Mirko Cantarella

  • Stadio Donato Vestuti pronto per il Centenario

    Continua l’allestimento in ogni angolo della città e della sua provincia l’allestimento in occasione del centenario della Salernitana calcio. Dal rione Carmine, al quartiere Pastena, da Rione Piombino a Baronissi, da Torrione a Fuorni a Pontecagnano ed in ogni altra cittadina della provincia campeggiano nastri bianchi e granata, bandiere, cavallucci, striscioni ed anche tante opere d’arte. Non poteva, il tempio del calcio granata, non avere il suo look in occasione dei 100 anni e ci hanno pensati tifosi storici, di quelli che in curva hanno fatto la storia del tifo e delle coreaografie, di quelle che negli anni ’80 e ’90 hanno fatto il giro del mondo lasciando a bocca aperte tifoserie di squadre più blasonate nel panorama calcistico nazionale e fuori Italia (ed all’epoca non c’erano i pc ultra tecnologici, i social ed i videofonini). Un mega telo retinato con impresso l’evoluzione del cavalluccio ed in basso la frase: “Amarti è stato facile…dimenticarti IMPOSSIBILE! 1919 / 2019”. In alto a fare da cornice al vecchio Stadio Littorio, aste con le bandiere  granata su cui sono impressi gli stemmi che hanno caratterizzato la storia della Salernitana. Il video dell’allestimento è stato realizzato da Salernitana.it esclusa l’ultima parte (il video con la colonna sonora “Vattene amore”) che è stata realizzata da tifosi granata grazie all’ausilio di un drone e a cui vanno gli applausi ed un grazie per il gusto e la professionalità, oltre l’amore per la propria città e per i propri colori.

  • Il Vianema nato con…gli stuzzicadenti

    Negli appuntamenti legati al Centenario della Salernitana calcio, all’Hotel Mediterranea si è svolta una convention su Gipo Viani ed il vianema dal titolo “Salerno, il Vianema ed il calcio di oggi”, tappa del progetto “Cento per Cento granata”. Con la magitrale conduzione di Franco Esposito e Roberto Guerriero, si sono alternati opsiti di rilievo tra cui Giorgio Viani (figlio di Gipo), Emanuele Calaiò, Salvatore Avallone e l’ex CT ddella Nazionale italiana Gianpiero Ventura. Interessantssimo e curioso il ricordo di Giorgio su come il padre gli avrebbe spiegato il Vianema. “Vi speigo come papà ha fatto la storia” e nel frattempo, presi un pò di stuzzicadenti li spezzò in tre parti e , stesi sul tavolo, spiegò come Gipo avrebbe inventato quel famoso libero in difesa che segnò il cambio e l’innovazione negli schemi calcistici; nato dal bisogno di non prendere gol e frenare le avanzate dlle squadre più forti. I ricordi poi si spostano sul “compariello” (così lo chiamava Gipo) Vincenzo Margiotta, su Valese, Volpe ( i cui figli erano presenti in sala) e all’emozione di vedere il nome del padre nell’ Hall of Fame della FIGC (presente in sala anche Gipo Viani JR). E poi non ha trdito ‘l’emozione di quel ricordo della grande folla che attese la squadra alla stazione quando la Salernitana andò in Serie A.  Ha poi chiuso dichiarando: “Se dovesse essere Ventura l’allenatore della Salernitana, gli auguro di poter raggiungere la promozione che questa gente merita”.

    Quel: “Ci vediamo presto mister…”

    Presa la parola, mister Ventura ha esordito, visto che era vicino a Calaiò”, ricordando quel rigore che l’arciere sbagliò contro la Fermana quando vestiva la maglia del Napoli nel 2005  (partita che finì, quel 16 gennaio, sull’ 1-1). “Avevo i capelli come Little Tony – ha ironizzato simpaticamente Ventura – quando Calaiò si presentò sul dischetto. Quando sbagliò mi fece cadere tutti i capelli”. Sorrisi da parte di tutti i presenti, poi il mister alla fatidica domanda se poteva essere vertiero un suo approdo a Salerno ha risposto che, al di fuori dell’attesa della rsposta del Collegio di Garanzia del CONI e del caso Palermo, con la Salernitana non c’è nulla. Ritornando a Viani e al Vianema, ha ricordato che questa invenzione del libero ha segnato il modo di vedere il calcio; fu una grandissima innovazione per un abbozzo di fraseggio e di compattezza difensiva. A manifestazione conclusa, il Team Menager granata Salvatore Avallone avvicinandosi a mister Ventura con una pacca sulla spalla lo saluta dicendogli: “Ci vediamo presto mister…” lasciando il beneficio del dubbio sulla concreta possibilità di vedere Ventura in “maglia granata”.

     

     

  • “Il Capitano” la storia di Donato Vestuti

    “Il Capitano – la storia di Donato Vestuti”, libro edito da Telecolore edizioni, è stato presentato nella sala della Libreria Feltrinelli in Corso Vittorio Emanuele a Salerno dai giornalisti Franc Esposito e Roberto Guerriero. Un bellissimo escursus ricco di fotografie, di ricordi, di documenti per riportare in vita quel giornalista che fu moralmente il fondatore della società di calcio Salernitana. Un lavoro non facile ed elaborato, per capire questo personaggio come ricordato dallo stesso Esposito che poi ha ribadito di non avere la presuzione di essere chiamati scrittori ma di rivendicare con orgoglio il lavoro svolto con qualità e dedizione. Ebolitano di origine (primo giugno 1887) e morto sul Carso nel 1918, Donato Vestuti da giornalista fu fondatore e direttore del quotidiano salernitano “Il giornale della Provincia“. Studente del Covitto Nazionale, diede molto al calcio salernitano fondando nel 1913 il Foot Ball Club Salerno.

  • Generazione Vestuti: “Azzeramento quadri US Salernitana 1919 e blocco della rosa attuale”

    Quelli di tanto tempo fa, coloro che hanno donato amore e cuore alla maglia granata, sono i tantissimi soci del club Generazione Donato Vestuti. Sono stati in religioso silenzio senza dir nulla pur soffrendo per le sorti dei granata,un decadimento avvenuto partita dopo partita, fino all’epilogo finale dello spareggio con il Venezia per non tornare nell’infermo della Serie C (in attesa del caso Foggia che potrebbe uleriormente sconvolgere la calassifica). Ora hanno deciso di parlare con un comunicato ufficiale girato alla stampa di una petizione popolare:

    “La Generazione Donato Vestuti promuove una petizione popolare per chiedere l’immediato azzeramento dei quadri dirigenziali della società U.S. Salernitana 1919 e il licenziamento del capo di questa struttura, il direttore generale Angelo Fabiani.
    Contestualmente sin da ora si chiede alla proprietà, in caso di esito negativo degli spareggi salvezza,di non cedere alcun calciatore dell’attuale rosa, affinché coloro che sono tra i maggiori responsabili, possano toccare con mano, anche dal punto di vista professionale, le conseguenze delle loro nefandezze.
    Nell’anno del Centenario si sta consumando la più grave e inaccettabile onta della storia del club.
    Un disastro sociale e sportivo che non può restare impunito.
    W SALERNO W LA SALERNITANITA’ W LA SALERNITANITA! !!”

    (Foto da: salerno.itialiani.it)

  • Nesta convoca 23 calciatori per la sfida contro la Salernitana

    Sono 23 i convocati da Nesta:

    PORTIERI: Gabriel, Bizzarri, Perilli.

    DIFENSORI: Falasco, Felicioli, Gyomber, Mazzocchi, Rosi, Sgarbi,

    CENTROCAMPISTI: Bianco, Bordin, Carraro, Dragomir, Falzerano, Kouan, Kingsley, Moscati, Ranocchia, Verre.

    ATTACCANTI: Han, Melchiorri, Sadiq, Vido.

  • Perugia – Salernitana: gli umbri nel 2019 sempre sconfitti in casa

    Tre partite di campionato disputate al “Curi” dal Perugia, da inizio 2019 ed altrettante sconfitte: 0-2 dal Brescia, 1-2 dal Palermo, 0-1 dal Cosenza. L’ultimo risultato positivo umbro davanti al proprio pubblico risale al 27
    dicembre 2018, 3-0 sul Foggia. Gli umbri sono coloro che inoltre, pareggiano di meno in questo campionato di B; solo 5 volte. Tra le altre curiosità, se Alessandro Bernardini dovesse essere presente in campo taglia il traguardo dei 200 gettoni in Lega B, collezionati con le maglie di Livorno e Salernitana. L’esordio è datato 11 settembre 2010, Vicenza-Livorno 0-0. Thiago Casasola taglia il traguardo delle 100 gare in serie B italiana, dove ha debuttato il 19 settembre 2015 in Vicenza-Como 3-3. Como, Trapani e Salernitana le maglie finora
    indossate dal difensore granata.

    Nesta vs Gregucci

    Alessandro Nesta sfida per la prima volta in partite ufficiali, da allenatore, Angelo Gregucci, mentre  sfida per la seconda volta in partite ufficiali la Salernitana dopo la sconfitta subita nella gara di andata, 1-2 all’ “Arechi”. Da calciatore, Nesta ha giocato una volta contro i campani: successo interno per 6-1 della “sua” Lazio nella serie A 1998/99, dove l’attuale coach biancorosso segnò il suo primo gol in Serie A, al 90’. Angelo Gregucci è imbattuto nei 2 precedenti ufficiali, da allenatore, contro il Perugia: score di 1 successo del coach
    granata ed 1 pareggio.

     

  • Perugia -Salernitana: 21 precedenti; granata senza vittorie al Curi dal 2005

    Perugia e Salernitana si sono affrontate ben 21 volte in Umbria con un bilancio di 8 vittorie per i padroni di casa, 9 pareggi e 4 successi granata e quindi favorevole ai grifoni. Il primo incontro risale alla stagione 1940/1941 mentre l’ultima sfida risale alla scorsa stagione. Tra esse si ricorda anche una gara in serie A, datata 21 marzo 1999, 1-0 per i biancorossi, con rete decisiva al 71’ di Milan Rapaic. I granata non vincono al “Curi” dal 21 febbraio 2005, 1-0 in B con gol determinante di Bombardini. A favore dei biancorossi anche le realizzazioni con 23 reti mentre la Salernitana ne ha messe a segno 18.

    1940/1941 Serie C Perugia – Salernitana 1 – 0

    1946/1947 Serie B Perugia – Salernitana 1 – 3 (OnoratoMargiottaMargiotta)

    1982/1983 Coppa Italia Perugia – Salernitana 1 – 1 (Zaccaro)

    1988/1989 Serie C-1 Perugia – Salernitana 1 – 1 (Di Bartolomei)

    1989/1990 Serie C-1 Perugia – Salernitana 0 – 0

    1991/1992 Serie C-1 Perugia – Salernitana 1 – 0

    1992/1993 Serie C-1 Perugia – Salernitana 1 – 0

    1993/1994 Serie C-1 Perugia – Salernitana 3 – 0

    1993/1994 Coppa Italia C Perugia – Salernitana 0 – 0

    1994/1995 Serie B Perugia – Salernitana 1 – 2 (StradaPisano)

    1995/1996 Serie B Perugia – Salernitana 1 – 2 (FerrantePisano)

    1997/1998 Serie B Perugia – Salernitana 1 – 1 (De Cesare)

    1998/1999 Serie A Perugia – Salernitana 1 – 0

    2000/2001 Coppa Italia Perugia – Salernitana 2 – 1 (Chianese)

    2004/2005 Serie B Perugia – Salernitana 0 – 1 (Bombardini)

    2006/2007 Serie C-1 Perugia – Salernitana 1 – 1 (Sestu)

    2007/2008 Serie C-1 Perugia – Salernitana 1 – 1 (Di Napoli)

    2013/2014 I Divisione Perugia – Salernitana 1 – 0

    2015/2016 Serie B Perugia – Salernitana 1 – 1 (Coda)

    2016/2017 Serie B Perugia – Salernitana 3 – 2 (CodaRonaldo)

    2017/2018 Serie B Perugia – Salernitana 1 – 1 (Rosina)

  • Calciomercato: Cocco al Padova

    L’attaccante, ex Pescara, Andrea Cocco, si era svincolato dal club abruzzese in vista del mercato invernale per poter abbracciare un nuovo progetto. La chiamata è arrivata proprio dal Padova; “Volevo mantenere la categoria, avrei dovuto già andare via in estate, ma Pillon mi convinse a rimanere. Purtroppo poi non c’è stata la possibilità di giocare e a gennaio ho deciso di rescindere l’ultimo giorno di mercato per farmi trovare pronto.  Non ho il ritmo partita ma credo che rapidamente possa raggiungere il top della condizione. Se Bisoli vuole io sono pronto ad andare in panchina già sabato. In questo momento la salvezza sembra difficile, ma abbiamo tanti scontri diretti e possiamo farcela”

  • Perugia – Salernitana affidata a Guccini di Albano laziale, l’arbitro del rigore negato e dell’espulsione a Schiavi

    Perugia – Salernitana sarà diretta da Francesco Guccini di Albano Laziale. Gli assistenti saranno Luigi Lanotte (sez. Barletta) e Giuseppe Macaddino (sez. Pesaro). IV uomo: Antonio Di Martino (sez. Teramo), l’arbitro che doveva dirigere la sfida al Bentegodi tra Verona e Salernitana e poi sostituito dall’arbitro Serra. Settimo incrocio tra Guccini e i granata; il fischietto laziale ha già diretto in questa stagione Cremonese – Salernitana alla settima di campionato e fu l’arbitro protagonista del netto rigore negato a Djuric sul finale della gara in un contrasto con Kresic. Nell’azione successiva fallo di Terranova su Schiavi non fischiato e squalifica di quattro giornate (poi ridotte a tre) per le reiterate proteste dell’allora capitano granata e di una giornata per Colantuono.

    Gli altri incroci con i granata risalgono allo scorso campionato in Salerntana – Cittadella 1-3: nel Campionato di Serie C del 2014-2015 in Martina Franca – Salernitana 1-2 e Salernitana – Matera 0-1; nel 2012-2013 diresse Teramo – Salernitana 4-1 e la semifinale della Poule Scudetto di Serie D a Umbertide tra Salerno Calcio e Teramo che terminò 1-1 nei tempi regolamentari e col Teramo che s’impose  4-2 ai calci di rigore.

    Dal sito trasfertmarkt le gare dirette quest’anno da Guccini:

    Coppa ItaliaCOPPA ITALIA
    Giornata Data Squadra casa Squadra ospite Risultato        
    2° Turno 05/ago/2018 AS Livorno Casertana FC 8:7 d.c.r.
    Serie BSERIE B
    Giornata Data Squadra casa Squadra ospite Risultato        
    2 02/set/2018 AC Perugia Calcio Ascoli Calcio 2:0
    5 25/set/2018 AS Livorno US Lecce 0:3
    7 06/ott/2018 US Cremonese US Salernitana 1919 0:0
    10 30/ott/2018 Cosenza Calcio Delfino Pescara 1936 1:1
    14 02/dic/2018 Carpi FC 1909 US Lecce 0:1
    17 23/dic/2018 AS Cittadella AC Perugia Calcio 2:2
    20 20/gen/2019 Delfino Pescara 1936 US Cremonese 0:0
    23 09/feb/2019 US Cremonese Calcio Padova 0:0

     

  • Giudice sportivo: 3 squalificati; Spezia – Livorno risultato non omologato e 20.000 euro di multa alla società toscana

    Il Giudice sportivo a margine della settima giornata di ritorno della Serie BKT ha squalificato 3 calciatori, tutti per un turno. Non omologato il risultato di Spezia-Livorno, in virtù del preannuncio di reclamo da parte della società ospite.Come si legge nel comunicato ufficiale: “Il Giudico Sportivo, ricevuto dalla Soc. Livorno preannuncio di reclamo in ordine alla regolarità della gara sopra indicata, in attesa di ricevere le motivazioni, questo Giudice si riserva di decidere in merito all’omologazione del risultato”.

    Di seguito il comunicato ufficiale numero 120

    Il Giudice Sportivo avv. Emilio Battaglia, assistito da Stefania Ginesio e dal Rappresentante
    dell’A.I.A. Carlo Moretti, nel corso della riunione del 28 febbraio 2019, ha assunto le decisioni
    qui di seguito riportate:

    Ammenda di € 20.000,00 e diffida: alla Soc. LIVORNO per avere suoi sostenitori, al momento
    dell’ingresso nello stadio, forzato i cancelli dell’impianto, danneggiato i tornelli e messo fuori uso
    i maniglioni anti-panico; per avere inoltre, al 27° del primo tempo, aggredito alcuni stewards
    presenti nel loro settore ferendone lievemente quattro, generando un parapiglia tale da costringere
    gli stewards ad abbandonare il settore. Al contempo lanciavano in direzione delle Forze
    dell’Ordine, intervenute per cercare di ripristinare la calma, alcuni oggetti di vario genere;
    sanzione attenuata ex art. 14 n. 5 in relazione all’art. 13, comma 1 lett. b) CGS, per avere la
    Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi e di vigilanza.

    Ammenda di € 3.000,00: alla Soc. PALERMO per avere suoi sostenitori, al 17° del secondo
    tempo, lanciato un fumogeno sul terreno di giuoco; sanzione attenuata ex art. 14 n. 5 in relazione
    all’art. 13, comma 1 lett. b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze
    dell’Ordine a fini preventivi e di vigilanza.

    Ammenda di € 1.500,00: alla Soc. FOGGIA per avere suoi sostenitori, al termine della gara,
    lanciato un petardo nel recinto di giuoco; sanzione attenuata ex art. 14 n. 5 in relazione all’art. 13,
    comma 1 lett. b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini
    preventivi e di vigilanza.

    Ammenda di € 1.500,00: alla Soc. LECCE per avere suoi sostenitori, al 2° del primo tempo,
    lanciato un fumogeno nel recinto di giuoco; sanzione attenuata ex art. 14 n. 5 in relazione all’art.
    13, comma 1 lett. b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a
    fini preventivi e di vigilanza.

    CALCIATORI
    CALCIATORI NON ESPULSI
    SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA
    BUSELLATO Massimiliano (Foggia): per comportamento scorretto nei confronti di un
    avversario; già diffidato (Quinta sanzione).
    MODOLO Marco (Venezia): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già
    diffidato (Decima sanzione).
    PETRICCIONE Jacopo (Lecce): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario;
    già diffidato (Quinta sanzione).

    PER PROTESTE NEI CONFRONTI DEGLI UFFICIALI DI GARA
    AMMONIZIONE
    TREDICESIMA SANZIONE
    BELLUSCI Giuseppe (Palermo)

    AMMONIZIONE CON DIFFIDA (QUARTA SANZIONE)
    DAWIDOWICZ Pawel Marek (Hellas Verona)
    TERZA SANZIONE
    CAMPAGNARO Hugo Armando (Pescara)

    PER COMPORTAMENTO SCORRETTO NEI CONFRONTI DI UN AVVERSARIO
    AMMONIZIONE
    UNDICESIMA SANZIONE
    SABBIONE Alessio (C
    DI GENNARO Matteo (Livorno)
    DRAGOMIR Vlad Mihai (Perugia)
    STRIZZOLO Luca (Cremonese)

    AMMONIZIONE CON DIFFIDA (QUARTA SANZIONE)
    CAVION Michele (Ascoli)

    TERZA SANZIONE
    BERETTA Giacomo (Ascoli)
    BONAZZOLI Federico (Padova)
    CRISETIG Lorenzo (Benevento)
    NGAWA Pierre Yves R M (Foggia)
    PICCOLO Antonio (Cremonese)
    PORCINO Antonio (Livorno)
    SEMPRINI Alessandro (Brescia)
    VASCONCELOS FERREIRA Gabriel (Perugia)
    ZAMPANO Giuseppe Marco (Venezia)

    SECONDA SANZIONE
    COULIBALY Mamadou (Carpi)
    LARIBI Karim (Hellas Verona)
    LONGHI Alessandro (Padova)
    MBAKOGU Jerry (Padova)
    MOREO Stefano (Palermo)
    ODJER Moses (Salernitana)
    SZYMINSKI Przemyslaw M (Palermo)
    TACHTSIDIS Panagiotis (Lecce)

    PRIMA SANZIONE
    ANDERSON Djavan Lorenzo (Salernitana)
    CALAIO’ Emanuele (Salernitana)
    CALDIROLA Luca (Benevento)
    CURADO Marcos (Crotone)
    DA CRUZ Alessio Sergio (Spezia)
    FORNASIER Michele (Venezia)
    SODDIMO Danilo (Cremonese)
    VITALE Mattia (Carpi)

    PER COMPORTAMENTO NON REGOLAMENTARE IN CAMPO
    AMMONIZIONE CON DIFFIDA ED AMMENDA DI € 1.500,00 (QUARTA SANZIONE)
    DELI Francesco (Foggia): per avere simulato di essere stato sottoposto ad intervento falloso in
    area di rigore avversaria (Quarta sanzione).
    OKEREKE Chidozie David (Spezia): per avere simulato di essere stato sottoposto ad intervento
    falloso in area di rigore avversaria (Quarta sanzione).

    AMMONIZIONE ED AMMENDA DI € 1.500,00 (SECONDA SANZIONE)
    FRATTESI Davide (Ascoli): per avere simulato di essere stato sottoposto ad intervento falloso
    in area di rigore avversaria.

    ALLENATORI
    AMMENDA DI € 7.000,00 E DIFFIDA
    BUCCHI Cristian (Benevento): per avere, al 23° del secondo tempo, a seguito della segnatura
    di una rete da parte della squadra avversaria, rivolto espressioni irriguardose nei confronti dei
    componenti della panchina avversaria e calciato in direzione degli stessi una bottiglietta di
    plastica; infrazione rilevata dal Quarto Ufficiale.

    AMMONIZIONE CON DIFFIDA
    GROSSO Fabio (Hellas Verona): per avere, al 38° del primo tempo, uscendo dall’area tecnica,
    contestato platealmente una decisione arbitrale; infrazione rilevata dal Quarto Ufficiale.

    AMMONIZIONE
    PILLON Giuseppe (Pescara): per avere, al 40° del secondo tempo, contestato una decisione
    arbitrale.
    ZAMBARDI Fabrizio (Ascoli): per avere, al 48° del secondo tempo, alzandosi dalla panchina,
    contestato una decisione arbitrale; infrazione rilevata dal Quarto Ufficiale.

    DIRIGENTI
    AMMONIZIONE
    LILLO Francesco (Ascoli): per avere, al 48° del secondo tempo, alzandosi dalla panchina,
    contestato una decisione arbitrale; infrazione rilevata dal Quarto Ufficiale.

    OPERATORI SANITARI
    SQUALIFICA PER DUE GIORNATE EFFETTIVE DI GARA
    TODDE Francesco (Brescia): per avere, al 33° del secondo tempo, a seguito della segnatura di
    una rete da parte della proprio squadra, rivolto un’espressione insultante al Quarto Ufficiale.

     

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker