cosenza

  • Rigore per il Cosenza? Inesistente!

    Il rigore chiesto da Braglia? Assolutamente fuori luogo, la moviola conferma che sul tiro di Tutino, Migliorini respinge il pallone con il petto. L’accaduto è stata oggetto di discussione e nel complesso del match forse è rimasta la più rilevante, Veniamo all’azione: siamo al minuto 51, il Cosenza attaccala e recupera palla a centrocampo di testa che arriva a Bruccini che verticalizza per Tutino che di prima la da sulla destra a Corsi. Cross basso per lo stesso attaccante del Napoli che in area stoppa e tira; Migliorini va in scivolata per chiudere lo specchio della porta e la palla tocca il petto del difensore granata senza neanche sfiorare il braccio. A velocità normale qualche dubbio effettivamente si può avere, ma i replay da altre angolazioni confermano che l’arbitro Marinelli ci ha visto chiaro. Magari il VAR avrebbe tolto ogni dubbio in proposito.

  • Per Gregucci pareggio giusto e la Salernitana ha ampi margini di miglioramento

    Mister Gregucci esce dal San Vito abbastanza soddisfatto di questo pareggio dichiarando di aver visto una Salernitana che ha fatto un piccolo passo in avanti. Per Gregucci la Salernitana ha cercato di fare la gara, cercato di palleggiare nello stretto per cercare di alimntare la fase offensiva e ettere gli attaccanti in condizione di fare gol. “Abbiamo avuto qualche situazione con la palla che si è allungata con i lanci da dietro e questo è un aspetto che va migliorato, alcuni tempi non sono stati precisi. La mia squadra è stata compatta e ha concesso poco, c’è da migliorare; abbiamo preso due gialli di gioventù con Jallow e André e il cartellino ha condizonato la loro gara” – ha commentato. Ha poi avuto una menzione per Djuric che lo ha visto molto combattivo e gente come Jallow e Andre Anderson hanno bisogno di giocare in quanto hanno qualità da vendere così come qualità hanno anche Rosina e Bocalon: “i sarà minutaggio per tutti e ho bisogno anche io di conoscere i calciatori che ho a disposizione. Il risultato tutto sommato è giusto”. 

  • Legittimo: “Salernitana squadra molto fisica; è difficile fare gol”

    L’ex granata Legittimo è intervenuto a Radio Bussola a fine gara. Il terzino in forza al cosenza giocò in granata nel campionato 2010-2011 segnando anche un gol nella partita contro il Monza. Secondo la sua analisi c’era un’azione di Baez dove il Cosenza poteva portarsi in vantaggio ma la Salernitana è una squadra molto fisica ed è difficile fare gol. “Noi ci aspettavamo una Salernitana anche con il trequartista, avevamo preparato la partita per entrambi i moduli” – alla domanda sulla correttezza dei tifosi in virtù anche dei fatti avvenuti a Milano nella giornata di ieri Legittimo ha dichiarato – “Grande correttezza, le tifoserie hanno dimostrato grande maturità. Dobbiamo fare tutti un esame di coscienza, questo è uno sport, bisogna divertirsi per prima cosa”.

  • Per Braglia il Cosenza poteva far male ai granata…e c’era un rigore

    Piero Braglia è intervenuto in sala stampa non completamente soddisfatto.Secondo il mister la Salernitana non è stata superiore e il Cosenza poteva far male ai granata specialmente con Baclet e Tutino. “Io ho visto qualche occasione a nostro favore, loro non mi hanno dato l’impressione che ci potessero far male, era una mia sensazione forse ma io l’ho vista così. Non era giusto buttare via una partita cercando di vincerla, abbiamo la nostra filosofia, ci siamo assestati. Questo Cosenza ha una buona base per poter arrivare fino in fondo e poterci tirare fuori dai guai rompendo le scatole a tutti. Il campo era abbastanza pesante, non era facile nè per noi nè per gli altri. Dobbiamo alzare il livello di qualche giocatore, dal quale noi ci aspettiamo molto di più. Con la sosta cercheremo di porre rimedio a queste piccole mancanze. Palmiero è un ragazzo che ogni tanto mi fa incavolare perchè forza le giocate ma ha tutta la mia stima e la mia considerazione, perchè ha grande personalità. E’ l’unica mente di questa squadra e ce lo teniamo ben stretto. Ci mancavano 4-5 punti che abbiamo buttato via in questo girone d’andata, non ce la possiamo prendere con nessuno. Saremo ancora più bravi quando giocheremo su campi più asciutti e più adatti alle qualità di questi ragazzi. Non penso al mercato quando lascio a casa qualcuno. Mi aspettavo che giocasse Rosina dal primo minuto, poi Gregucci ha fatto la scelta che riteneva più opportuna. A nome di tutta la squadra dico che abbiamo bisogno di un campo d’allenamento decente, ne risente la qualità del gioco. Sono passati 6 mesi dall’inizio del campionato, chi è di competenza ci metta a disposizione una struttura per poterci allenare. I miei giocatori hanno paura di farsi male e compromettere la loro e la nostra stagione”.  Infine Braglia si aspettava che giocasse Rosina dal primo minuto e secondo lui il rigore per il Cosenza c’era sull’azione del tiro di Tutino con la palla che va su Miglorini.

    (fonte: il cosenza.it)

  • Palmiero: “E’ una partita che si può sbloccare da un momento all’altro”

    pietro scognamiglio Luca Palmiero intervistato da Pietro Scognamiglio di DAZN a fine primo tempo ha analizzato la prima parte della gara dove si sono evidenziati molti duelli individuali uno dei quali proprio da parte del calciatore del Cosenza con Andrè Anderson: “Si le conclusioni dalla distanza possono essere una soluzione. L’ho presa male, ho calciato male. E’ una partita che si può sbloccare da un momento all’altro; basta un episodio a favore. Cerco di alzarmi il più possibile così da annullare la marcatura a uomo”.

  • Braglia convoca 23 calciatori per la sfida contro i granata

    Assenti Capela, Barzotti, Verna e Trovato, Pero Braglia ne convoca 23 per la sfida di domani al san Vito tra Cosenza e Salernitana.

    Ecco la lista:

    PORTIERI:
    Cerofolini, Perina, Saracco

    DIFENSORI:
    Anastasio, Corsi, D’Orazio, Dermaku, Idda, Legittimo, Pascali, Tiritiello

    CENTROCAMPISTI:
    Bruccini, Garritano, Mungo, Palmiero, Schetino, Varone

    ATTACCANTI:
    Baclet, Baez, Di Piazza, Maniero, Perez, Tutino

  • Giudice sportivo: otto i giocatori squalificati, nessun granata

    Sul comunicato ufficiale numero 82 del 24 dicembre della Lega di B, nelle decisioni del Giudice Sportivo, tra gli otto squalificati non ci sono calciatori nè della Salernitana, nè del Cosenza. Gli otto segnalati sono Gerbo del Foggia, Sabbione del Carpi, Diamanti del Livorno, Tonali e Romagnoli del Brescia, Settembrini e Siega del Cittadella e Trevisan del Padova. Da segnalare anche i 5000 euro di ammenda all’Ascoli per aver, i suoi tifosi, lanciato verso il guardalinee del liquido. Nesuna squalifica dunque per i granata ma un bel pò di diffidati come Di Tacchio, Akpa Akpro, Migliorini e Castiglia.Ma vediamo nel dettaglio il comunicato ufficiale:

    Ammenda di € 5.000,00 : alla Soc. ASCOLI per avere suoi sostenitori, prima dell’inizio della
    gara, mentre un Assistente effettuava il controllo delle reti, lanciato del liquido che lo attingeva in
    più parti del corpo.

    CALCIATORI
    CALCIATORI ESPULSI
    SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA
    GERBO Alberto (Foggia): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di
    un avversario.
    SABBIONE Alessio (Carpi): per avere commesso un intervento falloso su un avversario in
    possesso di una chiara occasione da rete.

    CALCIATORI NON ESPULSI
    SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA
    DIAMANTI Alessandro (Livorno): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario;
    già diffidato (Quinta sanzione).
    ROMAGNOLI Simone (Brescia): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario;
    già diffidato (Quinta sanzione).
    SETTEMBRINI Andrea (Cittadella): per comportamento scorretto nei confronti di un
    avversario; già diffidato (Quinta sanzione).
    SIEGA Nicholas (Cittadella): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già
    diffidato (Quinta sanzione).
    TONALI Sandro (Brescia): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già
    diffidato (Quinta sanzione).
    TREVISAN Trevor (Padova): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già
    diffidato (Quinta sanzione).

    PER PROTESTE NEI CONFRONTI DEGLI UFFICIALI DI GARA
    AMMONIZIONE

    SECONDA SANZIONE
    STOIAN Adrian Marius (Crotone)

    PER COMPORTAMENTO SCORRETTO NEI CONFRONTI DI UN AVVERSARIO
    AMMONIZIONE CON DIFFIDA (NONA SANZIONE)
    BELLUSCI Giuseppe (Palermo)

    AMMONIZIONE
    SESTA SANZIONE
    BROSCO Riccardo (Ascoli)
    DOMIZZI Maurizio (Venezia)
    NDOJ Emanuele (Brescia)

    AMMONIZIONE CON DIFFIDA (QUARTA SANZIONE)
    BENEDETTI Amedeo (Cittadella)
    CASTIGLIA Luca (Salernitana)
    DI NOIA Giovanni (Carpi)
    MURAWSKI Radoslaw Pawel (Palermo)
    PALMIERO Luca (Cosenza)
    PASCIUTI Lorenzo (Carpi)
    SCAVONE Manuel (Lecce)
    SCHENETTI Andrea (Cittadella)

    TERZA SANZIONE
    ALMICI Alberto (Hellas Verona)
    DE COL Filippo (Spezia)
    GARRITANO Luca (Cosenza)
    GYASI Emmanuel (Spezia)
    IDDA Riccardo (Cosenza)
    SALVI Alessandro (Palermo)
    SCHIAVI Raffaele (Salernitana)
    SECONDA SANZIONE
    ALEESAMI Haitam (Palermo)
    BERETTA Giacomo (Ascoli)
    CANCELLOTTI Tommaso (Cittadella)
    DANZI Andrea (Hellas Verona)
    MELCHIORRI Federico (Perugia)
    MENDES Murilo Otavio (Livorno)
    SCHIAVONE Andrea (Venezia)
    SILVESTRI Marco (Hellas Verona)
    VERRE Valerio (Perugia)

    PRIMA SANZIONE
    BETTANIN Paulo Sergio (Cremonese)
    BOLDOR Deian (Foggia)
    LEPORE Franco (Lecce)
    MARTELLA Bruno (Crotone)
    ZANELLATO Niccolo (Crotone)

    PER COMPORTAMENTO NON REGOLAMENTARE IN CAMPO
    AMMONIZIONE CON DIFFIDA (QUARTA SANZIONE)
    GOLEMIC Vladimir (Crotone)
    MIGLIORINI Marco (Salernitana)

    AMMONIZIONE
    SECONDA SANZIONE
    MACHACH Zinedine (Carpi)
    MONTIPO Lorenzo (Benevento)

    ALLENATORI
    AMMONIZIONE CON DIFFIDA
    DEI David (Cremonese): per avere, al 29° del secondo tempo, alzandosi dalla panchina
    aggiuntiva, contestato platealmente una decisione arbitrale.

    DIRIGENTI
    AMMONIZIONE CON DIFFIDA
    GAUDENZI Francesco Maria (Perugia): per avere, al 9° del secondo tempo, contestato
    platealmente una decisione arbitrale, uscendo dall’area tecnica; infrazione rilevata dal Quarto
    Ufficiale.

  • Scelto Marinelli per dirigere Cosenza -Salernitana

    Cosenza – Salernitana sarà diretta da Livio Marinelli della sezione di Tivoli coadiuvato dagli assistenti Luigi Lanotte di Barletta e Vincenzo Soricaro anch’egli di Barletta; quarto uomo sarà Eduart Pashuku di Albano Laziale.

    Il fischietto laziale, calsse ’84, quest’anno ha già diretto ben 5 incontri di Serie B ed uno di A (Genoa -Empoli 2-1 il giorno 26 agosto). Le partite di B sono state Foggia – Palermo (1-2) del 16 settembre; Crotone – Brescia (2-2) del 28 settembre; Verona – Perugia (2-1) del 27 ottobre; Palermo – Pescara (3-0) dell’11 novembre e Lecce – Prugia (0-0) dello scorso 8 dicembre.

    Solo tre precedenti con i granata per Marinelli per un totale di una vittoria, un pareggio ed una sconfitta.  Il10 agosto 2014, primo turno di Coppa Italia, l’Alessandria batte la Salernitana di Mario Somma per 1-0  con rete di Mezavilla. E’ il primo incontro con i granata in campo diretto da Marinelli. Il secondo riguarda la vittoria per 2-0 all’Arechi, in Serie B contro il Trapani del 24 settembre 2016. Il terzo incrocio risale allo scorso campionato di B, sempre all’Arechi, quando Salrnitana e Cesena terminarono la gara in parità (1-1; Moncini e Rosina).

     

  • Cosenza – Salernitana: 42 precedenti e quel 26 giugno 1991

    Sono ben 42 volte che i granata calpestano il manto erboso della città calabrese e giovedì sarà la partita numero 43. Il tabellino vede 19 successi del Cosenza contro gli 8 della Salernitana e 15 pareggi. A questo complesso di risultati è da aggiungere quel maledetto 26 giugno 1991, giorno dello spareggio di Pescara per la permanenza in B; è ancora vivo quel gol di Marulla che condannò i granata in Serie C. Il primo match tra calabresi e campani risale al 7 dicembre 1930 in Prima Divisione quando il Cosenza vinse per 1-0 con un rigore di Ferraris, l’ultimo nel campionato di Lega Pro del 2014-2015 terminata 0-0. L’ultima vittoria granata risale al campionato di Serie B 2001-2002; era la Salernitana targata Zeman che si impose per 3-2 in una partita ricca di emozioni. Infatti ci fu un botta e risposta di gol con Diawara che aprì le marcature per il Cosenza; pareggiò Giacomo Tedesco e poi Antonio Arcadio ribaltò il risultato, riacciuffato poi tre minuti dopo da Zaniolo. Sembrava un pareggio annunciato ed invece Fabio Vignaroli, al quinto minuto di recupero, mette in gol una delle sue punizioni che diede quella che oggi resta l’ultima vittoria granata al San Vito.

    I precedenti:

    • 1930/1931 I° DIVISIONE COSENZA – SALERNITANA 1-0 Ferraris
    • 1931/1932 I° DIVISIONE COSENZA – SALERNITANA 1-0 Olivini
    • 1933/1934 I° DIVISIONE COSENZA – SALERNITANA 3-3 Svageli 3 (C), Codari (S), Pavan (S), Valese (S)
    • 1934/1935 I° DIVISIONE COSENZA – SALERNITANA 1-1 Romano (C), Morselli (S)
    • 1935/1936 SERIE C COSENZA – SALERNITANA 0-0
    • 1936/1937 SERIE C COSENZA – SALERNITANA 2-1 Lodi (C), Bertazzi (C), Puccinelli (S)
    • 1937/1938 SERIE C COSENZA – SALERNITANA 0-2Corsanini, Lazzarini
    • 1939/1940 SERIE C COSENZA – SALERNITANA 4-5 Volpe (S), Leonetti (C), Bresin 2 (S), Barberio (C), Zavatti (S), Bergonzini (S), Niccolini 2 (C)
    • 1946/1947 SERIE B COSENZA – SALERNITANA 1-1Margiotta (S), De Maria rig. (C)
    • 1958/1959 SERIE C COSENZA – SALERNITANA 5-0Bedetti 2, Della Pietra, Risos, Uxa
    • 1959/1960 SERIE C COSENZA – SALERNITANA 2-0Ardit, Lombardi
    • 1960/1961 SERIE C COSENZA – SALERNITANA 2-0Ardit, Lenzi
    • 1964/1965 SERIE C COSENZA – SALERNITANA 1-0Marmiroli
    • 1965/1966 SERIE C COSENZA – SALERNITANA 2-0Marmiroli, Campanini
    • 1967/1968 SERIE C COSENZA – SALERNITANA 2-2Dionisi (C), Lodi (C), Pacco (S), Scotti (S)
    • 1968/1969 SERIE C COSENZA – SALERNITANA 3-1  Gioannetto (S), Alduina (C), Antonioli 2 (C)
    • 1969/1970 SERIE C COSENZA – SALERNITANA 2-0 Gagliardi, Gobbi
    • 1970/1971 SERIE C COSENZA – SALERNITANA 1-2 Rigotto rig. (S), Pantani (S), Lodi (C)
    • 1971/1972 SERIE C COSENZA – SALERNITANA 1-0 Dalle Fratte
    • 1972/1973 SERIE C COSENZA – SALERNITANA 1-1 Dalle Fratte (C), Busilacchi (S)
    • 1973/1974 SERIE C COSENZA – SALERNITANA 0-1 Corsi
    • 1975/1976 SERIE C COSENZA – SALERNITANA 0-0
    • 1976/1977 SERIE C COSENZA – SALERNITANA 0-0
    • 1980/1981 SERIE C1 COSENZA – SALERNITANA 0-1 Del Favero rig.
    • 1982/1983 SERIE C1 COSENZA – SALERNITANA 2-0 Renzetti, Conte
    • 1983/1984 SERIE C1 COSENZA – SALERNITANA 2-2 Del Favero (S), Tinti (S), Petrella (C), Lombardi (C)
    • 1984/1985 SERIE C1 COSENZA – SALERNITANA 0-0
    • 1985/1986 SERIE C1 COSENZA – SALERNITANA 1-0 Tivelli
    • 1986/1987 SERIE C1 COSENZA – SALERNITANA 1-0 Urban
    • 1987/1988 SERIE C1 COSENZA – SALERNITANA 2-1 Cozzella (S), Castagnini (C), Urban (C)
    • 1990/1991 SERIE B COSENZA – SALERNITANA 1-0 37′ pt Marino
    • (1990/1991 SPAREGGIO RETROCESSIONE COSENZA – SALERNITANA 1-07′ pts Marulla)
    • 1994/1995 SERIE B COSENZA – SALERNITANA 0-0
    • 1995/1996 SERIE B COSENZA – SALERNITANA 0-0
    • 1996/1997 SERIE B COSENZA – SALERNITANA 3-1 8′ pt rig. Alessio (C), 30′ pt Grimaudo (S), 8′ st Guidoni (C), 17′ st rig. Alessio (C)
    • 1999/2000 SERIE B COSENZA – SALERNITANA 0-0
    • 2000/2001 COSENZA – SALERNITANA 1-0 45′ st Zampagna
    • 2001/2002 SERIE B COSENZA – SALERNITANA 2-3 36′ pt Diawara (C), 19′ st Gia. Tedesco (S), 32′ st Arcadio (S), 35′ st Zaniolo (C), 49′ st Vignaroli (S)
    • 2002/2003 SERIE B COSENZA – SALERNITANA 0-0
    • 2014/2015 COPPA ITALIA LEGA PRO COSENZA – SALERNITANA 1-0 13′ st rig. De Angelis
    • 2014/2015 LEGA PRO COSENZA – SALERNITANA 0-0

     

  • Quarta sfida tra Gregucci e Braglia; per il tecnico granata mai una vittoria

    Negli incroci Gregucci, Braglia, Cosenza, Salernitana, la partita di giovedi sera sarà la prima in assoluto di Angelo Adamo Gregucci contro il Cosenza,da allenatore. Dall’altra parte invce Braglia è la terza volta che incrocia i granata. Nelle due precednti occaisoni il tecnico del Cosenza ha sempre perso. Nel Campionato di Serie C1 2007-2008, la Salernitana fa visita alla Luccchese e con una doppietta di Arturo Di Napoli portò a casa i tre punti (0-2). L’altro incrocio è nel successivo Campionato di Serie B, 2008-2009 (la Salernitana fu promossa dalla C alla B), quando i granata feceero visita al Frosinone che acquistò sulla panchina proprio il tecnico grossetano. I granta espugnarono il Matusa con un secco 0-2 (Fava – Ciaramitaro).  Negli incroci tra i due tecnici Gregucci non è mai uscito vittorioso con Braglia. Due da tecnico e uno da calciatore. Da calciatori si va a ritroso fino al 1987. il 22 marzo di quell’anno, quando il calcio era dedicato alla sola domenica, al Cibali si affrontano Catania e Lazio, partita valida per la 25 giornata di campionato di Serie B. Nelle fila del Catania giocava Piero Braglia (c’era anche Novellino), mentre Gregucci era il difensore centrale della Lazio di mister Fascetti. il risultato fu di 1-0 er i siciliani con gol al 3′ di Grazieri. Ultima cuiosità, per il campionato 2016-2017, l’Alessandria sostituì mister Gregucci proprio con Braglia visto che l’attuale tecnico granata andò a lavorare come vice di Mancini all’Inter.

     

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker