Nicola Roberto

  • Ganz, di padre in figlio con il granata nel destino

    Da Maurizio a Simone Andrea, la famiglia Ganz ha sempre la Salernitana nel destino. Maurizio ha sfidato i granata in vari momenti della sua carriera, segnando anche un gol pesantissimo (quello che aprì le marcature in Atalanta- Salernitana 2-1 del ’95, autentico spareggio per la serie A), una sorta di rivincita dopo quel pomeriggio in chiaroscuro del settembre del ’90, quando, con la maglia del Brescia, segnò una rete ma si fece anche parare un rigore da Battara nel successo esterno dei granata (doppietta di Pasa). Simone Andrea s’è rivelato con la maglia del Como, arrivando addirittura alla Juventus. Dai bianconeri campioni d’Italia a quelli dell’Ascoli il passo all’indietro non è stato certo indolore. Dopo la stagione al verona, trascorsa all’ombra di Pazzini, in cui segnò all’Arechi, contro la Salernitana di Sannino, uno dei suoi quattro gol in campionato, il figlio d’arte ha deluso a Pescara, trovando poco spazio alla corte di Zeman e non è certo riuscito a rilanciarsi ad Ascoli, anche se ha chiuso il 2018 con un gol importante per la squadra di Vivarini. Nel valzer invernale delle punte Ganz sarebbe in procinto di lasciare le  Marche, dove sognano Iemmello o Ciofani (la Cremonese ha preso Ceravolo, intanto), e potrebbe essere un’idea per la Salernitana nel caso di partenza di un attaccante, nello specifico Bocalon, corteggiato dal Venezia. Simone Andrea Ganz è nato il 21 settembre, un giorno non certo come gli altri per i salernitani. Quando si dice il destino…

  • Scusate il ritardo: Minala a Salerno per la terza volta

    A volte ritornano. Nel suo caso, però, non è una novità. Joseph Minala e la Salernitana: siamo al terzo atto di una storia di mercato che va avanti da tre stagioni. Nel gennaio 2017 il primo approdo in granata, in prestito dalla Lazio, poi, nell’estate successiva, arrivò il bis. Minala, al termine dello scorso campionato, tornò alla Lazio in quanto il regolamento vietava un terzo prestito alla stessa società ed anche perchè aveva il desiderio di cimentarsi su altri palcoscenici. Rimasto ai margini della rosa di Simone Inzaghi, al centrocampista del Camerun era venuta un po’ di nostalgia di Salerno. Lo scorso 23 dicembre era in tribuna e come spettatore d’eccezione vide tornare a vincere i suoi compagni grazie al gol di Vitale che stese il Foggia a tempo scaduto. Rimasto nei cuori dei tifosi granata per il gol dell’epica rimonta al Partenio, Minala è tornato nei radar della Salernitana che è riuscita a superare la concorrenza della Cremonese. Claudio Lotito lo ha spinto verso Salerno, dopo che il ds Fabiani aveva avviato la trattativa con gli agenti del calciatore nelle scorse settimane. Minala arriverà a titolo definitivo, forte di un contratto fino al 2021 con la Lazio che la Salernitana si accollerà e che potrebbe anche allungare di un anno. Classe ’96, non dovrà essere inserito in lista in quanto ancora in possesso dello status di under. La Cremonese potrebbe ora dirottare le sue attenzioni su Castiglia, che la Salernitana vorrebbe cedere. In uscita anche Palumbo ed Odjer. Su Perticone c’è il Pisa, mentre Mazzarani sta valutando alcune proposte. Tutto fermo per quanto riguarda l’attacco, reparto che solo nelle ultimissime battute di mercato potrebbe essere interessato da cambiamenti. Sul fronte cessioni, la Salernitana valuta ancora il destino di Casasola, che piace anche alla Cremonese (che ha offerto il terzino sinistro Renzetti e che potrebbe privarsi di Montalto), mentre per la fascia sinistra il casting resta aperto.

  • Salernitana, under nel mirino e per Stoian arriva un assist dalla Lazio.

    La Lazio gira l’esterno Lombardi al Venezia e chissà che l’arrivo in Laguna dell’ex Benevento non spinga Stoian verso Salerno. Il Venezia era sulle tracce del calciatore del Crotone, molto stimato da Zenga, ma l’arrivo di Lombardi potrebbe anche sottintendere la rinuncia al rumeno che la Salernitana sta corteggiando da diversi giorni, forte anche della volontà del calciatore di lasciare Crotone. Avendo la lista over piena, però, il club granata prova a rimpolpare la batteria di under. Nel mirino il centrocampista del Pisa, Zammarini, e l’esterno offensivo del Piacenza, Di Molfetta. Piace anche il romanista Marcucci (’99). La prossima settimana si discuterà col Verona di Casasola, mentre per Jallow resta aperto il discorso col Chievo per un eventuale riscatto anticipato. I due club, però, non si sono ancora incontrati. La Salernitana deve piazzare Signorelli e Bellomo e valuta il futuro di Vitale, la cui partenza, però, imporrebbe un doppio innesto sulla corsia sinistra. Piace il giovane Touba, offerto lo svincolato Dramè. Bloccate, per ora, le cessioni di Palumbo ed Odjer.

  • La Carrarese irrompe su Odjer, per Jallow riscatto e…

    Giorni decisivi per il futuro di Moses Odjer. Il ghanese è da tempo infortunato e, dopo l’ultima visita di controllo, è stato giudicato quasi pronto a rientrare in campo. Chissà se lo farà ancora con la maglia della Salernitana, visto che il club granata non ha chiuso le porte ad una sua partenza. Dopo il blitz tentato dalla Virtus Entella nei giorni scorsi, sul calciatore ghanese si è fiondato il Rieti di Ezio Capuano che è in forte pressing sull’agente del calciatore. Nelle ultime ore, però, c’è stato un sondaggio da parte della Carrarese, terza in classifica nel girone A del campionato di C1, che avrebbe superato la concorrenza. Odjer è in scadenza 2020 con la Salernitana e non ha ancora ricevuto dal club granata una proposta di rinnovo dell’accordo. Nei prossimi giorni si deciderà il suo futuro. Entella, Rieti, Sicula Leonzio ed ora anche la Carrarese sono in lizza. Il club toscano sembra in vantaggio, ma la Salernitana, che sta valutando anche le cessioni di Palumbo (Catania o Cosenza) e Mazzarani (da giorni il calciatore ha un’intesa col Catania) e deve liberarsi del contratto di Signorelli, non può sguarnire la mediana senza prima individuare i sostituti dei possibili partenti. Per Jallow, invece, da giorni Salernitana e Chievo hanno avviato i contatti per discutere del possibile riscatto già ora del cartellino del gambiano da parte del club granata. All’attaccante, autore di un solo gol finora, si sono interessati Pescara, Carpi, Padova,Venezia e Cremonese. Per Stoian, invece, è testa a testa con il Venezia che fa leva sull’ottimo rapporto tra il calciatore rumeno ed il tecnico Zenga.

  • Mercato: Testa a testa col Venezia per Stoian e rispunta Minala

    Il mercato non è ancora entrato nel vivo per la Salernitana. Il club granata ha dato la priorità alla cessione di Tiago Casasola. All’inizio della prossima settimana, il futuro dell’argentino sarà definito: il Verona è in pressing sul calciatore e la Salernitana è entrata nell’ordine di idee di cederlo già a gennaio per realizzare una cospicua plusvalenza. Due milioni di euro è la valutazione fatta dal club granata ed il Verona è disposto a sborsare questa somma, ma solo a giugno. Per adesso, infatti, gli scaligeri propongono un prestito con obbligo di riscatto in caso di promozione. L’accordo, comunque, si troverà. Il ds Fabiani aspetta segnali dalla Lazio in merito a Djvan Anderson. Intanto, è rientrato dalla Pro Piacenza Kalombo, il quarto esterno destro della rosa granata che, invece, a sinistra annovera il solo Vitale. In bilico Odjer che è richiesto da Entella, Pordenone e Sicula Leonzio. Promessi al Catania, Mazzarani e Palumbo partiranno solo quando Gregucci avrà a disposizione altri centrocampisti. Per questo, si pensa ancora a Joseph Minala che, però, potrebbe tornare in granata solo a titolo definitivo. Il centrocampista del Camerun è legato alla Lazio da un contratto fino al 2021. Dal momento che Gregucci sembra intenzionato ad adottare un modulo in cui dovrebbero essere valorizzati gli esterni offensivi, la Salernitana si è mossa per Stoian, in rotta col Crotone da cui partiranno in molti. Sul rumeno c’è anche il Venezia, ma la società granata pare in vantaggio. Occhio al regista Barberis, anch’egli possibile partente dalla Calabria, che potrebbe tornare utile a Gregucci.

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker