandro Antonini.

    Nel ruolo di preparatore dei portieri potrebbe rivedersi Gigi Genovese.

  • UFFICIALE: Castori è il nuovo allenatore della Salernitana. Arrivano anche Bocchini, Pescosolido e Castori Junior

    È ufficiale. Fabrizio Castori è il nuovo allenatore della Salernitana. Lotito riesce a rientrare a oma in tempo per incontrare Mezzaroma e Fabiani a Villa San Sebastiano dove si è deciso sul da farsi. Era presente anche lo stesso Castori con il quale si è parlato sicuramente anche di tattica e di calciomercato. Questo il  comunicato della società:

    “L’U.S. Salernitana 1919 comunica di aver raggiunto l’accordo con il Sig. Fabrizio Castori e di avergli affidato la guida della prima squadra. Il tecnico ha firmato con il club granata un contratto annuale con opzione per il secondo.
    Farà parte dello staff tecnico l’allenatore in seconda Riccardo Bocchini, il preparatore atletico Carlo Pescosolido e il match analyst Marco Castori”.

    Il tecnico ha rilasciato, inoltre, le prime dichiarazioni: “Sono molto contento di aver raggiunto l’accordo con la Società granata. Ringrazio i Presidenti Lotito e Mezzaroma per avermi dato la grande opportunità di tornare in una piazza importante di cui conosco già la passione e l’incredibile entusiasmo”.

    Fabrizio Castori è stato già a Salerno insieme al suo vice Bocchini ( anche per lui un ritornoo) nel  2008-2009 con i granata appena ritonrati in Serie B. Il campionato inizia in maniera promettente, con la squadra stabilmente nelle prime 7 posizioni in classifica per le prime 11 giornate. Successivamente, viene esonerato il 6 dicembre 2008 dopo la sconfitta col Livorno per 3-0, la quarta consecutiva, lasciando la squadra al 16º posto in classifica, poco sopra la zona retrocessione, dopo che aveva ottenuto 2 punti nelle ultime 7 gare. Il 24 gennaio 2009 la società lo richiama in panchina rilevando l’esonerato Bortolo Mutti. Il 4 aprile, in seguito al 2-2 casalingo col Treviso ultimo in classifica, è esonerato nuovamente, dopo i 33 punti ottenuti in 29 gare disputate tra prima e seconda gestione, e viene sostituito da Fabio Brini.

  • Salernitana vicina a Pettinari e Taugourdeau

    Sull’asse Trapani – Salerno sembra più di una semplice ipotesi la possibilità di vestire la maglia granata di Salerno per Stefano Pettinari , attaccante classe ’92, affare che si può fare per un milione di euro e  Anthony Taugourdeau: centrocampista francese che si muoverà soltanto dopo il pagamento della clausola rescissoria di 20mila euro.

  • Playout: il Pescara ribalta la partita e vince 2-1 contro il Perugia

    ìGli abruzzesi ribaltano il Perugia e vincono 2-1 in casa l’andata dei playout per non retrocedere in Serie C, ora appuntamento a venerdì per il ritorno. Primo tempo da copione: il Pescara fa la partita, il Perugia gioca in contropiede e sfrutta le fasce, soprattutto la destra con Falzerano (lo ritroveremo poi). Scognamiglio va vicino al gol al 21esimo, Pucciarelli replica sette minuti dopo, ma il suo destro finisce a lato. Vicario salvo. Poi, al minuto 40, il Perugia alza la testa e punge: Falzarano – eccolo, il migliore dei suoi – affonda sulla destra, crossa e trova Kouan, classe ’99, che in scivolata batte Fiorillo. 1-0 Perugia. Secondo gol stagionale per l’ivoriano (non segnava dal 24 settembre contro il Frosinone). Kouan, ventenne di Abijan, due anni fa fu pagato 10mila euro dal Perugia, brava a scovarlo nella Vigor Perconti anticipando la concorrenza. Sembra fatta, ma il Perugia si siede. Sottil mantiene l’11 iniziale, non stravolge la squadra e viene ripagato intorno all’ora di gioco. Il pareggio è del solito Galano: l’ex Bari sfrutta un bel cross di Masciangelo dalla sinistra e segna di testa indisturbato, dopo un ottimo inserimento. “Palla a Galano e qualcosa succede”, dicono i tifosi. E infatti è così, 14esimo gol stagionale per lui, trascinatore del Pescara anche ai playout. Ma non è finita. Dopo una bella parata di Vicario su Campagnaro (61′), Sottil completa la rimonta con il rigore di Maniero, settimo gol in campionato. Nicolussi Caviglia trattiene Pucciarelli: penalty. Maniero non sbaglia e fa 2-1. Il resto è ordinaria amministrazione, Sottil blinda i suoi e gli umbri non pungono. Nel finale espulso il team manager del Pescara Gessa. Al Perugia, per restare in B, servirà un’impresa in casa.

    (fonte:gazzetta.it)

  • Un simbolo del tifo granata compie 80 anni: Rocco Olivieri

    Un pezzo di storia quest’oggi compie 80 anni. E’ Rocco Olivieri, tifoso storico, simbolo di quel cuore granata, di quel tifo che forse sta scomparendo, di quell’amore unico verso la propria città. Un palco presso il Solarium della Spiaggia di Santa eresa montato ad hoc per festeggiare questo vero simbolo. E c’erano tutti, da Gianni Novalla a Riccardo Santoro ad alcuni vecchi calciatori granata, agli ultras, a Celeste Bucciarelli, al Vikingo alias Raffaele Russo e tanti altri. Auguri di cuore caro Rocco da parte anche della nostra redazione e che tu possa essere sempre di esempio ai giovani tifosi.

  • Salernitana: operazione zero introiti

    SALERNITANA, OPERAZIONE 0 INTROITI.
    FACCIAMO GIRARE
    “L’Unione Sportiva Salernitana,unitamente alla sua tifoseria,è considerata dalla sua proprietà, nelle persone di Claudio Lotito (presidente SS Lazio), Marco Mezzaroma (Morgenstern s.r.l.) e Mariano Fabiani (ufficialmente “direttore generale “) una semplice azienda, un satellite dove far girare giocatori giovani di proprietà della Lazio,oltre a vecchie glorie che hanno solo l’obiettivo di illudere la piazza ed ottenere pensionamenti anticipati.

    Dopo l’ennesimo campionato fallito,dopo aver mancato un anonimo ottavo posto per un accesso ai playoff senza concrete speranze di promozione in A, la società è apparsa nuovamente nebulosa sui piani futuri, nè si è sentita in dovere di scusarsi verso i tifosi che la sovvenzionano per aver mancato nuovamente gli obiettivi.

    L’ evidente arroganza della proprietà, che considera la piazza salernitana non meritevole di ambizioni (ostentando più volte disprezzo verso la sua storia, rilasciando comunicati smentiti poi dai fatti come ad esempio ad Aprile 2019) ha creato un clima di spaccatura all’interno della tifoseria, alimentato da parte della stampa e della tifoseria compiacente che non mostra alcun spirito critico e chiude volutamente gli occhi di fronte alla deludente realtà.

    Questo evento,più simbolico che effettivo (non prevede alcun incontro pubblico) vuole rivolgersi a TUTTI i tifosi, INDISTINTAMENTE, per cui la DIGNITÀ e L’ORGOGLIO rimangono ancora dei valori non negoziabili.

    Disputare campionati senza alcuna ambizione e illudere i tifosi con proclami in senso contrario va contro i sani valori dello sport,e nessuna piazza,men che meno Salerno, può meritare questo.

    Claudio Lotito, così come Marco Mezzaroma, è stato accolto ed acclamato dalla città di Salerno, che ha esteso il proprio affetto anche nei confronti delle rispettive famiglie.
    Il risultato di tanto affetto,presenze allo stadio e passione , è stato ripagato con ARROGANZA e DISINTERESSE.

    Pertanto, come forma di protesta civile ed efficace, si invita a:

    1) EVITARE DI SOTTOSCRIVERE QUALSIASI ABBONAMENTO, ANCHE SE A PREZZO AGEVOLATO

    2) NON CLICCARE SU ARTICOLI PROSOCIETA’ O PRESUNTI TALI (INCLUSI QUELLI CHE TRATTANO DI CALCIOMERCATO) IN CUI LA REALTÀ DEI FATTI È COSTANTEMENTE MANIPOLATA DA GIORNALISTI NON INDIPENDENTI E/O MANOVRABILI

    3) EVITARE DI ACQUISTARE QUALSIASI PRODOTTO DELLO STORE UFFICIALE,BIGLIETTI E QUALSIASI PRODOTTO SUSCETTIBILE DI PRODURRE INTROITO ALLA PROPRIETÀ

    Si vuole in questo modo lanciare i seguenti messaggi alla società:

    A) a prescindere da ogni risultato(promozione o retrocessione) o campagna acquisti, gli si chiede di VENDERE la società

    B)che ogni articolo non veritiero o dichiarazione “strategica” saranno ignorati,così come ogni accusa di ingratitudine ai tifosi

    C) che la tifoseria chiede maggior chiarezza sull’acquisizione di marchio,colore e denominazione sociale e le modalità con cui gli stessi sono stati depositati presso il Comune di Salerno (circostanza poco chiara) onde evitare una situazione “energy power-bis”.

    D) Che il loro tempo a Salerno è finito,da tanto.

    LA SALERNO CON ORGOGLIO E DIGNITÀ
    Salerno,10 Agosto 2020″

  • Salerno State of mind: “le grandi firme hanno ignorato la nostra iniziativa”

    Dalla pagina facebook “Salerno State of Mind” viene pubblicata una nota in cui si denuncia la mancata presenza e divulgazione da parte degli organi di sampa delle”grandi firme”. ricordiamo che gli organi di stampa hanno la facoltà e la libertà di scegliere cosa è e cosa non è notizia anche a seconda della propria linea editoriale. I tifosi, a nostro avviso, hanno a loro volta il diritto di scegliere a chi affidarsi e di prendere atto di chi vuole o non vuole aiutarli nella loro idea. Il loro buon intento di unire la tifoseria e unire la stampa non è facile ma non impossibile. Noi di Salernitana.it, non avendo mai avuto nessuna linea sportiva o politica univoca, ma esendo una testata di libero pensiero, senza voler ledere l’immagine della società US Salernitana 1919, gestita principalmente alle figure di Marco Mezzaroma e Claudio Lotito, condividiamo le notizie della tifoseria granata affinchè venga divulgato il libero pensiero democratico e le loro iniziative.

    Questo il testo del post:

    “Preso atto che alcuni, cosiddetti ‘grandi firme’ della cronaca sportiva, contattati da noi hanno ignorato la nostra iniziativa, ribadiamo l’invito alla diffusione dell’evento,e dell’aggiornato comunicato di cui sotto,con una nota aggiuntiva riguardante il Cavalluccio.
    Invitiamo a leggere di nuovo ed inoltrare,consapevoli che l’unica maniera per dare un segnale forte non è altro che la pura e semplice INDIFFERENZA verso la proprietà e le annesse testate compiacenti.
    Di seguito il comunicato,aggiornato :

    L’Unione Sportiva Salernitana,unitamente alla sua tifoseria,è considerata dalla sua proprietà, nelle persone di Claudio Lotito (presidente Lazio), Marco Mezzaroma (Morgenstern s.r.l.) e Mariano Fabiani (ufficialmente “direttore generale “) una semplice azienda, un satellite dove far girare giocatori giovani di proprietà della Lazio,oltre a vecchie glorie che hanno solo l’obiettivo di illudere la piazza ed ottenere pensionamenti anticipati.

    Dopo l’ennesimo campionato fallito,dopo aver mancato un anonimo ottavo posto per un accesso ai playoff senza concrete speranze di promozione in A, la società è apparsa nuovamente nebulosa sui piani futuri, nè si è sentita in dovere di scusarsi verso i tifosi che la sovvenzionano per aver mancato nuovamente gli obiettivi.

    L’ evidente arroganza della proprietà, che considera la piazza salernitana non meritevole di ambizioni (ostentando più volte disprezzo verso la sua storia, rilasciando comunicati smentiti poi dai fatti come ad esempio ad Aprile 2019) ha creato un clima di spaccatura all’interno della tifoseria, alimentato da parte della stampa e della tifoseria compiacente che non mostra alcun spirito critico e chiude volutamente gli occhi di fronte alla deludente realtà.

    Questo evento,più simbolico che effettivo (non prevede alcun incontro pubblico) vuole rivolgersi a TUTTI i tifosi, INDISTINTAMENTE, per cui la DIGNITÀ e L’ORGOGLIO rimangono ancora dei valori non negoziabili.

    Disputare campionati senza alcuna ambizione e illudere i tifosi con proclami in senso contrario va contro i sani valori dello sport,e nessuna piazza,men che meno Salerno, può meritare questo.

    Claudio Lotito, così come Marco Mezzaroma, è stato accolto ed acclamato dalla città di Salerno, che ha esteso il proprio affetto anche nei confronti delle rispettive famiglie.
    Il risultato di tanto affetto,presenze allo stadio e passione , è stato ripagato con ARROGANZA e DISINTERESSE.

    Pertanto, come forma di protesta civile ed efficace, si invita a:

    1) EVITARE DI SOTTOSCRIVERE QUALSIASI ABBONAMENTO, ANCHE SE A PREZZO AGEVOLATO

    2) NON CLICCARE SU ARTICOLI PROSOCIETA’ O PRESUNTI TALI (INCLUSI QUELLI CHE TRATTANO DI CALCIOMERCATO) IN CUI LA REALTÀ DEI FATTI È COSTANTEMENTE MANIPOLATA DA GIORNALISTI NON INDIPENDENTI E/O MANOVRABILI

    3) EVITARE DI ACQUISTARE QUALSIASI PRODOTTO DELLO STORE UFFICIALE,BIGLIETTI E QUALSIASI PRODOTTO SUSCETTIBILE DI PRODURRE INTROITO ALLA PROPRIETÀ

    Si vuole in questo modo lanciare i seguenti messaggi alla società:

    A) a prescindere da ogni risultato(promozione o retrocessione) o campagna acquisti, gli si chiede di VENDERE la società

    B) che ogni articolo non veritiero o dichiarazione “strategica” saranno ignorati,così come ogni accusa di ingratitudine ai tifosi

    C) che la tifoseria chiede maggior chiarezza sull’acquisizione di marchio,colore e denominazione sociale e le modalità con cui gli stessi sono stati depositati presso il Comune di Salerno (circostanza poco chiara) onde evitare una situazione “energy power-bis”.

    D) Che il loro tempo a Salerno è finito,da tanto.

    LA SALERNO CON ORGOGLIO E DIGNITÀ
    Salerno,10 Agosto 2020″

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker