palermo

  • Mirri: idea crowdfunding per il Palermo

    Come rimarcato da Mediagol.it il piano affiancato per aiutare un Palermo Calcio in difficoltà sarebbe al momento una raccolta fondi. Il progetto annunciato dall’imprenditore palermitano Dario Mirri, è quello che viene definito “crowdfunding“, tramite il quale cercare di ottenere dei soldi da parte di diversi finanziatori. A tal proposito ci sarebbero già delle figure che avrebbero deciso di sposare tale iniziativa tra cui alcuni volti noti dello spettacolo. Atutalmente ai rosanero servirebbero circa 2,3 milioni di euro stando a quanto dichiarato anche dallo stesso Mirri, il quale avrebbe pure l’opzione per rilevare le quote della società siciliana entro il 13 marzo.

  • Serie B: crolla il Palermo a Crotone, pareggia il Brescia, vincono Benevento e Lecce

    Non sono mancate le sorprese nel turno infrasettimanale di Serie B. Clamorosa la sconfitta del Palermo a Crotone, 3-0. Non ha brillato neanche la capolista Brescia che non è andata oltre l’1-1 a Padova. Chi sorride è il Lecce di Liverani: i pugliesi hanno battuto 2-1 il Verona nel big-match di giornata. In zona play-off vittorie importanti per Salernitana e Cosenza. Dietro, il Foggia riprende l’Ascoli al 95′.

    PADOVA-BRESCIA 1-1
     — La grande sorpresa di giornata è a Padova, dove finisce in parità la sfida testa-coda tra i veneti e il Brescia. Un gol di Ndoj salva la squadra di Corini a Padova dopo il vantaggio dei padroni di casa firmato da un bel colpo di testa di Mazzocco.

    CROTONE-PALERMO 3-0
     — Nella sfida dello Scida altro risultato inaspettato con i calabresi che vincono con un rotondo 3-0, padroni di casa avanti alla mezz’ora con Rhoden, abile a insaccare dopo il palo colpito da Simy. A 11′ dalla fine arriva anche il colpo del k.o. per i rosanero, con Mraz. Nel finale c’è anche il 3-0 dei calabresi con Simy che non sbaglia dal dischetto. Il Brescia va a +4 sul Benevento, ora secondo dopo la vittoria pomeridiana contro il Pescara. Gli uomini di Stellone, invece, mancano la possibilità di accorciare sulla vetta, restando terzi a -3.
    LECCE-VERONA 2-1 — Soffre solo nel finale il Lecce che aggancia il Pescara al quarto posto. Giallorossi in vantaggio al 34′ con il solito La Mantia. Nella ripresa Lucioni raddoppia di testa al 53′. In pieno recupero la riapre Laribi ma non basta ai veneti per trovare il pareggio.

    SALERNITANA-CREMONESE 2-0
     — In zona play-off spicca la vittoria della Salernitana sulla Cremonese grazie alle reti di Minala e Jallow.

    COSENZA-CARPI 1-0
     — Un gol di tutino decide Cosenza-Carpi, complice anche l’errore dal dischetto nel finale di Marsura che si fa ipnotizzare da Perina.

    ASCOLI-FOGGIA 2-2
     — Pari e spettacolo nella sfida salvezza tra Ascoli e Foggia: finisce 2-2. Botta e risposta al Del Duca nel primo tempo: al 12′ Rosseti porta avanti gli uomini di Vivarini, ma passano appena 20 minuti e arriva la risposta dei pugliesi con Deli. Prima dell’intervallo magia di Ninkovic su punizione. Al 5′ di recupero Kragl trova il 2-2. Domani, chiuderanno la giornata Venezia-Perugia (alle 19) e Spezia-Livorno (alle 21).

    BENEVENTO-PESCARA 2-1
     — Benevento ufficialmente secondo dopo la vittoria sui biancazzurri di Pillon. Coda sbaglia un rigore, poi segna e colpisce un palo. Il Benevento impreca contro la sorte per il solito gol di Mancuso, ma alla fine i campani la spuntano con Volta all’87’.
    (fonte: gazzetta.it)
  • Balata monitorizza la sitauzione Palermo “Pronto ad intervenire in caso di situazioni non chiare”

    Il presidente della Lega B, Maurizio Balata, parla a “il Tirreno” della situazione Palermo: “La crisi delle serie minori in Italia? Non si devono più ripetere i casi della scorsa estate che hanno portato all’esclusione di tre piazze importanti come Bari, Cesena e Avellino. Per questo stiamo monitorando con attenzione l’evolversi del caso Palermo, pronti a intervenire in mancanza di soluzioni chiare”.

  • Caos Palermo, Mirri ci ripensa: l’imprenditore verserà 2,8 milioni, scongiurata la penalizzazione

    Sembra essere stata scongiurata l’ipotesi legata alla penalizzazione in classifica per il Palermo. Dario Mirri ha accettato di versare nelle casse del club 2,8 milioni di euro che eviteranno il -4 in classifica, nonostante nella giornata di venerdì aveva fatto retromarcia. Il noto imprenditore palermitano, come riporta Palermotoday.it, ha deciso di intervenire per amore della città e dei colori rosanero, in cambio ha chiesto solo di gestire la pubblicità al Barbera per i prossimi quattro anni. Le due parti si incontreranno in nottata per firmare le carte e far partire un bonifico urgente che, unito ai 600 mila euro che arriveranno dalla Lega per la mutualità, consentirà al club rosanero di pagare gli stipendi ai propri tesserati senza incorrere alla penalizzazione da parte della Covisoc. Nella speranza che il futuro sia più rosa che nero, adesso il Palermo sorride e si proietta al futuro in attesa di un nuovo proprietario.

    (fonte: mediagol.it)

  • Palermo verso la penalizzazione: salta l’accordo con la Damir

    alermo verso la penalizzazione. Il salvagente economico che sarebbe dovuto arrivare dalla Damir di Palermo, importante azienda nel campo pubblicitario, è saltato nella serata di ieri anche se in queste ore si sta provando (su altre basi) a ricucire. La nuova società condotta dal presidente Rino Foschi e da Daniela De Angeli, che ha rilevato le quote dagli inglesi, non ha ritenuto appropriata la proposta di Dario Mirri che era pronto a versare 2,8 milioni di euro in cambio dell’esclusiva sull’attività di comunicazione di marketing per i prossimi 5 anni con un’opzione per altri quattro. Questi soldi, insieme ai 600 mila euro della mutualità versata dalla Lega di B, avrebbero consentito di adempiere alle scadenze entro lunedì.
    Il nuovo management, però, non si è voluto piegare a una soluzione che avrebbe costretto alla rinuncia d’importanti introiti derivanti dalle sponsorizzazioni alla società sia in Serie B, ma soprattutto in Serie A. Con questo accordo, di fatto, il club avrebbe introitato soltanto 560 mila euro all’anno, quando solo quest’anno in B ne incassati 1,5 milioni. La dirigenza, dunque, ha preferito andare incontro alla penalizzazione, che sarebbe di 4 punti, e lasciare libero il club da vincoli per imbastire una trattativa con un gruppo più solido che possa rilevare l’intero pacchetto azionario (ammesso che non ci sia un nuovo accordo dell’ultima ora). I pretendenti non mancano, da qui la decisione di andare incontro alla decurtazione di punti, perché ritenuta recuperabile.
    (fonte: lagazzettadellopsort.it)
  • SerieB: il big match Palermo- Brescia termina in parità con Donnarumma in panchina

    Ancora un gol in pieno recupero. Il Brescia ormai ha fatto l’abitudine e anche a Palermo impone l’1-1 al 92’, trovando la via della rete con Tremolada dopo il vantaggio rosanero firmato Nestorovski. I siciliani di Stellone già pregustavano la vetta, chiudendo al meglio le ultime ventiquattr’ore coincise anche con la svolta societaria che ha portato la cordata inglese a cedere il 100% delle azioni a Daniela De Angeli, nuova proprietaria della società e storica amministratrice di Maurizio Zamparini. A spezzare la magia un tiro-cross beffardo di Tremolada, il Brescia resta primo a 43 punti, uno in più proprio rispetto al Palermo.
    La notizia della serata arriva ancora prima di cominciare, visto che nell’undici titolare bresciano non c’è Alfredo Donnarumma, autore di 21 gol in 22 partite e mandato in panchina tra lo stupore generale. La consistenza offensiva della squadra di Corini ne risente, la prima frazione è un crescendo continuo del Palermo che in più occasioni assedia l’area avversaria. Trajkovski sfiora il vantaggio prima con un tiro a giro (23’), poi con un’azione personale poco dopo. Al 38’ il tiro del numero 10 finisce di poco a lato mettendo i brividi ad Alfonso.  Nella ripresa il Palermo riparte con la convinzione di poter fare gol e Falletti ci va vicinissimo al 54’, trovando la traversa con un destro potente da posizione defilata. Al 76’ lo stesso Falletti esce per lasciare il posto a Nestorovski, che in soli 3 minuti trova il gol: angolo di Trajkovski, il macedone si avvita scalzando Gastaldello e di testa supera il portiere ospite. Sembra fatta, ma al 92’ Tremolada beffa Brignoli. Il Palermo rimane gelato.
    (fonte: lagazzettadellosport.it)
  • Serie B: ancora Donnarumma e il Brescia vola in vetta; Palermo vince a Perugia

    La Serie B, arrivata alla giornata numero 23, torna in campo dopo l’anticipo di venerdì, che ha visto la vittoria del Benevento sul campo della Salernitana. Il colpo della giornata lo realizza il Palermo che non risente dei guai societari e sbanca il Curi di Perugia grazie a una doppietta del romeno Puscas e alle parate di Brignoli: per i rosanero vetta soltanto momentanea, nella gara delle 18 il Brescia ha superato il Carpi, tornando prima della classe. Lo Spezia vince a Cittadella e conferma le sue ambizioni di promozione. Pareggio sostanzialmente inutile fra Cremonese e Padova.
    BRESCIA-CARPI 3-1
    Al Rigamonti il Brescia risponde alla vittoria del Palermo, stendendo il Carpi 3-1. Ad aprire le danze è bomber Donnarumma, in gol al 17’ dagli undici metri dopo l’atterramento di Ndoj da parte di Rolando. Quest’ultimo, però, si fa perdonare appena quattro minuti dopo, infilando di testa Alfonso. Al 24’ Tonali sfiora il vantaggio con il suo destro dai venti metri, ma al 37’ Ndoj graffia ancora da posizione defilata, incrociando alla perfezione e trafiggendo Piscitelli. Al 41’ il Carpi potrebbe già pareggiare, ma Arrighini si fa respingere il rigore da Alfonso. Nel secondo tempo al 69’ Bisoli potrebbe chiudere la gara, ma la sua conclusione al volo termina alta sulla traversa; all’81’ brivido per le rondinelle, quando il destro potente di Pezzi sbatte contro il corpo di Cistana. Sul finale Donnarumma, doppietta personale, chiude definitivamente i giochi infilando il portiere e sfruttando al meglio il suggerimento di Tremolada. L’attaccante di Torre Annunziata non smette di segnare: sono 21 in stagione.
    PERUGIA-PALERMO 1-2
    Una bella e importantissima vittoria per il Palermo, che ringrazia Puscas (doppietta) e il portiere Brignoli che para tutto fra cui sul 2-0 un rigore a Sadiq. La risolve subito il Palermo, grazie al gol di George Puscas dopo due minuti di gioco. L’attaccante romeno di scuola Inter è abile a sfruttare di testa una punizione dalla sinistra di Trajkovski. Il Perugia cerca di reagire con Kingsley al 15’ ma Brignoli si salva in angolo. Il portiere del Palermo è ancora bravo al 23’ con la mano di richiamo sul gran tiro di Verre. All’inizio della ripresa il raddoppio dei rosanero sempre con Puscas e sempre di testa, stavolta su cross di Rispoli. Poi il rigore (netto) per il Perugia (mano larga di Salvi) ma Sadiq sbaglia dagli 11 metri: bravo Brignoli a respingere il suo tiro. Nel finale il gol di Melchiorri serve a poco a Nesta: l’assalto finale è generoso ma il pari non arriva.
    CITTADELLA-SPEZIA 0-1
    Partita molto combattuta e risolta nella seconda parte di gara dallo Spezia, grazie a un guizzo di Andrej Galabinov: il bulgaro regala i tre punti ai liguri a un quarto d’ora dalla fine, mettendo dentro un cross dalla sinistra di Augello. A quel punto il Cittadella era già in 10 a causa dell’espulsione di Adorni (doppia ammonizione), avvenuta a inizio ripresa. Già nel primo tempo sono i liguri a spingere di più. La squadra di Marino vicina al gol alla mezzora con Okereke (palla fuori di poco) e due minuti dopo con il tentativo dell’ex Bartolomei, che meritava miglior fortuna: il suo tiro al volo esce di poco alla destra di Paleari. Alla fine della prima frazione altra grande occasione per Bartolomei che però spreca da ottima posizione. Ma è solo una questione di tempo: il gol vittoria dei liguri arriva nella ripresa.
    CREMONESE-PADOVA 0-0
    Succede tutto o quasi nella ripresa, anche se il risultato non si schioda dallo 0-0. Il brivido più forte al 70’: annullato un gol ai padroni di casa di Strizzolo per fuorigioco millimetrico su cross di Piccolo. Cremonese vicina al gol anche poco prima con Strefezza, il cui tiro dal limite esce di pochissimo a Minelli battuto. La cosa tecnicamente più bella della partita è forse stata il tacco di Bonazzoli al 15’, sempre della ripresa, con Ravaglia che riesce a salvarsi con un bel guizzo alla sua sinistra. Nel primo tempo, al 35’, il Padova protesta con Guccini per un rigore non concesso: braccio di Arini sulla conclusione di Bonazzoli. E alla fine lo 0-0 non accontenta nessuno.
    (fonte: lagazzettadellosport.it)
  • Palermo – Foggia: paura per lo scontro tra Haas e Ngawa che perde i sensi

    Paura ed apprensione nel posticipo tra Palermo e Foggia. Ad inizio di secondo tempo, dopo una bella azione del Palermo dove Puskas sfiora il gol, uno scontro di testa nella metà campo, al 47′ tra Ngawa del Foggia ed Haas del Palermo fa cadere a terra entrambi i calciatori con il difensore belga che sembra avere la peggio in quanto per pochi istanti perde i sensi. Non può la mente non pensare a quanto accaduto già venerdi scorso accaduto a Lecce con Manuel Scavone. Fortunatamente i due riescono a rialzarsi ma la sostituzione è d’obbligo e Loiacono prende il posto dello stesso Ngawa mentre Haas riprende la gara. Sollievo al Barbera e paura passata.

  • Serie B: Palermo – Foggia a reti bianche

    Due grandi assenti nel posticipo della 22ª giornata: il pubblico, che lascia deserti gli spalti del Barbera, e il gol che malgrado le ottime occasioni da una parte e dall’altra non ha voluto sapere di arrivare. Palermo-Foggia finisce 0-0, un punto che fotografa il momento complicato attraversato dal club rosanero e che permette invece ai pugliesi di mettere un altro mattoncino sulla strada che porta alla classifica.
    Nel primo tempo è il Palermo a fare la partita, anche se la migliore occasione per il vantaggio la costruisce il Foggia. I rosanero sono pericolosi dopo appena trenta secondi, con Falletti che spreca una torre di Nestorovski calciando alto da ottima posizione. L’uruguaiano ci riprova da fuori trovando la risposta di Leali, ma al 21′ sono i pugliesi a sfiorare il gol: Mazzeo scappa tutto solo in contropiede, ma viene tradito da una zolla beffarda che gli sporca il pallone al momento del tiro a tu per tu con Brignoli. I siciliani rispondono allo scampato pericolo con un sinistro di Nestorovski disinnescato da Leali e con una mischia sbrogliata dalla difesa ospite, per un primo tempo che si chiude senza gol.
    Attimi di paura in avvio di ripresa: lo scontro aereo tra Haas e Ngawa riporta alla memoria l’infortunio di Scavone di venerdì, con il difensore foggiano che rimane a terra privo di sensi. Ngawa però si rialza e lascia il campo sulle sue gambe, facendo tirare un sospiro di sollievo a tutto il Barbera. Falletti ci riprova al 54′ ma si vede murare la conclusione da ottima posizione, tre minuti più tardi risponde Iemmello con un colpo di testa che Brignoli alza sopra la traversa. L’occasionissima, però, arriva sui piedi di Puscas al 79′: controllo da applausi, ma il mancino di controbalzo del romeno finisce di un soffio sopra la traversa. L’attaccante di scuola Inter ci prova ancora, all’82’: specchio inquadrato, ma sinistro che stavolta viene neutralizzato dal buon intervento di Leali. Nel finale i brividi sono tutti per Brignoli: Galano prova la volée col mancino senza inquadrare la porta, e in pieno recupero il portiere rosanero deve volare per dire di no alla conclusione in contropiede di Iemmello, che al 96′ sfiora il colpaccio mandando di un soffio a lato con un gran destro dal limite. Lo 0-0 non si sblocca: il Palermo incassa il sorpasso in vetta del Brescia, il Foggia si prende un punto di vantaggio sulla zona retrocessione.
    (fonte: lagazzettadellosport.it)
  • Serie B: Palermo crolla a Cremona, Arini e Migliore gli autori dei gol

    La 21ª giornata di Serie B, che si è aperta ieri con la vittoria del Crotone in casa del Foggia, regala la sorprendente caduta del Palermo capolista in casa della Cremonese. Vittorie anche per Cittadella e Perugia che si riaffacciano in zona play-off. Il Lecce poco fa trionfa  in casa della Salernitana.

    CREMONESE-PALERMO 2-0 
    Allo Zini, la Cremonese conquista un successo di grande spessore contro i primi in classifica. Parte meglio il Palermo che tiene il pallino del gioco, ma non riesce a sfondare il muro grigiorosso. Alla distanza, i padroni di casa mettono fuori la testa e si fanno vedere in attacco con continuità. Al 40’ Piccolo va a un passo dal gol con una splendida giocata che impegna Brignoli. Nel terzo minuto di recupero della prima frazione arriva poi la rete della Cremonese. Calcio d’angolo tagliato del solito Piccolo, Claiton prolunga la traiettoria e Arini è prontissimo ad insaccare di testa a porta vuota. Nel secondo tempo, i grigiorossi serrano i ranghi e resistono agli attacchi palermitani. Al 69’ arriva la doccia fredda per gli uomini di Stellone, con il raddoppio casalingo. La difesa rosanero allontana palla, al limite dell’area arriva Migliore che stoppa di petto e calcia al volo trovando un super gol sotto l’incrocio. Con questa sconfitta, il Palermo rischia di perdere il primato in classifica, nel caso in cui il Brescia dovesse battere domani lo Spezia.

    CITTADELLA-CARPI 3-1
    Il Cittadella risorge e ritrova la vittoria dopo 7 partite a secco. Primo tempo equilibrato tra le due squadre, con i padroni di casa che creano qualcosa in più e il Carpi che prova a colpire in ripartenza. La squadra di Venturato dà uno strappo al match ad inizio ripresa, con un uno-due micidiale nei primi otto minuti: al 49’ Moncini e al 53’ Schenetti instradano la partita per il Cittadella. Il Carpi però non molla e rimette in discussione il risultato al 79’ con il rigore trasformato da Arrighini. Al 91’ i padroni di casa ristabiliscono le distanze: ripartenza in contropiede micidiale con Panico che finalizza al meglio l’azione.

    ASCOLI-PERUGIA 0-3
    Dopo 3 k.o. consecutivi, il Perugia di Nesta conquista una vittoria importantissima in trasferta. La gara del Del Duca si decide nel secondo tempo. Al 50’ Laverone atterra in area Dragomir e concede il calcio di rigore agli ospiti: dal dischetto Verre è freddissimo non sbaglia. Cinque giri di orologio e i biancorossi raddoppiano con il ritrovato Han che sigla il suo primo gol in campionato: il nordcoreano fiuta un pallone vagante in area e di prima intenzione batte Bacci. Il Perugia cala anche il tris con Falzerano che, al 96’, firma il più classico dei gol dell’ex. Vittoria importante per gli uomini di Nesta che si rilanciano così in zona play-off
    (fonte: lagazzettadellosport.it)
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker