arbitri

  • Arbitri in campo con il lutto al braccio

    Si stava dirigendo all’aereoporto per andare a dirigere una partita di calcio del Campionato di Eccellenza lucano ed invece l’arbitro Loris Azzaro ha trovato la morte in un incidente automobilistico questa mattina. Aveva 25 anni, erano circa le ore 6, sull’autostrada Aosta-Torino, quando il ragazzo ha perso il controllo della sua auto schiantandosi contro il guard rail. Nell’incidente sono state coinvolte altre due vetture, impatto nel quale i conducenti sono rimasti feriti in modo non grave. Sul posto è intervenuta la polizia stradale per gli accertamenti. Residente ad Aosta, Loris Azzaro frequentava la scuola per gli agenti di polizia ad Alessandria ed era figlio del comandante della stazione dei carabinieri del capoluogo valdostano.
    L’Associazione Italiana Arbitri ha deciso che tutti gli arbitri impegnati nelle relative partite ed in tutte le categorie scenderanno in campo con il lutto al braccio.

    Questo il comunicato ufficiale dell’AIA:

    “Aveva solo 25 anni e la passione per l’arbitraggio. Questa mattina Loris, un giovane arbitro della CAI, allievo agente della Polizia di Stato, stava raggiungendo, in macchina, l’aeroporto. Da lì sarebbe partito per la sede della gara. Come migliaia di arbitri fanno ogni settimana. Un tragico incidente, alle sei del mattino, lo ha portato via ai suoi cari e a tutti noi. Non c’è altro da aggiungere, se non l’amarezza e il dolore di una giovane vita spezzata, mentre inseguiva un sogno.
    Il Presidente dell’AIA Marcello Nicchi ed il Vice Narciso Pisacreta, insieme ai componenti del Comitato Nazionale, al Responsabile della CAI Andrea Gervasoni e alla Commissione ed agli arbitri CAI, anche a nome di tutti gli arbitri italiani, esprimono alla famiglia di Loris Azzaro ed ai colleghi di Aosta, profondo cordoglio e vicinanza. Si uniscono, ai sentimenti di cordoglio, il Responsabile del Settore Tecnico Arbitrale, Alfredo Trentalange, i Responsabili degli Organi Tecnici Nazionali, il Segretario dell’AIA Francesco Meloni, il Vice Segretario Massimo Solfanelli e il Direttore Responsabile della Rivista “l’Arbitro” ed i coordinatori della Redazione.
    Su disposizione del Presidente dell’AIA, in accordo con il Presidente della FIGC, tutti gli arbitri di tutte le categorie, impiegati nel fine settimana, scenderanno in campo indossando il lutto al braccio, come segno di commosso cordoglio e fratellanza“.

  • L’arbitro di “Minala al 96′” ritrova i granata

    Designato per Chievo Verona- Salernitana di lunedi sera allo stadio Bentegodi, Francesco Forneau della sezione di Roma 1. Assisenti saranno Giuseppe Perrotti della sezione di Campobasso e Marco Scatragli di Arezzo; quarto uomo Davide Moriconi della sezione di Roma 2. Forneau ha già diretto i granata in passato, ovvero nel secondo turno di Coppa Italia di Serie C Salernitana – Messina (2-0) nella stagione sportiva 2014 – 2015.  Ricordate il famoso “MInala al 96′”? Era l’ottobre del 2017 quando la Salernitana vinse una parttia rocambolesca ad Aellino per 3-2 con quel famoso gol di Minala nei minuti di recupero. Ebbene l’arbotro era proprio Forneau. Nello stesso campionato il fischietto laziale diresse anche Terana – Salernitana finita in parità (2-2).

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker