casasola

  • Giudice sportivo: dieci gli squalificati tra cui Casasola e Terranova

    Dopo la 25a giornata e in attesa del posticipo tra Livorno e Venezia, il Giudice sportivo ha squalificato dieci giocatori: per tre giornate Gerbo, per due Montalto. Tutti gli altri fermi per un turno. Multe a Benevento, Foggia e Padova. Ecco il comunicato ufficiale numero 115:

    Il Giudice Sportivo avv. Emilio Battaglia, assistito da Stefania Ginesio e dal Rappresentante
    dell’A.I.A. Carlo Moretti, nel corso della riunione del 24 febbraio 2019, ha assunto le decisioni
    qui di seguito riportate:

    SOCIETA’
    Ammenda di € 10.000,00: alla Soc. BENEVENTO per avere suoi sostenitori, nel corso del
    primo tempo, lanciato diversi petardi e fumogeni sia nel recinto di giuoco sia nel settore occupato
    dai sostenitori avversari, costringendo l’Arbitro ad interrompere la gara per due volte nell’arco di
    circa due minuti; sanzione attenuata ex art. 14 n. 5 in relazione all’art. 13, comma 1 lett. b) CGS,
    per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi e di
    vigilanza.

    Ammenda di € 10.000,00: alla Soc. FOGGIA per avere suoi sostenitori, nel corso del primo
    tempo, lanciato diversi petardi e fumogeni sia nel recinto di giuoco sia nel settore occupato dai
    sostenitori avversari, costringendo l’Arbitro ad interrompere la gara per due volte nell’arco di
    circa due minuti; sanzione attenuata ex art. 14 n. 5 in relazione all’art. 13, comma 1 lett. b) CGS,
    per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi e di
    vigilanza.

    Ammenda di € 5.000,00: alla Soc. PADOVA per responsabilità diretta, in relazione al
    comportamento tenuto al termine della gara dal proprio Presidente.

    CALCIATORI
    CALCIATORI ESPULSI
    SQUALIFICA PER TRE GIORNATE EFFETTIVE DI GARA
    GERBO Alberto (Foggia): per avere, al 44° del primo tempo, con il pallone non a distanza di
    giuoco, colpito un calciatore avversario con un calcio alla coscia; infrazione rilevata da un
    Assistente.

    SQUALIFICA PER DUE GIORNATE EFFETTIVE DI GARA
    MONTALTO Adriano (Cremonese): per comportamento gravemente antisportivo, perché, al
    46° del secondo tempo, a giuoco fermo, in reazione ad un fallo subito, colpiva un calciatore
    avversario con una piede sulla coscia.

    SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA
    CASASOLA Tiago Matias (Salernitana): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei
    confronti di un avversario.
    DERMAKU Kastriot (Cosenza): per avere commesso un intervento falloso su un avversario in
    possesso di una chiara occasione da rete.
    EMPEREUR Alan (Hellas Verona): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei
    confronti di un avversario.
    MACHACH Zinedine (Crotone): per avere, al 35° del secondo tempo, assunto un atteggiamento
    irrispettoso nei confronti del Direttore di gara.

    CALCIATORI NON ESPULSI
    SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA
    DRUDI Mirko (Cittadella): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già
    diffidato (Quinta sanzione).
    IMPROTA Riccardo (Benevento): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario;
    già diffidato (Quinta sanzione).
    JELENIC Enej (Carpi): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già
    diffidato (Quinta sanzione).
    MUNGO Domenico (Cosenza): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già
    diffidato (Quinta sanzione).

    PER PROTESTE NEI CONFRONTI DEGLI UFFICIALI DI GARA
    AMMONIZIONE
    OTTAVA SANZIONE
    SABELLI Stefano (Brescia)

    PER COMPORTAMENTO SCORRETTO NEI CONFRONTI DI UN AVVERSARIO
    AMMONIZIONE CON DIFFIDA (NONA SANZIONE)
    BROSCO Riccardo (Ascoli)
    SETTEMBRINI Andrea (Cittadella)
    TREVISAN Trevor (Padova)
    AMMONIZIONE

    SETTIMA SANZIONE
    BANDINELLI Filippo (Benevento)
    ROMAGNOLI Simone (Brescia)

    SESTA SANZIONE
    ARINI Mariano (Cremonese)
    BENALI Ahmad (Crotone)
    DI TACCHIO Francesco (Salernitana)
    GRAVILLON Andreaw Rayan (Pescara)
    GYOMBER Norbert (Perugia)

    AMMONIZIONE CON DIFFIDA (QUARTA SANZIONE)
    CISTANA Andrea (Brescia)
    TROIANO Michele (Ascoli)
    ZACCAGNI Mattia (Hellas Verona)

    TERZA SANZIONE
    DELI Francesco (Foggia)
    GIGLIOTTI Guillaume (Salernitana)
    MANTOVANI Valerio (Salernitana)

    SECONDA SANZIONE
    BARAYE Bertrand Yves (Padova)
    CHERUBIN Nicolo (Padova)
    CRISETIG Lorenzo (Benevento)
    NGAWA Pierre Yves R M (Foggia)
    PAZZINI Giampaolo (Hellas Verona)
    PICCOLO Antonio (Cremonese)
    SEMPRINI Alessandro (Brescia)

    PRIMA SANZIONE
    COSTA Andrea (Benevento)
    MARCHIZZA Riccardo (Crotone)
    MAZZARANI Andrea (Salernitana)
    TUIA Alessandro (Benevento)

    PER COMPORTAMENTO NON REGOLAMENTARE IN CAMPO
    AMMONIZIONE
    SETTIMA SANZIONE
    TERZI Claudio (Spezia)

    SESTA SANZIONE
    D’ORAZIO Tommaso (Cosenza)
    AMMONIZIONE CON DIFFIDA (QUARTA SANZIONE)
    GYASI Emmanuel (Spezia)

    TERZA SANZIONE
    ARRIGHINI Andrea (Carpi)
    LOPEZ GASCO Walter Alberto (Salernitana)

    SECONDA SANZIONE
    ROSSETI Valerio Lorenzo (Ascoli)

    ALLENATORI
    AMMONIZIONE CON DIFFIDA ED AMMENDA DI € 2.000,00
    BISOLI Pier Paolo (Padova): per avere, al 33° del primo tempo, uscendo dall’area tecnica,
    contestato platealmente una decisione arbitrale, sbracciandosi ripetutamente, recidivo; infrazione
    rilevata dal Quarto Ufficiale.

    AMMONIZIONE CON DIFFIDA
    DIBITONTO Nicola (Foggia): per avere, al 44° del primo tempo, alzandosi dalla panchina
    aggiuntiva, contestato platealmente una decisione arbitrale.

    DIRIGENTI
    AMMONIZIONE CON DIFFIDA
    MANCINI Vittorio (Foggia): per avere, al 44° del primo tempo, alzandosi dalla panchina
    aggiuntiva, contestato platealmente una decisione arbitrale.
    VIALE Simone (Padova): per avere, al 33° del primo tempo, contestato platealmente una
    decisione, arbitrale alzandosi dalla panchina aggiuntiva, arrivando in prossimità del terreno di
    giuoco; infrazione rilevata da un Assistente.
    ZAMUNER Giorgio (Padova): per avere, al 33° del primo tempo, contestato platealmente una
    decisione arbitrale, alzandosi dalla panchina aggiuntiva, arrivando in prossimità del terreno di
    giuoco; infrazione rilevata da un Assistente.

    INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA’ IN SENO ALLA F.I.G.C. A RICOPRIRE
    CARICHE FEDERALI ED A RAPPRESENTARE LA SOCIETA’ NELL’AMBITO FEDERALE
    A TUTTO IL 5 MARZO 2019 ED AMMENDA DI € 5.000,00
    BONETTO Roberto (Padova): per avere, al termine della gara, negli spogliatoi, in modo
    concitato, proferito al Direttore di gara espressioni ingiuriose e insinuanti.

    OPERATORI SANITARI
    AMMONIZIONE CON DIFFIDA
    NORBIATO Filippo (Padova): per avere, al 33° del primo tempo, contestato platealmente una
    decisione arbitrale, alzandosi dalla panchina aggiuntiva, arrivando in prossimità del terreno di
    giuoco; infrazione rilevata da un Assistente.
    SCHENA Alessandro (Foggia): per avere, al 44° del primo tempo, alzandosi dalla panchina
    aggiuntiva, contestato platealmente una decisione arbitrale.

  • Casasola: “Il fattore più importante della Salernitana è il cuore”

    Casasola a fine gara ai microfoni di DAZN sottolinea l’importanza di questa vittoria: “Credo che oggi la Salernitana ha giocato una bella partita perchè ha giocato col cuore, penso che sia una vittoria meritata ma il campionato è lungo, manca ancora tanto e dobbiamo continuare a lavorare. Il fattore più importante della Salernitana è il cuore perchè al di la del giocare bene penso che questo campionato deve giocarsi con il cuore e la Salernitana sotto questo punto di vista c’è sempre e siamo contenti ma bisogna lavorare. La partita di venerdi a Verona sarà dura e dobbiamo dare continuità”.

  • Casasola: “Questa città ci ha sempre sostenuto e noi non siamo niente senza di loro”

    L’eroe della serata, Thiago Casasola, a fine gara è stato intervistato da DAZN e non ha nascosto il so grande entusiasmo per questa incredibile vittoria e per il suo gol che ha festeggiato abbracciando tutti compreso Gregucci in un simbolico abbraccio alla città di Salerno: “Questo abbraccio con Gregucci non è solo con lui ma con tutta la città e con questo gruppo che ci crede e ha tanta voglia di fare bene”. Poi commenta la partita: “Avevamo fatto una partita brutta contro il Pescara ma abbiamo lavorato bene durante la sosta e per questa partita difficile; il Palermo non aveva mai perso e sono contento per questa vittoria. Abbiamo fatto una partita di grande sacrificio e secondo me abbiamo meritato i tre punti”. volevano venderlo al Verona ma il difensore argentino manifesta amore per Salerno e per i tifosi: “Questa bellissima citta ci ha sempre sostenuto e continuano a farlo e noi senza di loro non siamo niente e noi abbiamo bisogno di loro. Penso che questa vittoria è merito nostro ma è una gioia per loro” – e per il futuro? – “Gia da domani quando rientreremo a Salerno penseremo al Lecce. E’ una partita tosta ma giocare in casa è sempre un grande vantaggio”.

  • Mercato: Testa a testa col Venezia per Stoian e rispunta Minala

    Il mercato non è ancora entrato nel vivo per la Salernitana. Il club granata ha dato la priorità alla cessione di Tiago Casasola. All’inizio della prossima settimana, il futuro dell’argentino sarà definito: il Verona è in pressing sul calciatore e la Salernitana è entrata nell’ordine di idee di cederlo già a gennaio per realizzare una cospicua plusvalenza. Due milioni di euro è la valutazione fatta dal club granata ed il Verona è disposto a sborsare questa somma, ma solo a giugno. Per adesso, infatti, gli scaligeri propongono un prestito con obbligo di riscatto in caso di promozione. L’accordo, comunque, si troverà. Il ds Fabiani aspetta segnali dalla Lazio in merito a Djvan Anderson. Intanto, è rientrato dalla Pro Piacenza Kalombo, il quarto esterno destro della rosa granata che, invece, a sinistra annovera il solo Vitale. In bilico Odjer che è richiesto da Entella, Pordenone e Sicula Leonzio. Promessi al Catania, Mazzarani e Palumbo partiranno solo quando Gregucci avrà a disposizione altri centrocampisti. Per questo, si pensa ancora a Joseph Minala che, però, potrebbe tornare in granata solo a titolo definitivo. Il centrocampista del Camerun è legato alla Lazio da un contratto fino al 2021. Dal momento che Gregucci sembra intenzionato ad adottare un modulo in cui dovrebbero essere valorizzati gli esterni offensivi, la Salernitana si è mossa per Stoian, in rotta col Crotone da cui partiranno in molti. Sul rumeno c’è anche il Venezia, ma la società granata pare in vantaggio. Occhio al regista Barberis, anch’egli possibile partente dalla Calabria, che potrebbe tornare utile a Gregucci.

  • Mazzarani, Casasola e super Micai battono 2-1 il Perugia

    Vittoria doveva essere e vittoria è stata. Anche aiutati dalla Dea Bendata, i granata riescono a vincere 2-1 contro un Perugia che ha giocato una buona partita. Poche emozioni nel primo tempo. Di rilievo la gran conclusione dai 30 metri di Di Tacchio al 7’ con Gabriel che blocca a terra; il colpo di testa di Djuric su cross di Vitale di poco fuori al 9’; ancora Djuric di testa al 12’ su cross di Casasola con la palla che va di poco sopra la traversa e il sinistro di Vido, su passaggio di Melchiorri che Micai, in stato di grazia, respinge in angolo. Ancora Salernitana al 23’ con Jallow che dalla distanza non trova lo specchio della porta. Il Perugia non ci sta e si fa pericoloso con un assist di Vido per Mustacchio ma Micai “ci mette la mano” e salva la situazione.  prende in mano la situazione sbrogliando la matassa per i granata con un’uscita temeraria. Al 35’ sinistro di Mazzarani ma Gabriel è attento. Il secondo tempo è più emozionante e di maggior ritmo; infatti dopo appena 2’ Melchiorri di testa, su cross di Moscati prova a metterla dentro ma Micai dice di no. Al 6’ gran tiro di Vido da fuori area e la palla si stampa sulla traversa. Al 9’ sforbiciata di Jallow che batte sulla traversa e Mazzarani di testa a pallonetto la mette in rete. Cinque minuti dopo arriva il pareggio umbro su calcio di rigore. Micai stende Melchiorri, va Vido sul dischetto che non sbaglia. Ora è il Perugia a rendersi più pericoloso ma prima su Kouan e poi su Mustacchio è sempre super Micai a negar loro la rete. Bocalon, subentrato a Djuric, va verso l’area la passa a Casasola che fa partire un destro che entra tra palo e portiere e porta di nuovo i granata in vantaggio. Viene espulso Gyomber. Prima del triplice fischio c’è ancora tempo per un’azione pericolosa del Perugia con Verre che si trova a tu per tu con Micai ma Gigliottilo anticipa da dietro con un miracoloso intervento.

    Il tabellino

    SALERNITANA (3-4-1-2): Micai; Mantovani, Migliorini, Gigliotti; Casasola, Castiglia (39’s.t. Odjer),, Di Tacchio, Vitale; Mazzarani, (24’s.t. Akpa Akpro); Jallow, Djuric. In panchina: Vannuchi, D. Anderson, Pucino, Bellomo, Di Gennaro, Palumbo, A. Anderson, Orlando, Vuletich. Allenatore: Colantuono

    PERUGIA (4-3-1-2): Gabriel; Ngawa, Cremonesi, Gyomber, Felicioli (25’s.t.Falasco),; Moscati, Verre, Kingsley (18’s.t.Kouan); Mustacchio; Vido, Melchiorri (22’s.t.Bianco).  In panchina: Leali, Perilli, El Yamiq, Mazzocchi, Sgarbi, Ranocchia, Bordin, Terrani., Allenatore: Nesta

    Arbitro: Sig. Piccinini della sez. di Forlì
    Reti: 56′ Mazzarani, 77′ Casasola (S); Vido (P)
    Ammonizioni: Castiglia, Micai, Migliorini (S); Mustacchio, Bianco(P)
    Espulsioni: Gyomber (P)
    Recupero: 1′ pt, 6′ st

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker