format

  • Serie B, Balata: “Servono meno squadre per gestire meglio il calendario”

    Il presidente della Lega di Serie B Mauro Balata è convinto che: “serve una riduzione del numero delle squadre cadette per gestire più adeguatamente il calendario”. Balata ha espresso il suo pensiero riguardo al format di Serie B a margine del Consiglio Federale svoltosi presso la FIGC di Roma ai microfoni di RMC Sport. “Il format cadetto? Oggi non era possibile fare valutazioni più approfondite perché l’argomento non è stato ancora sviluppato. È necessario fare un passaggio all’interno dei nostri mondi e delle leghe, trovando una soluzione che tenga conto delle specificità e delle esigenze di tutti. Pertanto anche delle nostre. La Lega di B si batte per la riforma dei campionati e per la ristrutturazione del calcio. Il numero delle squadre ve lo diremo più avanti, dopo la discussione in assemblea. Certamente serve una riduzione per un calcio più sostenibile con un campionato e un calendario più gestibile. Inoltre, serve maggiore tutela per i giocatori e per la tifoseria, è arrivato il momento di fare questa riflessione e attuare tutto ciò che si dice”. Sulla proroga del mercato io ho tentato di raccogliere dei rumors. Abbiamo il mandato di attendere la posizione della Lega di A dopo l’assemblea di giovedì. Se ci sarà l’ok da parte del massimo campionato italiano arriverà la proroga fino al 31 gennaio. VAR? Non abbiamo discusso di questo. Si è parlato della gestione economico-finanziaria della Figc. C’è stato un confronto con Marcello Nicchi e penso che le dichiarazioni di alcuni dirigenti vadano moderate. Con il VAR gli errori si sono ridotti di molto. Ci sono aspetti positivi ma anche degli errori. Stiamo cercando di crescere e migliorare. La Var rimane e funziona. L’AIA si sta impegnando e i primi a riconoscere gli sbagli sono gli stessi arbitri. Non esiste la malafede e per noi è una precondizione essenziale”.

    (fonte: masport.it)

  • Serie B, Gravina: “Senza modifiche si resterà a 22 squadre”

    Tante le novità emerse dal Consiglio Federale tenutosi in giornata, questioni relative pure alla Serie B come emerso nella conferenza stampa seguente. Sul tema del prossimo campionato da disputare a 20 o 22 squadre si è espresso il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, che ha precisato la sua posizione: “Oggi ne abbiamo parlato, c’è un confronto acceso su posizioni differenti. Quando non c’è consenso valgono le regole scritte e quelle attuali sono chiare: l’articolo 49-50 dice quelle che sono le squadre che devono comporre le categorie. Se non cambiamo accordo il format resta a 22. La B a 19 squadre è stata voluta da Fabbricini eccezionalmente per questa stagione. E quindi, se non ci sarà una modifica dell’articolo 50, la B resterà a 22”.

    Massima chiarezza su un tema che, nel caos infinito a partire dalla scorda estate, ha fissato a 19 società le partecipanti alla Serie B 2018/19. Dal momento che finora non si è trovato un accordo, il format del prossimo campionato sarà a 22 poiché non c’è più il tempo materiale per cambiare il numero delle squadre. Secondo la proposta che dovrà essere ratificata di Francesco Ghirelli, presidente della Lega Pro, saranno previste 3 promozioni e 4 retrocessioni in B mentre in Serie C spazio a 4 promozioni (3 dirette prima dei playoff) e 8 retrocessioni (2 dirette per i gironi A e B, 6 dai playout per ogni gruppo). Le 3 squadre che mancano all’appello saranno verosimilmente individuate attraverso i ripescaggi.

    (fonte: Skysport.it)

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker