benevento

  • Serie B: vittorie importanti di Perugia e Benevento

    La Serie B, arrivata alla 24ª giornata, di nuovo in campo dopo il big match del venerdì che ha visto l’1-1 tra Palermo e Brescia. La vittoria più pesante è quella del Benevento che batte 1-0 il Cittadella e consolida il terzo posto, a tre punti dal Palermo secondo e a quattro dal Brescia capolista. Tra l’altro la squadra di Bucchi ha già riposato, a differenza delle prime due. In fondo alla classifica pareggio (1-1) tra Padova e Foggia mentre al Cabassi colpo (1-0) del Perugia di Nesta.
    BENEVENTO-CITTADELLA 1-0
    Il Benevento si prende tre punti importantissimi con una vittoria contro un Cittadella sempre difficile da affrontare e consolida il terzo posto. La partita la sblocca Massimo Coda (11° gol in questo campionato) alla fine del primo tempo: gol di testa da due passi sul cross dalla sinistra di Buonaiuto. Ma i campani devono ringraziare anche il portiere Montipò, autore di una gran parata all’ultimo minuto sul colpo di testa di Diaw. E così alla fine di una partita piacevole Cristian Bucchi può esultare con una corsa in mezzo al campo per ringraziare tutti i suoi uomini. Il Benevento vede la promozione diretta da molto vicino.
    CARPI-PERUGIA 0-1
    Ci pensa Federico Melchiorri con un delizioso pallonetto al 91’ a dare ossigeno a Nesta, in una partita che il Carpi forse non meritava di perdere. I padroni di casa avevano avuto una grande occasione al 20’ della ripresa, con la traversa piena colpita da Poli di testa a due passi da Gabriel. La squadra di Castori, che non vince ormai dal 22 dicembre, ci ha provato di più, soprattutto nelle ripresa, ma un po’ per sfortuna, un po’ per imprecisione non è riescita a trovare il guizzo vincente. E alla fine è stata punita: ora è ultima assieme al Padova. Dal canto suo, il Perugia, dopo una partita tutt’altro che scintillante ha portato a casa tre punti d’oro in chiave playoff.
    PADOVA-FOGGIA 1-1
    Capello nel finale risponde a Chiaretti e la partita finisce con un 1-1 che rispecchia i valori visti in campo. Il Foggia era passato in vantaggio grazie a un bel gol di Chiaretti (sforbiciata sul cross al bacio di Mazzeo) nei minuti conclusivi del primo tempo. Lo stesso Chiaretti al 24’ era stato ammonito per simulazione in area del Padova. Il Padova ci ha provato soprattutto con Bonazzoli, che al 27’ del primo tempo si è visto respingere la conclusione da due passi da un bravissimo Leali. Nella ripresa la pressione dei padroni di casa che hanno sfiorato più volte il gol del pareggio. In particolare, Andelkovic da due passi ha sprecato incredibilmente una ghiotta occasione a quattro minuti dalla fine. E così il pari arriva al 90’: Agnelli non sente la chiamata di Leali e respinge la palla che arriva a Capello che la butta dentro.
    (fonte:lagazzettadellosport.it)
  • SerieB: il big match Palermo- Brescia termina in parità con Donnarumma in panchina

    Ancora un gol in pieno recupero. Il Brescia ormai ha fatto l’abitudine e anche a Palermo impone l’1-1 al 92’, trovando la via della rete con Tremolada dopo il vantaggio rosanero firmato Nestorovski. I siciliani di Stellone già pregustavano la vetta, chiudendo al meglio le ultime ventiquattr’ore coincise anche con la svolta societaria che ha portato la cordata inglese a cedere il 100% delle azioni a Daniela De Angeli, nuova proprietaria della società e storica amministratrice di Maurizio Zamparini. A spezzare la magia un tiro-cross beffardo di Tremolada, il Brescia resta primo a 43 punti, uno in più proprio rispetto al Palermo.
    La notizia della serata arriva ancora prima di cominciare, visto che nell’undici titolare bresciano non c’è Alfredo Donnarumma, autore di 21 gol in 22 partite e mandato in panchina tra lo stupore generale. La consistenza offensiva della squadra di Corini ne risente, la prima frazione è un crescendo continuo del Palermo che in più occasioni assedia l’area avversaria. Trajkovski sfiora il vantaggio prima con un tiro a giro (23’), poi con un’azione personale poco dopo. Al 38’ il tiro del numero 10 finisce di poco a lato mettendo i brividi ad Alfonso.  Nella ripresa il Palermo riparte con la convinzione di poter fare gol e Falletti ci va vicinissimo al 54’, trovando la traversa con un destro potente da posizione defilata. Al 76’ lo stesso Falletti esce per lasciare il posto a Nestorovski, che in soli 3 minuti trova il gol: angolo di Trajkovski, il macedone si avvita scalzando Gastaldello e di testa supera il portiere ospite. Sembra fatta, ma al 92’ Tremolada beffa Brignoli. Il Palermo rimane gelato.
    (fonte: lagazzettadellosport.it)
  • Di Tacchio: “Dobbiamo giocare con intensità, le palle inattive possono essere un fattore decisivo”

    Primo tempo equilibrato e ricco di agonismo tra Salernitana e Benevento. Iniziano bene i granata ma poi nella parte finale accusano un pò di fatica. Al microfono di Silver Mele di DAZN Francesco Di Tacchio dice la sua sulla prima parte della gara: ” Sappiamo che è un’ottima squadra con ottime individudalità; ce la stiamo giocando alla pari e abbiamo avuto occasioni per fare gol. Le palle inattive possono essere un fattore ma dobbiamo giocare con questa intensità e credeci perchè possiamo farcela”.

  • I convocati del Benevento

    Al termine dell’odierna seduta di rifinitura, il tecnico Cristian Bucchi ha diramato l’elenco dei 25 calciatori convocati per la gara di domani 8 febbraio, ore 21:00, presso lo stadio “Arechi”, contro la Salernitana:

     

    PORTIERI: 12 Montipò, 22 Gori, 32 Zagari;


    DIFENSORI: 7 Di Chiara, 11 Maggio, 18 Gyamfi, 3 Letizia, 5 Antei, 15 Costa, 14 Volta, 13 Tuia, 35 Caldirola;


    CENTROCAMPISTI: 25 Bandinelli, 4 Del Pinto, 8 Tello, 10 Viola, 34 Crisetig, 21 Goddard;


    ATTACCANTI: 9 Coda, 16 Improta, 19 R. Insigne, 17 Buonaiuto, 27 F. Ricci, 33 Armenteros, 29 Asencio.

     

    (fonte: beneventocalcio.club)

  • Nota della Curva Sud: “Una società che non rispecchia e gratifica la nostra passione e i nostri sacrifici”

    Di seguito riportiamo il comunicato integrale con cui la Curva Sud Siberiano non nasconde la propria amarezza nei confronti di una società non gratificante:

    Chiediamo a tutti coloro che hanno a cuore le sorti della Salernitana di leggere attentamente il testo qui presente:

    Ci teniamo a ribadire la nostra posizione, come avevamo preannunciato, all’indomani della chiusura del calciomercato, nei confronti di una società che non rispecchia e gratifica la nostra passione e i nostri sacrifici. Passione, tra l’altro, in linea con quanto già manifestato in passato, (vedasi comunicati di febbraio 2017 e 2018). Considerando che questa società non è stata mai capace di cavalcare l’entusiasmo di una piazza, che sia una promozione in B, piuttosto che l’anno del centenario, anzi è riuscito a smorzarlo per il totale disinteresse verso la nostra città e la nostra passione che a nostro parere non è seconda a nessuno e mai lo sarà. 

    Una società che sa solo vantarsi di quella che dovrebbe essere alla base di essa, ovvero mantenere una linea stabile nei pagamenti, cosa che dovrebbe essere la regola per qualsiasi azienda o impresa. Una società che blinda allenamenti per evitare fantomatiche “pressioni”, nei confronti di chiunque la rappresenti, dimostrando di aver scelto uomini che non sono in grado di reggere la passione di una piazza giustamente esigente come Salerno, e che quindi farebbe bene ad andare a “lavorare”, in piazze dove non si vive solo di calcio. 

    Una società in cui non c’è mai stato un progetto organizzativo degno che desse il segnale VERO di una continuità e di voler costruire qualcosa di positivo, che non mette in campo alcuna iniziativa per avvicinare i tifosi. Una società che non “investe”, su quello che dovrebbe essere un patrimonio per TUTTI, ovvero i tifosi di domani, con iniziative rivolte alle scuole per avvicinare i più piccoli ai nostri colori. Che non riesce a valorizzare un settore giovanile che dovrebbe essere il nostro fiore all’occhiello, ma che preferisce pescare sempre in casa di altri (“casualmente” sempre la stessa), che permette a ogni calciatore di fare i propri porci comodi affrontando ogni partita con superficialità. 

    Una società che non è stato in grado in tutti questi anni di approntare nemmeno un progetto per un futuro CENTRO SPORTIVO degno di tale nome, base fondamentale per qualsiasi sviluppo progettuale serio e basato su fatti concreti e non contestabili o aleatori.

    Una società che permette a calciatori di rifiutare una piazza come Salerno, dove fino a qualche anno fa in molti avrebbero fatto carte false per venire. 

    Su questi punti ci piacerebbe avere un contraddittorio serio e un confronto nel merito.

    Per tutte queste motivazioni siamo stanchi di queste continue umiliazioni, meritiamo rispetto! La Salernitana è dei Salernitani. 

    La nostra passione ci spinge a sostenere la casacca granata per tutta la durata dei 90′ e oltre, ciò non significa che non contesteremo chi rappresenta questa società. Invitiamo inoltre chiunque tenga a cuore le sorti della Salernitana a non alimentare ancor più il caos che nelle ultime settimane ha prevalso. Siamo aperti al dialogo con chiunque abbia da dire qualcosa e reputiamo che i chiacchiericci nati sui social siano inutili e inconcludenti.

    Combatteremo contro tutti quelli che vogliono il male della nostra maglia, contro quei giornalisti che in questo momento di difficoltà stanno cavalcando questa protesta che è nata sui social e che fanno da cassa di risonanza per chi magari non ha mai fatto sacrifici e allo stadio nemmeno viene, e che sta coinvolgendo e spaccando questa tifoseria.

    Molte volte giornalismo distruttivo e denigrante quindi, una cattiva informazione che crea tra l’altro, scompiglio e liti, lavaggi continui del cervello e che mettono l’uno contro l’altro giocatori tifosi e società. Straordinari atleti della pratica più diffusa in Italia, sono capaci di lodi sperticate se le cose vanno alla grandissima, per poter salir sul carro, per poi scendere subito alla primissima difficoltà. Molti dei quali asserviti e non in grado di controbattere a muso duro alle esternazioni di questa proprietà intese ad offendere la storia della Salernitana e della sua gente, o magari cavalcare l’onda del malcontento per proporre fantomatiche cordate di acquirenti amici degli amici.

    Non è una condanna indiscriminata. Ma una volta tanto vogliamo generalizzare, rischiando di sparare nel mucchio per colpire qualcuno: perché se tra i giornalisti è vero c’è (tanti o pochi non è questo il punto) chi è veramente onesto e deontologicamente corretto, allo stesso momento è altrettanto vero che nessuno tra Loro, prende posizione contro chi infanga la Loro categoria e quindi loro stessi.

    Non facciamoci influenzare ancora di più da chi dovrebbe rappresentarci ma non lo fa in modo adeguato, non priviamoci di quello che per noi è il nostro più grande amore… LA SALERNITANA SIAMO NOI!».

  • Salernitana – Benevento: i sanniti sono in serie positiva da sei turni. Coda fa 100 in B

    Massimo Coda alla presenza 100 in serie B considerata la sola regular season. Per lui, che ha vestito le divise
    di Salernitana e Benevento, esordio il 6 settembre 2015 in Salernitana-Avellino 3-1. Finora 41 i suoi gol in
    cadetteria, di cui 10 finora nella stagione in corso, marcatore principe giallorosso e terzo nella classifica
    generale dei marcatori 2018/19. Il Benevento non perde dal 9 dicembre scorso in campionato, quando il Verona vinse 1-0 al “Vigorito”; da allora 6 gare utili per i sanniti, con 3 vittorie e 3 pareggi, striscia positiva record in stagione per i giallorossi di Bucchi.

    (fonte: ussalernitana.it)

  • Il derby campano diretto da Abbattista

    L’anticipo di B Salernitana – Benevento sarà diretta da Eugenio Abbattista di Molfetta. Gli assistenti saranno Alessandro Cipressa (sez. Lecce) e Valerio Colarossi (sez. Roma 2). IV uomo: Francesco Cosso (sez. Reggio Calabria). E’ l’ottava volta ce l’arbitro pugliese dirige i granata. Le prime nella stagione 2010-2011, campionato di Prima Divisione: Salernitana-Cremonese 2-1 e poi Salernitana-Gubbio, terminata col medesimo risultato. In Serie B, nel campionato 2015-2016 è arbitro di Salernitana-Entella ed Ascoli-Salernitana 2-2 in entrambi i casi. Poi nel campionato 2016-2017 Frosinone-Salernitana 1-3, Salernitana-Novara 0-0 e Perugia-Salernitana 3-2 e l’ultima gara è nella stagione in corso ovvero la prima di campionato a reti bianche contro il Palermo.

    Quest’anno l’arbitro classe ’82 ha diretto due partite in Serie A (Spal-Sassuolo 0-2 e Frosinone-Sassuolo 0-2), due in Coppa Italia (Padova-Monza 1-0 e Lazio-Novara 4-1) e 7 in Serie B

    1 25/ago/2018 US Salernitana 1919 US Città di Palermo 0:0
    4 23/set/2018 Calcio Padova US Cremonese 1:1
    8 21/ott/2018 Venezia FC Hellas Verona 1:1
    11 04/nov/2018 AS Livorno AC Perugia Calcio 2:3
    14 30/nov/2018 US Città di Palermo Benevento Calcio 0:0
    18 27/dic/2018 AC Perugia Calcio Foggia Calcio 3:0
    20 20/gen/2019 Cosenza Calcio Ascoli Calcio 0:0
  • Primo scontro da tecnici tra Gregucci e Bucchi

    Primo confronto tecnico in partite ufficiali tra Angelo Gregucci e Cristian Bucchi. Il tecnico granata affronta per la quarta volta il Benevento in partite ufficiali: il bilancio dei 3 precedenti vede 2 vittorie dell’attuale dell’ex vice di Mancini ed 1 successo del Benevento, senza pareggi, con sanniti sempre in gol nei 270’ presi in esame (3 marcature totali). Cristian Bucchi, da coach, affronta per la quinta volta in partite ufficiali la Salernitana: il bilancio dei 4 precedenti è di 2 successi dell’attuale allenatore del Benevento, 1 pareggio ed 1 vittoria granata. In queste 4 partite le squadre di Bucchi hanno sempre segnato, 9 gol complessivi

  • Conferenza stampa di Bucchi: “Sarà un incontro molto fisico ed una partita particolare ma non determinante”

    Conferenza stampa al Vigorito per Bucchi in attesa del derby tra Salernitana e Benevento; queste le sue parole: “Mi aspetto una partita bella. Si affronteranno due squadre forti. La Salernitana ha completato il proprio organico con degli innesti mirati e di qualità. Sono molto fisici, quindi mi aspetto questa impronta della gara. Dovremmo essere intensi nelle nostre giocate, la qualità può determinare tutto. Sarà un incontro bellissimo. Dovremmo avere un atteggiamento diverso perché la Salernitana partirà fortissimo. Siamo due squadre molto diverse, ma con qualche elmento in comune. La differenza sta nella qualità dei calciatori. Loro sfruttano bene le ripartenze perché hanno gamba, quindi preferiscono stare bassi per sfruttarli. Dovremmo essere bravi a muovere la palla e a imporre il nostro gioco. E’ sempre una partita particolare ma non determinante se non c’è continuità. Dobbiamo essere bravi ad affrontare questa partita con la giusta serenità. La Salernitana ha degli elementi importanti che possono essere detemrinanti: Jallow dà pochissimi riferimenti. Anderson è bravissimo tecnicamente nel farsi trovare tra le linee, essendo il loro regista offensivo. Dobbiamo limitarli il più possibile: mi aspetto un match insidioso ma che è nelle nostre corde”.

  • Salernitana – Benevento: sono 23 i precedenti tra le due compagini campane

    Sono 23 i precedenti ufficiali disputati a Salerno tra Salernitana e Benevento con un bilancio di 15 vittorie granata, 6 pareggi e 2 successi esterni dei sanniti. Il primo confronto risale alla stagione 1935/1936 mentre per l’ultima sfida bisogna tornare alla stagione 2016/2017. L’ultima affermazione sannita risale a 43 anni fa, 2-1 in serie C, in data 2 maggio 1976, con le reti di Bertuccioli e Penzo per gli ospiti, Stevan per i granata di casa. A livello realizzativo il bilancio è a favore dei granata che hanno realizzato 33 reti e ne hanno subite 13.

    1935/1936 Serie C Salernitana – Benevento 3 – 0 (CarellaFinottoNiccolini)

    1936/1937 Serie C Salernitana – Benevento 0 – 0

    1960/1961 Serie C Salernitana – Benevento 2 – 1 (MazzoniCalabrese)

    1961/1962 Serie C Salernitana – Benevento 3 – 1 (JoanNardiSantin)

    1974/1975 Serie C Salernitana – Benevento 0 – 1

    1975/1976 Serie C Salernitana – Benevento 1 – 2 (Stevan)

    1976/1977 Coppa Italia C Salernitana – Benevento 3 – 0 (MusaOnorMujesan)

    1976/19977 Serie C Salernitana – Benevento 1 – 0 (Mujesan)

    1977/1978 Serie C Salernitana – Benevento 2 – 1 (MujesanMujesan)

    1978/1979 Serie C-1 Salernitana – Benevento 1 – 0 (Valeri)

    1979/1980 Serie C-1 Salernitana – Benevento 1 – 1 (Moscon)

    1980/1981 Serie C-1 Salernitana – Benevento 2 – 2 (Del Favero, Zaccaro)

    1981/1982 Serie C-1 Salernitana – Benevento 1 – 1 (aut. Frigerio)

    1982/1983 Serie C-1 Salernitana – Benevento 1 – 0 (Vulpiani)

    1983/1984 Serie C-1 Salernitana – Benevento 1 – 0 (Zaccaro)

    1984/1985 Serie C-1 Salernitana – Benevento 2 – 0 (PerrottaZaccaro)

    1985/1986 Serie C-1 Salernitana – Benevento 1 – 0 (De Vitis)

    1986/1987 Serie C-1 Salernitana – Benevento 1 – 1 (Tappi)

    1988/1989 Coppa Italia C Salernitana – Benevento 0 – 0

    2009/2010 Coppa Italia Salernitana – Benevento 1 – 0 (Caputo)

    2013/2014 I Divisione Salernitana – Benevento 2 – 1 (MendicinoGustavo)

    2014/2015 Lega Pro Salernitana – Benevento 2 – 0 (GabionettaCalil)

    2016/2017 Serie B Salernitana – Benevento 2 – 1 (Della RoccaLuiz Felipe)

    fonte: ussalernitana.it

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker