aliberti

  • La Salernitana si è fermata nel 2005 – Lotito? Come ha fatto a spalmare il debito?

    Ieri sera a Coperchia la pro loco ha organizzato una manifestazione in occasione dell’ormai vicino centenario granata. Tra gli ospiti Aniello Aliberti ex patron granata del “periodo d’oro” (1994-2005) oltre all’avocato Michele Tedesco figlio di quel Giuseppe prsidente granata dal 1967 al 1972. Parole forti dell’ex presidente che ha dichiarato che dal suo allontanamento dal calcio ha visto in giro molte porcherie e che “Per me la storia si è interrotta nel 2005, il dopo non lo riconosco”. Per Aliberti la sua Salernitana stava messa bene e non doveva essere esclusa. Come ha fatto Lotito a rilevare una società come la Lazio con 550 milioni di debiti e a diluire il debito con il fisco in 23 anni mentre ai granata non fu consentito nonostantetale debito era di un decimo è il quesito che Aliberti proporrebbe al coopatron granata. Il dubbio permane per quella sorta di legge  fatta appisitamente e poi cancellata.  “Certamente a Salerno non abbiamo bisogno di lezioni di vita, questi sono personaggetti come direbbe qualcuno”. Presente all’incontro anche l’ex capitano granata Luca Fusco:  “Conservo ancora la maglia numero 25 del ’98”.

  • Anche Tosto spera nel ritorno di Rossi

    La vicenda allenatore ormai ha preso l’attenzione di tutti, anche forse di più rispetto alla stessa partita delicata con il Foggia di domenica all’Arechi. Ad essere attenti a ciò che accade in casa granata anche gli ex calciatori ancora innamorati della casacca granata, quell’amore che forse questa società non ha ancora capito. Pisano, Grimaudo, Tudisco chi non li ricorda? Tra tutti vogliamo segnalare un bellissimo messaggio scritto da colui che sa cosa vuol dire macinare chilometri, un certo Vittorio Tosto.

    Sul suo Instagram il terzino granata ha scritto:

    Il tempo passa, l’eta’ aumenta e la forza diminuisce.
    La tecnica si ridimensiona e chi sa’ se i cavalli di ritorno hanno la forza per ripartire.
    Io dico che vale la pena riprovare.
    La fiammella farebbe prendere fuoco ad un intera citta’ e chi sa che nell’anno del centenario non si festeggi x ben due volte.
    Insomma io spero nel ritorno del buon Delio!
    Forza 1919

    Parole bellissime all’indirizzo della città e del suo profeta: Delio Rossi

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker