NewsSerie B

Calaiò: “Le mie frecce colpivano al cuore i tifosi”

L'ex granata intervistato alla Gazzetta dello Sport ripercorre la sua carriera

Emanuele Calaiò, ex attaccante di Torino, Ternana, Messina, Pescara, Napoli, Siena, Genoa, Catania, Spezia, Parma e Salernitana in un intervista alla Gazzetta dello Sport ha ripercoso le tappe della sua carriera non dimenticando il suo ruolo nella squadra granata.  Tra i suoi migliori ricordi c’è la vittoria della Serie B con il Torino quando aveva solo 18 anni, la vittoria in B con il Pescara dove ha relaizzato 21 gol, ed il gol nel derby con la Sampdoria quando militava nel Genoa. Ha lasciato poi il segn anche a Catania doe a 30 anni suoati segna 18 gol. Nella sua intervista racconta anche di come è nato il gesto dell’arciere: “Ai tempi di Napoli, durante una cena con i miei amici a casa mia, stavamo cercando un’esultanza personale. All’epoca si provava a imitare Totti, Toni e altri campioni. Volevo qualcosa di originale, in modo tale che potessero ricordarsi di me, magari anche per farglielo ripetere a qualche bambino. Un’esultanza di condivisone con i tifosi, per festeggiare insieme. Io, come Cupido, conquistavo i loro cuori dopo un gol”. 

Nel suo racconto parla del suo nuovo ruolo alla Salernitana:“In seguito al ritiro, sono diventato il responsabile del settore giovanile. Salerno è stata una tappa importante, con una tifoseria gloriosa. Da qui spero partirà una carriera come quella da calciatore. 

(fonte: gazzetta.it)

Tag
Mostra tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker