centenario

  • Stadio Donato Vestuti pronto per il Centenario

    Continua l’allestimento in ogni angolo della città e della sua provincia l’allestimento in occasione del centenario della Salernitana calcio. Dal rione Carmine, al quartiere Pastena, da Rione Piombino a Baronissi, da Torrione a Fuorni a Pontecagnano ed in ogni altra cittadina della provincia campeggiano nastri bianchi e granata, bandiere, cavallucci, striscioni ed anche tante opere d’arte. Non poteva, il tempio del calcio granata, non avere il suo look in occasione dei 100 anni e ci hanno pensati tifosi storici, di quelli che in curva hanno fatto la storia del tifo e delle coreaografie, di quelle che negli anni ’80 e ’90 hanno fatto il giro del mondo lasciando a bocca aperte tifoserie di squadre più blasonate nel panorama calcistico nazionale e fuori Italia (ed all’epoca non c’erano i pc ultra tecnologici, i social ed i videofonini). Un mega telo retinato con impresso l’evoluzione del cavalluccio ed in basso la frase: “Amarti è stato facile…dimenticarti IMPOSSIBILE! 1919 / 2019”. In alto a fare da cornice al vecchio Stadio Littorio, aste con le bandiere  granata su cui sono impressi gli stemmi che hanno caratterizzato la storia della Salernitana. Il video dell’allestimento è stato realizzato da Salernitana.it esclusa l’ultima parte (il video con la colonna sonora “Vattene amore”) che è stata realizzata da tifosi granata grazie all’ausilio di un drone e a cui vanno gli applausi ed un grazie per il gusto e la professionalità, oltre l’amore per la propria città e per i propri colori.

  • “Il Capitano” la storia di Donato Vestuti

    “Il Capitano – la storia di Donato Vestuti”, libro edito da Telecolore edizioni, è stato presentato nella sala della Libreria Feltrinelli in Corso Vittorio Emanuele a Salerno dai giornalisti Franc Esposito e Roberto Guerriero. Un bellissimo escursus ricco di fotografie, di ricordi, di documenti per riportare in vita quel giornalista che fu moralmente il fondatore della società di calcio Salernitana. Un lavoro non facile ed elaborato, per capire questo personaggio come ricordato dallo stesso Esposito che poi ha ribadito di non avere la presuzione di essere chiamati scrittori ma di rivendicare con orgoglio il lavoro svolto con qualità e dedizione. Ebolitano di origine (primo giugno 1887) e morto sul Carso nel 1918, Donato Vestuti da giornalista fu fondatore e direttore del quotidiano salernitano “Il giornale della Provincia“. Studente del Covitto Nazionale, diede molto al calcio salernitano fondando nel 1913 il Foot Ball Club Salerno.

  • La Salernitana si è fermata nel 2005 – Lotito? Come ha fatto a spalmare il debito?

    Ieri sera a Coperchia la pro loco ha organizzato una manifestazione in occasione dell’ormai vicino centenario granata. Tra gli ospiti Aniello Aliberti ex patron granata del “periodo d’oro” (1994-2005) oltre all’avocato Michele Tedesco figlio di quel Giuseppe prsidente granata dal 1967 al 1972. Parole forti dell’ex presidente che ha dichiarato che dal suo allontanamento dal calcio ha visto in giro molte porcherie e che “Per me la storia si è interrotta nel 2005, il dopo non lo riconosco”. Per Aliberti la sua Salernitana stava messa bene e non doveva essere esclusa. Come ha fatto Lotito a rilevare una società come la Lazio con 550 milioni di debiti e a diluire il debito con il fisco in 23 anni mentre ai granata non fu consentito nonostantetale debito era di un decimo è il quesito che Aliberti proporrebbe al coopatron granata. Il dubbio permane per quella sorta di legge  fatta appisitamente e poi cancellata.  “Certamente a Salerno non abbiamo bisogno di lezioni di vita, questi sono personaggetti come direbbe qualcuno”. Presente all’incontro anche l’ex capitano granata Luca Fusco:  “Conservo ancora la maglia numero 25 del ’98”.

  • Salernitana 100 i primi cento anni della nostra storia

    è stata istituita la mostra ufficiale “Salernitana 100 i primi 100 anni della nostra storia” in occasione del centenario della squadra granata. Dal 13 al 23 giugno 2019 per 10 giorni, il Parco dell’Irno di Salerno e più precisamente all’interno della fornace ex Salid, sarà teatro della manifestazione organizzata con il patrocinio del Comune di Salerno e della US Salernitana 1919. L’idea è quella di coinvolgere tutta la tifoseria sia nella partecipazione che nell’organizzazione dell’evento attraverso il messaggio, divulgato sia sui social che in città: “Cerchiamo maglie, palloni, fotografie, biglietti e abbonamenti, quotidiani d’epoca e riviste sportive, manifesti e altro ancora. Ogni oggetto verrà restituito al termine della mostra. A tutti i collezionisti che parteciperanno sarà riservato l’accesso esclusivo alla serata inaugurale e un attestato di partecipazione” e tutto ciò perchè “la storia della Salernitana appartiene alla sua gente”. Gli interessati possono contattare l’associazione 19 giugno 1919 tramite Facebook alla pagina omonima, tramite E-Mail a 19giugno1919@gmail.com oppure sui numeri di telefono 3471981988 (Stefano) e 3273363659 (Armando).

    E’ ANCHE LA TUA STORIA, PARTECIPA!

  • I miei primi 100 anni: presentata l’iniziativa di scrittura creativa

    La società granata con il patrocinio del Comune di Salerno, ha presentato il concorso di scrittura creativa “I miei primi 100 anni”.

    “La Salernitana non è solo un forte aggregatore sociale ma anche espressione di tradizioni culturali e di costume. L’obiettivo del concorso è proprio quello di sostenere e sviluppare nei giovani studenti salernitani un maggiore senso di appartenenza verso il proprio territorio attraverso il racconto di esperienze personali legate alla Salernitana, e di avvicinare i più giovani al mondo del calcio e dello sport. Il concorso è rivolto alle scuole elementari e medie di Salerno e provincia e quindi agli studenti di età compresa tra i 6 e i 14 anni”; così recita il comunicato della società granata.

    Venerdi, presso l’Istituto Pareto di Salerno, si è tenuto l’incontro di presentazione del concorso in cui sono intervenuti Salvatore Avallnoe, Angelo Caramanno, Piero De Luca, Andrè Anderson e Fancesco Orlando.

    Avallone ha ritenuto essenziale che i giovani si identifichino nei colori granata, ovvero in quelli della propria città, invece di dover tifare squadre come Milan, Inter ed altre. Non ha disdegnato di ricordare i tempi in cui era piccolo e andava al Vestuti con il padre, ma se il padre non poteva andare…lui ci andava lo stesso e chiedeva a qualcuno di fingersi suo padre per entrare a vedere la partita. Angelo Caramanno, assessore allo sport del Comune di Salerno ha evidenziato che i lavori dell’Areci sono pronti a partire, di qui a breve si saprà la ditta che inizierà tali lavori.  Ha poi ritenuto importante sensibilizzare i bambini alla storia della Salernitana e sicuramente con la Salernitana ai primi posti ci sarà ancora più interesse per i granata e abbasserà l’interesse per le altre squadre. Per De Luca il ricordo più bello è stato il gol di Vannucchi contro il Vicenza. Il deputato in quota PD ha poi elogiato questa iniziativa definendo importante legare lo sport all’educazione cercando di evitare tanta disinformazione. Ha poi sottolineato che l’Arechi sarà risistemato e pronto per la Nazionale. Anderson ha dichiarato il suo amore per Salerno ed il piacere di giocare qui. Si ispira a Neymar e Pirlo, mentre Orlando ha elogiato l’iniziativa e pensa di terminare gli studi prendendo il diploma (gli manca solo il quinto anno).

    Il concorso si svolgerà da 15 dicembre al 30 gennaio ed è aperto a tutte le scuole di Salerno. I partecipanti dovranno inviare all’e-mail imieiprimicentoanni@ussalernitana1919.it, i propri elaborati di arte visiva e creativa che avranno come tema la Salernitana. Disegni, libri, poesie, temi e quant’altro, verranno visionati da una commissione formata da docenti di istituto e docenti universitari che sceglieranno tra i 5 e i 6 elaborati nelle diverse tipologie e premiando i suddetti con biglietti delle partite, maglie, gadget ed altro rigorosamente targati Salernitana.

  • Presentata ufficialmente all’Arechi la Salernitana dell’anno del centenario

    SALERNO – Alle ore 20, sul terreno dell’Arechi, ha preso il via la sfilata di presentazione ufficiale della squadra granata accompagnata dalle voci di Luca Scafuri ed Eva Manduca. C’erano tutti alla corte dei circa 3000 tifosi granata presenti sulle gradinate; unico assente Djavan Anderson. In primis hanno fatto l’ingresso sul terreno di gioco le tre maglie ufficiali della Salernitana 2018/2019. Ad aprire la sfilata è stato poi Bernardini e subito dopo Schiavi che ha letto un comunicato in cui la Salernitana tutta ha voluto ricordare la tragedia del ponte Morandi avvenuta a Genova e sottolineare la propria vicinanza alle famiglie delle vittime: “a nome della proprietà, dei dirigenti, dello staff e della squadra, rivolgiamo il nostro pensiero di cordoglio e vicinanza alle famiglie delle vittime della tragedia di Genova. La società, da sempre particolarmente sensibile e attenta sui temi della solidarietà, rinnova anche in questa triste circostanza la propria disponibilità ad eventuali iniziative di vicinanza e sostegno ai familiari delle vittime”. La sfilata è continuata poi, dopo un lungo applauso ricco di commozione da parte dei presenti, con l’ingesso di Akpro, Bellomo, Bocalon, Casasola, Castiglia, Di Tacchio e poi ancora in ordine di uscita Gigliotti, Galeotafiore, Mantovani, Mazzarani, Micai, Migliorini, Odjer, Orlando, Palumbo, Perticone, Andrè Anderson, Pucino, Rosina, Russo, Signorelli, Urso, Vannucchi, Vitale, Vuletich, Di Gennaro, Jallow, Djuric e a concludere Stefano Colantuono. Applausi a scena aperta per i nuovi innesti ed in special modo per Di Gennaro, considerato la ciliegina sulla torta di questa squadra. Ora sul campo tocca a loro ripagare la fiducia della società, del lavoro svolto da Lotito e Fabiani e del tecnico Colantuono. Mancano pochi giorni all’inizio di questo ottantaseiesimo campionato di calcio di serie B ed il Palermo è alle porte. Un primo match già di rilievo per la Salernitana e che i granata vogliono assolutamente vincere per cominciare alla grande questa stagione calcistica. Ogni calciatore, all’ingresso in campo, ha ricevuto un pallone ed alla fine della presentazione, tutti sotto la curva per lanciarli sulle gradinate ed omaggiare i presenti. Subito dopo direzione spogliatoi per prepararsi all’ultimo test amichevole contro il Monopoli di mister Scienza.

  • Al via l’ottantaseiesimo campionato di serie B che porterà ai 100 anni granata

    SALERNO – Si inizia con Brescia vs Perugia che inaugura il campionato di calcio di serie B 2018 – 19, tra i più storici di sempre. Infatti per la prima volta nella sua storia, la serie cadetta si disputa con 19 club. A dirla tutta non è la prima volta che la serie B arriva ai nastri di partenza con un numero dispari di società partecipanti, ma è la prima volta che ci arriva con il numero 19. In 86 edizioni del torneo, il campionato 1937-38 fu il primo a numero dispari e partì con 17 squadre. Nel 1950 – 51 ci fu l’esclusione del Messina, successivamente verificata come ingiusta e di conseguenza riammessa ai nastri di partenza in extremis e creando un campionato particolare con due promozioni e addirittura cinque retrocessioni. Quello del 1967 – 68, fu un campionato rivoluzionario perché la riduzione della Serie A da 18 a 16 squadre creò un effetto domino anche sulla serie B che si ritrovò con 21 società ai nastri di partenza. Per ristabilire il numero pari alla fine dell’anno ci furono tre promozioni e quattro retrocessioni. Dunque quello di quest’anno verrà ricordato per questa formula anomala e va a raddoppiare in casa granata, il ricordo dello stesso per l’associazione al centenario della Salernitana.

    Per ciò che concerne il regolamento, lo stesso non è dissimile a quello dello scorso anno secondo quanto stabilito nel comunicato ufficiale della FIGC.

    I criteri di arrivo in caso di classifica avulsa:

    1. a) Punti conseguiti negli scontri diretti
    2. b) Differenza tra reti segnate e subite negli scontri diretti
    3. c) Differenza reti dell’intero campionato
    4. d) Maggior numero di reti segnate nell’intero campionato
    5. e) Sorteggio

    PLAYOFF
    La prima e la seconda classificata salgono direttamente in Serie A, la terza viene definita mediante la disputa di playoff, che si giocano se fra la terza e la quarta non ci sono più di 14 punti di distacco, fra le sei squadre arrivate in classifica dal 3° all’8° posto.

    Turno preliminare
    La gara è di sola andata fra la 6a e la 7a e fra la 5a e l’8a e prevede, in caso di parità dopo 90 minuti, la disputa dei tempi supplementari. In caso di ulteriore parità non si disputano i calci di rigore ma vince la squadra meglio classificata nella regular season.

    Semifinali
    La 3a classificata gioca una gara di andata e ritorno, quest’ultima in casa, contro la vincente del match fra la 6a e la 7a. Idem fra la 4a e la vincente fra la 5a e l’8a. In caso di parità di punteggio dopo 180’ si tiene conto della differenza reti nelle due partite, in caso di ulteriore parità si qualifica per la finale la squadra meglio posizionata in classifica (non si disputano quindi i tempi supplementari).

    Finale
    Le vincenti delle semifinali disputano gare di andata e ritorno, quest’ultima in casa della meglio classificata in campionato. In caso di parità di punteggio dopo 180’ si tiene conto della differenza reti nelle due partite, in caso di ulteriore parità viene considerata vincente la squadra meglio posizionata in classifica al termine del campionato. Solo nel caso in cui le due squadre avessero terminato il campionato con lo stesso punteggio in classifica, la gara di ritorno prevederebbe anche i tempi supplementari ed eventualmente i calci di rigore.

     

    PLAYOUT
    Sono retrocesse direttamente in Lega Pro le tre squadre ultime classificate, la quarta viene individuata da due gare, di andata e ritorno, fra la quart’ultima e la quint’ultima se non hanno più di quattro punti di distacco. In questo caso retrocede direttamente anche la quartultima classifica, senza la disputa dei playout. In caso di parità dopo i 180′ il regolamento ricalca quello della finale playoff.

     

    Queste le date individuate dalla Lega B per la disputa di playoff e playout:

     

    Playoff

    Turno preliminare (gara unica):

    Domenica 3 giugno 2018 – ore 18.30 (6a vs 7a)

    Domenica 3 giugno 2018 – ore 21 (5a vs 8a)

     

    Semifinali (andata e ritorno):

    Mercoledì 6 giugno 2018 – ore 18.30 (6a o 7a vs 3a)

    Mercoledì 6 giugno 2018 – ore 21 (5a o 8a vs 4a)

    Domenica 10 giugno 2018 – ore 18.30 (4a vs 5a o 8a)

    Domenica 10 giugno 2018 – ore 21 (3a vs 6a o 7a)

     

    Finale (andata e ritorno):

    Giovedì 13 giugno 2018 – ore 20.30

    Sabato 16 giugno 2018 – ore 20.30*

     

    Playout

    Andata (19a vs 18a) Giovedì 24 maggio 2018 – ore 20.30

    Ritorno (18a vs 19a) Giovedì 31 maggio 2018 – ore 20.30

     

    * Gara da disputarsi sul campo della squadra in migliore posizione di classifica al termine del campionato.

     

    Il link al comunicato ufficiale:

    http://www.figc.it/Assets/contentresources_2/ContenutoGenerico/51.$plit/C_2_ContenutoGenerico_2538595_StrilloComunicatoUfficiale_lstAllegati_0_upfAllegato.pdf

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker