dazn

  • Palombi: “Dobbiamo chiudere la partita e portare il loro pubblico contro di loro”

    A fine primo tempo la Salernitana è già sotto di due reti e lo stadio si spazientisce e riempie di fischi la squadra granata. Ai microfoni di Silver Mele di DAZN c’è l’autore del 2-0 Palombi ex di turno: “Abbiamo preparato al meglio la partita, sapevamo di venire su un campo difficile per tutti, per ora ci sta andando bene però non dobbiamo mollare e dobbiamo chiduere la partita. Sul gol è stato bravo Tachtsidis a mettere la palla dentro. Davanti cerchiamo di essere più imprevedibili possibile e fino ad ora ci stiamo riuscendo e dobbiamo portare il loro pubblico contro di loro”,

  • Rosina: “partita combattuta, pareggio giusto…sulla mia esclusione non dovete chiedere a me ma alla società”

    Alessandro Rosina ai microfoni di Dazn a fine gara: “Cerchiamo sempre di avere una continuità giusta e di avere sempre meno alti e bassi. Con il lavoro cerchiamo di fare sempre del nosrto meglio per dare soddisfazione a chi ci segue e a noi stessi.

    Per sbloccarla serviva trovare in area una situazione giusta e a metterla dentro ma questo è un campo non semplice e anche le condizioni del campo stesso non sono ottimali, penso sia giusto il pareggio; una partita combattuta. Non esiste un problema attacco, cerchiamo di fare del nostro meglio e cercare di fare più gol possibili chiunque si mette a disposizione. Cercheremo di fare meglio sotto questo aspetto”.

    Sulla sua esclusione ad inizio campionato Rosina commenta: “L’esclusione non era una decisione mia, dovete chiedere non a me ma alla società stessa. Io ho cercato di fare sempre del mio meglio e ora faccio parte del gruppo e rispetto tutti. Da parte mia massima collaborazione verso il lavoro che faccio tutti i giorni.

  • Vitale: “Gregucci ci ha portato quella serenitá che prima non c’era”

    L’eroe della partita, Gigi Vitale, non nasconde la sua grande soddisfazione per il gol e per la vittoria. Intervenuto ai microfoni di Dazn, a fine gara ha commentato: “Il gol ci serviva per la fiducia anche  dopo 10 giorni di ritiro. Partita sofferta, stiamo tirando fuori la qualità, oggi non era facile e il msiter ci ha messo tanta serietà e dobbiamo fare bene e far divertire i nostri tifosi. Venivamo dale tante pressioni precedenti. Mister Gregucci ci ha portato tanta serenità che prima non c’era. Dedico il gol a tutti i tifosi che mi hanno sostenuto nei momenti difficili”.

  • Donnarumma da 10, Salernitana da vergogna. Tripletta dell’attaccante intervistato su DAZN a fine primo tempo

    Salernitana inesistente nel primo tempo dove il Brescia ha fatto praticamente ciò che voleva. Tre gol di Donnarumma sempre più capocannoniere della Serie B. Con il primo era arrivato a quota cento in carriera, poi il secondo ed un errore di Micai ha portato alla sua tripletta personale. Corini viene espulso sul finale della prima frazione di gara e al rientro negli spogliatoi fischi a rraffica per i granata. Da segnalare spintoni e parole grosse in tribuna dopo il secondo gol del Brescia per la troppa esultanza di tifosi bresciani, presumibilmnte parenti di Donnarumma. Lo stesso attaccante ha esultato in modo contenuto per i suoi trascorsi in granata. Ed è proprio lui ad essere intervistato da Francesco Puma di Dazn a bordo campo, al suo tredicesimo gol in campionato che equivale al 102esimo gol in carriera. “Siamo stati bravi ad approcciare bene su sto campo non è mai facile e sono contento. Ci sarà un secondo tempo dove loro daranno battaglia fino alla fine e dobbiamo tenere la stessa mentalità e provare a fare il quarto gol. Il mister ha ragione e quindi ci prepariamo per fare un altro gol” – queste le parole dell’attaccante ex granata prima del rientro negli spogliatoi.

  • Donnarumma testimonial DAZN – ma nello spot non viene citato il suo trascorso alla Salernitana

    Alfredo Donnarumma diviene il testimonial della Tv unerattiva Dazn. L’attaccante torrese classe 90, ha realizzato in 11 presenze, 10 reti in questo campionato. “La favola di Alfredo Dnnarumma”, questo il titolo dello spot della durata di un minuto che Dazn, ha voluto realizzare con l’attuale capocannoniere del campionato cadetto. Dalla sua terra natia alla chiamata del Catania, all’infortunio subito che gli poteva stroncare la carriera al recupero ed alla chiamata del Teramo fino all’Empoli e al Brescia. 54 gol in 136 presenze in Serie B. Il video termina con un messaggio di Donnarumma: “Ciao ragazzi, se avete voglia di seguire i miei gol della Serie B BKT, lo potete fare su Dazn, un abbraccio a tutti”. Nel vedere tale spot si nota di come non si accenni al suo passaggio nella Salernitana, dove ha realizzato 18 gol in 67 presenze, probabilmene non resa indispensabile dalla neo emittente teevisiva e importante ai fini della realizzazione del medesimospot ( non si accenna neanche ai suoi trascorsi al Gubbio, al Cittadella, al Como e al Lanciano).

    Di seguito lo spot completo

  • Bocalon, l’attaccante che si ispira a Inzaghi, si svela su DAZN

    Dopo Colantuono anche Riccardo Bocalon è stato raggiunto da Federico Sala, giornalista di DAZN. Il doge ha parlato molto di sé, delle sue passioni per la psicologia, per Call of Duty e specialmente per il mare. Guardando la spiaggia di Santa Teresa ha dichiarato: “E’ la mia prima esperienza al sud. Cerco di lavorare al massimo per la squadra e l’obiettivo comune è più importante di quello personale (inerente ai cinque gol segnati fino ad ora). E quando gli chiedono la Serie A, Din don preferisce per scaramanzia, non nominare quella lettera. A proposito di “Din don Bocalon” ha detto: “lo speaker allo stadio lo fa spesso, mi piace molto”. L’attaccante veneto ha un suo idolo ed è Pippo Inzaghi: “La fame che ha sotto porta è qualcosa di unico, m’ispiro a lui. Cerco di giocare su queste palle sporche che vagano in area, cercando la soluzione ideale per pungere le difese avversarie”.

  • Serie B: l’Ascoli vince e balza in zona Playoff, bene la Cremonese e il Cosenza; crisi Crotone

    L’Ascoli supera di slancio lo Spezia e si porta in zona Playoff. Il Cosenza ribalta il risultato e nel recupero riesce a superare il Pafdova mentre il Cortone incappa nella terza sconfitta consecutiva, questa volta ad opera della Cremonese.
    ASCOLI-SPEZIA 3-1
    Palla al centro, inizia il match ed al primo minuto Ardemagni lo sblocca subio intercettando il tiro di Ninkovic e mettendo la palla nel sacco. Lo Spezia prova a rimettersi in corsa ma la prima frazione di gara termina con il risultato invariato. Nella ripresa, al 46′, lla palla arriva a Cavion il cui tiro finisce all’incrocio e porta i bianconeri sul 2-0. Espulsione di Ninkovic e la squadra di Vivarini resta in 10; lo Spezia ne approfitta e al 55’ Okereke accorcia le distanze, scavalcando Lanni con un tocco sotto. A questo punto i bianconeri liguri provano il tutto per tutto ma in contropiede, al 93′ prendono il terzo gol ad opera di Padella in contropiede.
    Il tabellino

    Ascoli (4-3-1-2): Lanni, De Santis, Valentini, Brosco, Laverone (59′ Kupisz), Addae, Troiano, CavionNinkovicArdemagni (86′ Rosseti), Ngombo (59′ Padella). All. Vivarini.

    Spezia (4-3-3): Lamanna, Vignali, GianiCapradossi, Augello, Bartolomei, (74′ Pierini), Ricci, Mora (85′ De Francesco), Gyasi (85′ Gudjohnsen), Okereke, Bidaoui. All.Marino.

    Arbitro: Illuzzi
    Marcatori: 1′ Ardemagni (A), 46′ Cavion (A), 55′ Okereke (S), 93′ Padella (A)
    Ammoniti: 48′ Ninkovic (A), 56′ Okereke (S), 91′ Rosseti (A), 92′ Lanni (A), 94′ Padella (A)
    Espulsi: 49′ Ninkovic (A), 68′ Bidaoui (S)

    COSENZA-PADOVA 2-1
    Partita fondamentale in coda tra il i calabresi ed i biancoscudati che al 27′ vanno in vantaggio grazie alla realizzazione del calcio di rigore da parte di Bonazzoli per fallo di Legittimo. Lo stesso terzino spreca la palla del raddoppio tirando sul portiere. Nel secondo tempo al 14′ minuto c’è la svolta; rosso per Mazzocco, calcio di rigore per il Cosenza che Baclet realizza. La partita si avvia sul risultato di parità ma nel recupero Garritano con un colpo di testa regala la vittoria ai rossoblu che in classifica superano proprio il Padova ed escono dalla zona Palyout.
    Il tabellino

    Cosenza (4-2-3-1): Perina; Corsi, Dermaku, Idda, Legittimo (53′ D’Orazio); Mungo (53′ Palmiero), Bruccini, Baez; Garritano; Tutino, Baclet (83′ Perez). All. Braglia.
    Padova (4-3-1-2): Perisan; Zambataro, Cappelletti, Capelli, Trevisan; Mazzocco, Pinzi, Belingheri; Pulzetti;Bonazzoli (85′ Minesso), Chinellato (75′ Guidone). All. Foscarini.

    Arbitro: Marini di Roma

    Marcatori: 27′ Bonazzoli (P), 59′ Baclet (C), 94′ Garritano (C)
    Ammoniti: 12′ Corsi (C), 26′ Legittimo (C), 39′ Cappelletti (P)
    Espulsi: 58′ Mazzocco (P)
    CREMONESE-CROTONE 1-0
    Una partita tesa e un pò nervosa quella dello ZIni. Infatti al 44′ il Crotone è in dieci per l’espulsione di Romero per doppia ammonizione. Questa situazione sarà fondamentale in negativo per i rossoblu che infatti al 73′ subiscono il gol da parte del neo entrato Boultam che con un destro da fuori area la mette dentro e condanna i calabresi alla terza sconfitta consecutiva.
    Il tabellino

    Cremonese: Ravaglia; Mogos, Claiton, Terranova, Migliore; Aini, Castagnetti (dal 28′ st Boultam), Croce (dal 15′ st Paulinho); Piccolo, Castrovilli; Brighenti (dal 41′ st Strefezza). All. Rastelli.

    Crotone: Cordaz; Curado, Vaisanen, Marchizza; Sampirisi, Molina, Barberis, Aristoteles, Faraoni (dal 25′ st Rohden); Budimir (dal 19′ st Stoian), Simy (dal 1′ st Firenze). All. Oddo.

    Arbitro: Nasca.

    Marcatori: 29′ st Boultam (Cre)
    Ammoniti: 15′ Romero (Cro), 41′ Claiton (Cre), 9′ st Vaisanen (Cro), 42′ st Castrovilli (Cre).
    Espulsi: 44′ Romero per doppia ammonizione (Cro).
  • A reti bianche la sfida d’alta classifica

    Finisce a reti bianche la sfida d’alta quota tra Palermo e Benevento. Tante le occasioni create ma nessuono riesce a metterla alle spalle dei portieri e cos’ il Plermo manca l’occasione per allungare sulle dirette concorrenti per la vetta. Ottavo risultato utile consecutivo per i rosanero e secondo risultato utile per i campani dopo la vittoria contro il Perugia della scorsa sttimana. Pareggio che tiene saldo Bucchi alla panchina e allontana lo speettro di Baroni. Il Benevento si schiera con un 3-5-2 dove mancano ben sette calciatori tra cui Improta e Insigne a cui risponde il Palermo con il consueto 4-3-3. Tra le azioni più importanti è da mettere in evidenza quella del 19′ quando la punizione di Viola viene deviata da Jajalo che ischia l’autorete. Al 39′ azione pericolosa di Nestorovsky e al 43′ ci prova Haas con un diagonale ma Montipò non si fa sorprendere.Il Benevento perde i pezzi nella ripresa; si infortunano anche Viola e Letizia. Entrano Ricci e Buonaiuto  che si rendono subito pericolosi al 67′ con un’azione che porta l’ex Perugia al tiro ma Brignoli (ex di turno insieme a Puscas) non si fa sorprendere. L’occasione d’oro capita al Palermo all’ 83′ quandoTrajkovski,a porta semi vuota spara alto sulla traversa.

    Il tabellino

    Palermo (4-3-3): Brignoli, Salvi (81′ Rispoli), Bellusci, Rajkovic, Aleesami, Murawski (65′ Falletti), Jajalo, Haas, Trajkovski, Nestorovski, Puscas (89′ Moreo)  All. Stellone.

    Benevento (3-5-2): Montipò, Volta, Billong, Di Chiara, Maggio, Bandinelli, Viola (47′ Buonaiuto), Tello, Letizia (53′ Ricci), Asencio, Coda. All. Bucchi.

    Arbitro: Abbattista di Molfetta.

    Ammoniti: 26′ Puscas (P), 56′ Rajkovic (P), 63′ Billong (B), 72′ Salvi (P), 80′ Maggio (B)

  • Colantuono a Dazn: “Sono maniacale, mi piace l’organizzazione”

    Intervista a mister Colantuono su Dazn dopo i risultati raggiunti quest’anno in un inaspettato terzo posto come lo stesso mister granata ha confermato: “Onestamente non mi aspettavo un buon inizio di campionato così, siamo andati oltre le più rosee aspettative”. Più ce meriti personali si complimenta con la squadra: “Merito della squadra e dei ragazzi che riescono a soffrire nei momenti difficili e mi fa felice questa mentalità”. Secondo alcuni suoi ex calciatori allenati, Colantuono è stato definito maniacale: “Si, sono maniacale perché sono per l’organizzazione e far le cose sempre con grande professionalità”.  Tra i suoi ricordi c’è anche quel Bombardini che, ironia della sorte, fu calciatore granata dal 2003 al 2005 prima di passare proprio all’Atalanta di Colantuono. Su di lui il mister ricorda che alleggeriva molto lo spogliatoio e riusciva sempre a sdrammatizzare.

  • Castiglia e Bocalon ai microfoni di Dazn

    Luca Castiglia alla fine del primo tempo è stato intervistato da Silver Mele: “Si sapeva che lo Spezia veniva qui per giocarsela e per fare i 3 punti, stiamo tenendo bene e dobbiamo migliorare nel gioco. Speriamo di vincere la partita perché per noi è fondamentale. Siamo stati bravi a sbloccarla quasi subito e dobbiamo esser bravi a sfruttare il vantaggio numerico”.

    Riccardo Bocalon A fine gara ha analizzato la partita: “Sicuramente una partita difficile, l’abbiamo sbloccata subito e forse qualcosa potevamo fare di più sulla gestione della palla, quando loro sono rimasi in dieci. Ci teniamo stretti questa vittoria contro una squadra che lotterà per stare in alto. L’Arechi è il nostro dodicesimo uomo merito a loro che ci danno quella spinta in più”.

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker