minala

  • Con due gol la Salernitana vince contro la Cremonese

    Partita valida per la ventiseiesima giornata del Campionato di Serie B. Decimo posto in classifica per i granata di Gregucci che si ritrovano a dover dimenticare la sconfitta subita a Verona mentre la Cremonese, tredicesima in classifica a 27 punti, contro i 31 della Salernitana, è reduce dalla sconfitta contro l’Ascoli in casa.  Non una bella partita ma la Salernitana riesce ad essere pratica e a portare a casa i tre punti come da obiettivo prefissato.
    I granata scendono in campo con un 3-4-1-2 con Micai; Pucino, Migliorini, Mantovani; D. Anderson, Minala, Di Tacchio, Lopez; A. Anderson; Calaiò, Jallow. A disposizione: Vannucchi, Lazzari, Gigliotti, Schiavi, Memolla, Marino, Odjer, Mazzarani, Orlando, Djuric. La Cremonese risponde con un classico 4-4-2 con Agazzi; Mogos, Caracciolo, Claiton, Renzetti; Emmers, Del Fabro, Arini, Soddimo; Strizzolo, Piccolo. A disposizione di Rastelli: Ravaglia, Volpe, Del Fabro, Rondanini, Renzetti, Boultam, Croce, Emmers, Mbaye, Carretta.  L’arbitro della gara è Illuzzi di Molfetta. 6601 i paganti all’Arechi.

    Nel primo tempo la Salernitana prova a fare la partita. Al 10’ i granata provano a scardinare la difesa avversaria ma il tiro-cross di Lopez viene messo in angolo. Al 16’ ci prova ancora Lopez e due minuti dopo è Mogos ad impegnare Micai senza problemi. Al 23’ Caracciolo spara alto sopra la traversa. Sull’azione successiva è Calaiò a provarci ma il suo rasoterra è fuori. Al 33’ è D. Anderson che ci prova ma sbaglia la conclusione. Al 34’ è Minala che tira da fuori ma la palla è sopra la traversa. Dopo un minuto di recupero le due squadre vanno negli spogliatoi.

    Nella ripresa è della Cremonese la prima azione pericolosa con una punizione da fuori area al 6’ ma la palla viene bloccata da Micai. Ammonito Piccolo, un minuto dopo è Jallow, servito da Anderson, che tira e non centra la porta. Al 12’ è Calaiò su calcio d’angolo che impegna Agazzi in una facile parata. Al 15’ si fa male Strizzolo e viene sostituito da Carretta. Al 16’ Anderson verticalizza in modo perfetto per Jallow ma è bravissimo Agazzi a ribattere il suo tiro in uscita. Sul successivo calcio d’angolo è Minala che mette la palla dentro per l’1-0 granata. Dopo un’azione pericolosa della Cremonese con Carretta al 21’ arriva il secondo gol granata con un assist splendido di Di Tacchio per Jallow che dopo uno stop al volo la mette dentro. Al 26’ entra Strefezza ed esce Del Fabro. Al 31’ la Cremonese potrebbe riaprire il match ma su cross di Caracciolo Carretta mette alto sulla traversa. Al 33’ entra Croce per Emmers e un minuto dopo ancora Carretta ci prova ma il tiro è ancora alto. Al 37’ esce Jallow per Djuric ma è ancora Minala che prova a girare la palla in porta al 38’, ma la palla va sul fondo. Al 42’ entra Mazzarani per Di Tacchio ma dopo 5 minuti di recupero, al coro della Siberiano “Lotito è…” l’arbitro da il triplice fischio che mette fine alla gara.

    Il tabellino

    SALERNITANA (3-4-1-2): Micai; Pucino, Migliorini, Mantovani; D. Anderson, Minala, Di Tacchio (43’ st Mazzarani), Lopez; A. Anderson; Calaiò (31’ st Odjer), Jallow (38’ st Djuric). A disp. Vannucchi, Lazzari, Gigliotti, Marino, Memolla, Schiavi, Orlando. All. Angelo Gregucci.

    CREMONESE (3-5-1-1): Agazzi; Del Fabro(26’ st Strefezza), Claiton, Caracciolo; Mogos, Emmers (33’ st Croce), Arini, Soddimo, Renzetti; Piccolo; Strizzolo (15’ st Carretta). A disp. Ravaglia, Volpe, Rondanini, Migliore, Castagnetti, Boultam, Mbaye. All: Massimo Rastelli.

    ARBITRO: Sig. Lorenzo Illuzzi di Molfetta (Rossi/Bercigli) IV uomo: Fourneau

    Marcatori:
    16’ st Minala, 23’ st Jallow (S);
    Ammoniti: Calaiò, A. Anderson, Odjer (S), Strizzolo, Piccolo, Soddimo (C);
    Angoli: 10-4;
    Recupero: 1’ pt, 5′ st ;
    Spettatori: 6601 di cui 39 da Cremona.

  • Minala:”All’Arechi è importante vincere. Questa è casa nostra”

    Joseph Mnala a fine gara ai microfoni di DAZN: “Era importante segnare e l’importante è portare i tre punti a casa. Sono contnto che il mister ha fiducia in me; in settimana faccio il possibile per dare il contributo alla squadra. Ho ritrovato una Salernitana ambiziosa, abbiamo un centenario quest’anno ed è importante centrare l’obiettivo dei Playoff e abbiamo i mezzi per farlo. All’arechi è molto importante vincere, questa è casa nostra è da tempo che mancava la vittoria e mi dispiaceva per la gente perchè la maglia che mettiamo non è la nostra è come se vai a casa edi qualcuno e sei ospite e ti accolgono e ti danno tutto ma bisogna solo portare i punti a casa. La tifoseria per noi è molto importante, questa non è una piazza che merita questa categoria, noi ce la metteremo tutta e speriamo di far bene”.

  • Scusate il ritardo: Minala a Salerno per la terza volta

    A volte ritornano. Nel suo caso, però, non è una novità. Joseph Minala e la Salernitana: siamo al terzo atto di una storia di mercato che va avanti da tre stagioni. Nel gennaio 2017 il primo approdo in granata, in prestito dalla Lazio, poi, nell’estate successiva, arrivò il bis. Minala, al termine dello scorso campionato, tornò alla Lazio in quanto il regolamento vietava un terzo prestito alla stessa società ed anche perchè aveva il desiderio di cimentarsi su altri palcoscenici. Rimasto ai margini della rosa di Simone Inzaghi, al centrocampista del Camerun era venuta un po’ di nostalgia di Salerno. Lo scorso 23 dicembre era in tribuna e come spettatore d’eccezione vide tornare a vincere i suoi compagni grazie al gol di Vitale che stese il Foggia a tempo scaduto. Rimasto nei cuori dei tifosi granata per il gol dell’epica rimonta al Partenio, Minala è tornato nei radar della Salernitana che è riuscita a superare la concorrenza della Cremonese. Claudio Lotito lo ha spinto verso Salerno, dopo che il ds Fabiani aveva avviato la trattativa con gli agenti del calciatore nelle scorse settimane. Minala arriverà a titolo definitivo, forte di un contratto fino al 2021 con la Lazio che la Salernitana si accollerà e che potrebbe anche allungare di un anno. Classe ’96, non dovrà essere inserito in lista in quanto ancora in possesso dello status di under. La Cremonese potrebbe ora dirottare le sue attenzioni su Castiglia, che la Salernitana vorrebbe cedere. In uscita anche Palumbo ed Odjer. Su Perticone c’è il Pisa, mentre Mazzarani sta valutando alcune proposte. Tutto fermo per quanto riguarda l’attacco, reparto che solo nelle ultimissime battute di mercato potrebbe essere interessato da cambiamenti. Sul fronte cessioni, la Salernitana valuta ancora il destino di Casasola, che piace anche alla Cremonese (che ha offerto il terzino sinistro Renzetti e che potrebbe privarsi di Montalto), mentre per la fascia sinistra il casting resta aperto.

  • Mercato: Testa a testa col Venezia per Stoian e rispunta Minala

    Il mercato non è ancora entrato nel vivo per la Salernitana. Il club granata ha dato la priorità alla cessione di Tiago Casasola. All’inizio della prossima settimana, il futuro dell’argentino sarà definito: il Verona è in pressing sul calciatore e la Salernitana è entrata nell’ordine di idee di cederlo già a gennaio per realizzare una cospicua plusvalenza. Due milioni di euro è la valutazione fatta dal club granata ed il Verona è disposto a sborsare questa somma, ma solo a giugno. Per adesso, infatti, gli scaligeri propongono un prestito con obbligo di riscatto in caso di promozione. L’accordo, comunque, si troverà. Il ds Fabiani aspetta segnali dalla Lazio in merito a Djvan Anderson. Intanto, è rientrato dalla Pro Piacenza Kalombo, il quarto esterno destro della rosa granata che, invece, a sinistra annovera il solo Vitale. In bilico Odjer che è richiesto da Entella, Pordenone e Sicula Leonzio. Promessi al Catania, Mazzarani e Palumbo partiranno solo quando Gregucci avrà a disposizione altri centrocampisti. Per questo, si pensa ancora a Joseph Minala che, però, potrebbe tornare in granata solo a titolo definitivo. Il centrocampista del Camerun è legato alla Lazio da un contratto fino al 2021. Dal momento che Gregucci sembra intenzionato ad adottare un modulo in cui dovrebbero essere valorizzati gli esterni offensivi, la Salernitana si è mossa per Stoian, in rotta col Crotone da cui partiranno in molti. Sul rumeno c’è anche il Venezia, ma la società granata pare in vantaggio. Occhio al regista Barberis, anch’egli possibile partente dalla Calabria, che potrebbe tornare utile a Gregucci.

  • Minala torna all’Arechi…ma a vedere la partita

    Minala torna all’Arechi e scoppia l’entusiasmo. L’ex centrocampista granata ha voluto essere a Saerno per salutare i vecchi amici prima di partire per il suo paese per passsare le festività natalizie. Immancabili gli abbracci e i selfie con i tifosi che ovviamente gli hanno chiesto se era li per ritornare a giocare con i granata. Minala sorride e non parla, anche perchè a Salerno non è potuto restare per via dei due prestiti scorsi consecutivi e avrebbe dovuto perfezionare un trasferimento definitivo. Ora “mister 96” è alla Lazio ma in una sorta di fuori rosa; sperava in qualche offerta importante ma alla fine è rimasto al palo. Chissà se questa sua situazione non lo faccia pensare e convincersi in un ritorno a Salerno.

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker