mezzaroma

  • Mazzaroma vuole la continuità dei risultati

    “Sono contento della vittoria e ringrazio i tifosi che ci hanno sostenuto anche stasera” – queste le parole di Marco Mezzaroma a fine gara in sala stampa che parla anche di una buona continuità nelle ultime prestazioni della squadra alla quale ora è da aggiungere anche la continuità dei risultati. Una Salernitana, secondo il co-patron granata abile a sfruttare le palle inattive e che più va avanti e più ha maggiore fiducia e consapevolezza dei propri mezzi. Ha concluso: “Stiamo lavorando in maniera decisa per festeggiare al meglio il centenario della Salernitana”.

  • Il Comune affida il Logo del Centenario al Sabatini-Menna, la Salernitana va per altre vie

    Qualche settimana fa c’era stata una conferenza al Teatro del Liceo Artistico Andrea Sabatini dove, alla presenza della Dirigente Scolastica Ester Andreola, del Presidente della Provincia di Salerno Michele Strianese, dell’assessore all’Ambiente e allo Sport Angelo Caramanno e dell’assessore alle Politiche Giovanili e all’Innovazione Mariarita Giordano, il Comune di Salerno aveva affidato agli alunni del Liceo Artistico Sabatini e dell’Istituto d’Arte Filiberto Menna,  la realizzazione del logo e di un video di presentazione in occasione del Centenario della Salernitana. L’idea dell’amministrazione comunale era quella di costruire un percorso insieme alla US Salernitana 1919 e alla cittadinanza verso il 19 giugno 2019. La Salernitana però ha deciso di non sposare in pieno questa idea e tra l’altro era assente alla conferenza. Lo stesso Angelo Caramanno lo fa intendere in un’intervista rilasciata a TV Oggi Salerno al collega Marcello Festa dove l’assessore dice: “Abbiamo invitato la Salernitana, con l’obiettivo di costruire il logo insieme. Poi, è evidente che la Salernitana ha temporeggiato sotto questo punto di vista perché ha idealizzato un percorso diverso da fare in ottica marketing”. E così ancora una volta il sodalizio del terzetto Mezzaroma – Lotito – Fabiani sembra procedere in direzione diversa nonostante il “remiamo nella stessa direzione” ed il “Tutti uniti verso un unico obiettivo”. Si continua così con ognuno che realizza un poprio centenario. Per dirla con le stesse parole del collega Festa, “sembra assistere ad iniziative tutte slegate tra loro senza una regia unica: occasioni spot per attestare la leadership e esaltare il proprio ego”. 

  • Per Mezzaroma cè ancora tanto da lavorare per “guarire dalla febbre”

    Per la prima in la stampa del Gregucci parte terza, il mister è stato accompagnato da Marco Mezzaroma. Lo ha voluto a ttti i costi sulla panchina granata e ci è riuscito il coopatron della Salernitana che più che un allenatore lo considera un amico. Il Presidente ha ribadito il suo ringraziamento a Colantuono per il lavoro svolto e per il uo gesto (le dimissioni) che non è affatto semplice  nel calcio di oggi. Ha poi continuato nel rimarcare ce Gregucci per lui è un amico visto che si conoscono da 20 anni, ma sottolinea che l’amicizia non centra nulla, la sceelta su Gregucci è staa voluta per le capacita personali e tecniche dell’ex secondo di Mancini. Ora ci saranno due partite e poi il mercato di gennaio: “ci metteremo seduti e faremo le nostre valutazioni. Da parte nostra non c’è mai stata mancanza di disponibilità”.  Non nasconde che alla Salernitana c’è da lavorare molto sull’attacco e ha paragonato la squadra ad una persona malata: “se prima avevamo 39 di febbre oggi è scesa a 37 e mezzo ma la febbre non è sparita”.

  • Lotito: “Abbiamo una squadra che può confrontarsi alla pari con tutti”

    Un soddisfatto Claudio Lotito, sempre esuberante ma più disteso. Anche lui come Mezzaroma, mancava da un pò all’Arechi ed è venuto nella partita giusta perché ha potuto godere di un bel 3-0. In sala stampa ha dichiarato (testo rilevato dalla video intervista su US Salernitana 1919): “Sicuramente una squadra che sta prendendo corpo, forma e condizione. Questa è una rosa allestita per potersi confrontare alla pari con tutti, ha una rosa molto ampia che consente all’allenatore di poter affrontare qualsiasi tipo di squadra; una squadra che ha potenza, forza fisica ma anche grande tecnica e quello che mi è piaciuto è soprattutto lo spirito di gruppo che emerge di una squadra compatta, determinata e volitiva”.

  • Mezzaroma: “Si è creato un bel clima con la città e i tifosi”

    E’ la settimana che porta ai festeggiamenti per il Santo Patrono ed evidentemente i miracoli esistono. Infatti dopo più di sei mesi è tornato allo Stadio Arechi Marco Mezzaroma ed era anche in compagnia di Claudio Lotito. E si, mancavano dal mese di marzo quando all’Arechi venne il Novara. In sala stampa ha dichiarato (testo dal video del sito ufficiale US Salernitana 1919): “E’ stata una gran bella partita, abbiamo giocato bene. Bei gol e la parte fisica sta crescendo; bisogna continuare così. Il punto di forza è il fatto che in tutti i ruoli abbiamo delle alternative di livello, abbiamo 22-24 titolari effettivi. Alcuni stanno entrando in forma, altri stanno crescendo e si è trovato un bel clima con i tifosi e con la città e sta a noi mantenerlo”.

  • Mezzaroma: “Importante l’equilibrio del sistema”

    Alla vigilia della pronuncia del collegio di Garanzia del Coni e di un verdetto che potrebbe creare un bel terremoto in Serie B, il co-patron Marco Mezzaroma, sul sito ufficiale dei granata ha voluto mettere in chiaro la posizione della Salernitana sull’importanza di mantenere un certo equilibrio per il bene di tutto il mondo del calcio. Queste le sue parole “Ritengo sia importante sottolineare ancora una volta quanto sia fondamentale perseguire l’equilibrio del sistema che la Lega di B sta portando avanti compatta e coesa al fine di tutelare i milioni di tifosi delle squadre del campionato di Serie B. Quella che la B ha deliberato in più occasioni è una riforma ineludibile e dalla quale non si può più prescindere per il bene del nostro calcio. Sono sicuro che le Società retrocesse in Lega Pro e quelle che hanno mancato la promozione lo scorso anno vorranno dimostrare sul campo di meritare la B”.

  • Presentate le tre maglie ufficiali della Salernitana per il campionato di serie B 2018/2019

    SALERNO – Marco Mezzaroma ha presentato alla stampa e alla cittadinanza le nuove maglie per la stagione calcistica 2018-2019 che traghetterà la “Bersagliera” verso il 19 giugno 1919 ovvero verso i suoi 100 anni di vita. Una scelta che ha destato qualche chiacchiericcio ma che alla fine siam convinti sarà gradita a tutti. Prima maglia rigorosamente granata con una striscia a forma di S a sinistra su cui è posto lo stemma con il cavalluccio. La seconda maglia è tutta bianca con risvolto granata mentre la terza è giallo oro con striscia granata sul lato sinistro sempre a forma di S. Anche i pantaloncini saranno granata con una striscia azzurra.  Sia il presidente Mezzaroma che Antonio Mandile della Givova (sponsor tecnico della società granata anche quest’anno) hanno destato entusiasmo per la scelta.  “Le maglie riportano i colori sociali della società ma anche un richiamo a quelli della città” – ha dichiarato Mandile.  “Gli addetti ai lavori hanno dato atto che abbiamo allestito un organico di grande qualità. L’incontro che ho voluto con voi è per cercare di avere con la città un rapporto costruttivo e cercare di avvicinare i tifosi alla squadra. Spero che il lavoro di qualità venga riconosciuto dalla tifoseria” – ha invece detto Mezzaroma. Le tre maglie insieme dovrebbero, nella simbologia, rievocare i colori del vessillo della città di Salerno.

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker