roma

  • Cerci torna a Salerno alla corte di Ventura

    E’ fatta! Mister Ventura avrà in un nuovo granata (dopo quello del Torino) Alessio Cerci. L’ex talento della Roma, poi al Milan e all’Atletico Madrid. 32 anni, talento indiscusso mai esploso a dovere, Dopo aver girovagato in Italia con società importanti (oltre il Milan e la Roma) come Fiorentina, Torino, Pisa, Atalanta, Genoa Verona e dopo aver indossato la maglia dell’altra compagine di Madrid, Cerci torna a Salerno per riscattare la non ottima stagione in Turchia nelle fila del MKE Ankaragücü Spor Kulübü. Ventura lo conosce bene avendolo avuto sia al Torino che al Pisa e lo ha voluto fortemente anche nella sua avventura in granata per puntare in alto. Quello di Cerci però, è un ritorno a Salerno. Infatti, l’attaccante originario di Velletri ha già calcato l’Arechi quando era nelle fila della Nazionale giovanile Under 20 in uno dei tornei internazionali “Mundialito” organizzati dal prof. Nando Di Francesco.

  • Il Benevento vince 2-1 con la Roma; festa per gli 89 anni ma che gaffe in Curva Sud

    Vittoria di prestigio del Benevento contro una Roma dalle molte assenze e non ancora in condizione. Un amichevole di lusso per ricordare anche il compleanno dei giallorossi campani, 89 candeline. 13 assenze per la Roma che deve reinventare il centrocampo con Fazio in mediana, ruolo già avuto quando militava nelle file del Siviglia, e 7/11 di formazione cambiata per Bucchi per una partita non dalle forti emozioni. Il Benevento va in gol con Improta al 37’ ma il gol viene annullato. Lo stesso calciatore all’11’ aveva già impensierito la porta romanista con un tiro però strozzato. La Roma si vede al 17’ con un tiro centrale di Coric ed al 28’ con tiro a giro di El Shaarawy e con un tiro di Pastore, al 46 ’deviato da Volta e che Gori sulla linea di porta compie una strepitosa parata. Nel secondo tempo Insigne prima con un tiro di poco fuori  e Viola poi, al 7’ con una punizione alta, tentano di violare la porta di Fuzato. Al 7’ un errore di Juan Jesus crea un bati e ribatti in area, la palla arriva ad Insigne che porta in vantaggio il Benevento. Buonaiuto al 21’ di destro sfiora il 2-0. La Roma va in difficoltà e non riesce a costruire tanto che al 32’ subisce il 2-0 con Buonaiuto che calcia, Fuzato respinge ma Asencio ribatte in rete. Un minuto dopo, al 33’ è El Sharawy a tirare in porta e Puggioni respinge sui piedi di Bucri che di piatto segna il 2-1. Nei minuti di recupero Cangiano mette la palla alta e spreca l’occasione del pareggio.

    Il tabellino

    BENEVENTO-ROMA 2–1 — Primo tempo 0-0

    MARCATORI: Insigne (B) al 7’, Asencio (B) al 32’, Bucri (R) al 33’ s.t.

    BENEVENTO (4-3-3):  Gori (dal 1’ s.t. Puggioni); Gyamfi, Volta (dal 1’ s.t. Billong), Antei (dal 26’ s.t. Sparandeo), Letizia (dal 1’ s.t. Di Chiara); Nocerino (dal 31’ p.t. Del Pinto), Volpicelli (dal 1’ s.t. Viola), Bandinelli (dal 1’ s.t. Tello); Ricci (dal 19’ s.t. Insigne, dal 37’ s.t. Goddard), Coda (dal 1’ s.t. Asencio), Improta (dal 1’ s.t. Buonaiuto) (Carriero, Maggio). All. Bucchi.

    ROMA (4-3-3): Fuzato (dal 46’ s.t. Greco); Karsdorp (dal 19’ s.t. Bucri), Juan Jesus, Marcano, Santon; Coric (dal 46’ s.t. Simonetti), Fazio, Pastore (dal 36’ s.t. Nigro); D’Orazio (dal 1’ s.t. Pezzella), Celar (dal 13’ s.t. Cangiano), El Shaarawy (Cardinali, Parodi, Semeraro, Trasciani, Buso). All. Di Francesco.

    ARBITRO: Di Paolo di Avezzano

    NOTE: Spettatori 7mila circa. Ammoniti: nessuno. Angoli: 2-5. Recupero: 1’ p.t., 3‘ s.t.

     

    L’errore nello striscione e la U galeotta

    Uno striscione in latino dei tifosi del Benevento per festeggiare gli 89 anni dei giallorossi ma un errore di scrittura non passa inosservato. Partita perfetta in campo ma una “papera” sugli spalti del Vigorito. “Memento Audere Semper” (Ricordati di osare sempre)”, una chicca D’Annunziana per incitare i propri beniamini ed invece galeotta fu la “U” al posto della “E” (Memento Audure Sempre) che non ha salvato la Curva Sud dalla brutta figura. I social sono impazziti nello sfottò ma gli ultras giallorossi in un comunicato ufficiale hanno chiarito la situazione.

    Il comunicato della Curva dl Benevento

    “In merito all’errore di “battitura” o “distrazione” in fase di stampa, presente nello striscione esposto nel secondo tempo dell’incontro amichevole con la Roma, ci teniamo a precisare alcuni punti. Da un punto di vista logico-strutturale il termine errato “audure” invece di “audere”, presenta chiaramente lo scambio di una vocale in modo del tutto involontario. Il latino non presenta nessuna coniugazione in -ure e non intendevamo di certo crearne di nuove.

    Il termine adatto a livello tipografico per comprendere tale errore è il cosiddetto “refuso”. In passato, era un errore di stampa causato dallo scambio o spostamento di uno o più caratteri durante la composizione tipografica di un testo mediante caratteri mobili. Oggi, con il tramonto della stampa a caratteri mobili, parliamo di errori di “battitura”. Tali errori sono vivi ed ancora vegeti nei testi di numerosi autori celebri. Non è un errore in grado di mostrare lacune o mancanze a livello culturale. Non è chiaramente dipeso da noi. Anche dopo aver ritirato gli striscioni, spesso per questioni di tempo e restrizioni, non riusciamo a controllarli. Ogni singola persona che compone il nostro direttivo sacrifica tempo, denari e vita sociale in nome di un ideale che non comporta ritorni economici o di fama. Da un punto di vista storico-temporale appare evidente, dalle ultime due stagioni, il cambio di stile ed organizzazione legato al processo di crescita della nostra Curva. Decine di progetti e coreografie hanno reso immortali giorni indimenticabili. La raccolta fondi e beni di necessità per i terremotati di Amatrice. I progetti solidali legati alla donazione del sangue, alla raccolta fondi per gli aiuti economici destinati ad associazioni del territorio quali Misericordia, Caritas, Imbriani Non Mollare. Potremmo continuare all’infinito ma spesso molte battaglie a scopo benefico ci piace combatterle all’ombra dei riflettori. A giorni comunicheremo un nuovo progetto solidale, con la speranza di aiutare il piccolo Genny e l’associazione che porta il suo nome, a sconfiggere la CDG, una malattia genetica-metabolica. Nei due anni appena trascorsi abbiamo cercato di valorizzare al massimo le bellezze e lo storia della nostra città. Mai prima di quel 1° Maggio 2017 la nostra curva aveva offerto uno spettacolo scenografico e storico simile. In quell’occasione fu esposto uno striscione di 80 metri completamente in latino, tratto da un passo di Tito Livio, Ab Urbe condita libri. Sulle quattro torrette campeggiarono i simboli eterni di questa città: monumenti e leggende dimenticate ed assopite nel tempo. La grafica raffigurante l’umiliazione inflitta ai Romani durante la Battaglia delle Forche Caudine, racchiuse il senso di una scenografia che non solo noi, reputammo di primo livello. Abbiamo “srotolato” nel tempo km di striscioni in lingue differenti. Siamo riusciti ad emozionare generazioni differenti, molti ricorderanno la colonna sonora “The show must go on” utilizzata per salutare con stile una categoria che ci ha visto protagonisti solo sugli spalti. Abbiamo pensato ed ideato tutto sempre con la stessa determinazione. Ogni dettaglio curato minuziosamente. Oggi, ci accorgiamo di quanto la memoria come il tempo, siano diventate risorse scarse. In ultimo andrebbe analizzato il comportamento deplorevole moralmente e non solo, da parte di molti nostri concittadini, che si sono divertiti a diventare intellettuali, moralisti e professori sui vari social network.

    La mediocrità che riveste i vostri inutili neuroni è figlia di un mondo brutale e senza freni. A seconda degli eventi amate trasformarvi in sismologi, architetti, ingegneri, avvocati, commercialisti, professori. Purtroppo mai studenti.

    I social network utilizzati da taluni individui, che chiameremo “professori dozzinali”, diventano campi di sterminio auto degeneranti. Leggere le vostre assurdità e banalità su un errore di stampa è stato davvero disgustoso. Il vostro comportamento dettato dalla sicura mancanza di attività cerebrali rilevanti è figlio di un disturbo narcisistico della personalità. Il classico quarto d’ora di celebrità. Ora chiedetevi la vera ignoranza dove sia depositata. Non sarà di certo l’invidia a fermare il nostro ideale. Fa specie solo che “sangue del nostro sangue “sia sempre pronto alla classica pugnalata. Chi ieri è uscito dalla tana per conquistarsi quei pochi minuti di celebrità probabilmente era salito sul carro dei vincitori, durante gli anni trascorsi. Altri attendevano un passo falso per sputarci veleno addosso. State tranquilli, tornerete nelle fogne. Vi salutiamo con un brocardo che sicuramente conoscerete e speriamo sarete in grado di utilizzare prima di parlare o scrivere a vanvera: “In claris non fit interpretatio”. Non criticare venite a tifare”.

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker