salernitana

  • Il Venezia parla sempre più a stelle e strisce

    Venezia FC comunica che VFC Newco 2020 LLC ha acquisito il 100% delle partecipazioni del club. Il nuovo socio rappresenta un gruppo di investitori statunitensi che sin dall’inizio ha supportato il Venezia FC e che con l’operazione posta in essere ne ha garantito la stabilità finanziaria.

    L’Assemblea dei soci ha deliberato la nomina di Duncan Niederauer a presidente del consiglio di amministrazione a cui si aggiunge Americo Nardis in qualità di membro. Andrea Rogg, John Goldman e John Tapinis continueranno a far parte del consiglio di amministrazione fino all’approvazione del bilancio al 30 giugno 2020.

    Niederauer che sarà presidente ad interim per lo stesso periodo, oggi si è incontrato con il sindaco Brugnaro per aggiornarlo su quanto successo negli ultimi mesi. “Sono onorato di raccogliere questa carica – ha dichiarato il presidente Duncan Niederauer – io ed il gruppo che rappresento siamo impazienti di sviluppare ulteriormente la solida collaborazione con il Sindaco Luigi Brugnaro nell’interesse del club e della città di Venezia. Abbiamo una grande visione sia per il club che per la realizzazione del nuovo stadio e del progetto immobiliare ad esso collegato. Proprio per questo continueremo a lavorare con la massima serietà e saremo aperti a collaborare con qualsiasi gruppo in grado di fornire le competenze e le risorse necessarie per tradurre la nostra visione in una concreta realtà.

    (fonte: legab.it)

  • Il calcio italiano scende in campo per il Meyer di Firenze

    Il calcio scende in campo per i bambini del Meyer: la prossima giornata del
    campionato di Serie A TIM e Serie BKT, la venticinquesima, sarà tutta dedicata
    all’Ospedale pediatrico fiorentino e alla sua Fondazione. In tutti gli stadi italiani sarà
    promosso il numero solidale 45594 attraverso il quale sarà possibile far arrivare il
    proprio sostegno alla Fondazione Meyer per la realizzazione del nuovo reparto di
    Psichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza.

    Lega Serie A e Lega Serie B confermano il loro impegno per il mondo dei giovani, al
    quale il calcio è rivolto come modello di formazione e crescita sia sportivo che di
    socialità.

    Il presidente della Lega B Mauro Balata sottolinea come il sostegno al Meyer proceda
    in continuità con la progettualità per il terzo settore realizzata in questi anni dalla Lega
    con il progetto B come Bambini, ‘che vede nella sua finalità principale il sostegno ai
    famigliari dei bambini ospedalizzati nelle principali pediatrie italiane, fra cui proprio il
    Meyer. Un dovere essere vicino a loro e contribuire a un sorriso’.
    Il progetto del Parco della salute. La nuova Psichiatria sarà situata all’interno del
    Parco della Salute: una struttura posta nelle immediate vicinanze dell’ospedale ed è
    dedicata prevalentemente all’attività specialistica di giorno. Con i suoi 5000 metri
    quadri immersi in un’area verde di circa 4 ettari, il Parco della salute ospiterà l’attività
    specialistica ambulatoriale diurna, oltre al punto prelievi, al centro donatori sangue, al
    servizio di diagnostica e alla nuova Psichiatria infantile, unica attività di ricovero
    prevista. Sarà adottato un percorso innovativo (day service) che permetterà al
    paziente di usufruire di diverse prestazioni su patologie specifiche in un unico giorno.
    Gli spazi, ampi e confortevoli, offriranno un’assistenza in grado di sostenere la
    crescente richiesta di prestazioni di specialistica ambulatoriale che, negli ultimi dieci
    anni, ha registrato un incremento del 69% con 700 mila prestazioni in un anno. Ogni
    piano dell’edificio sarà caratterizzato da un tema principale cui si ispireranno gli
    elementi della progettazione d’interni: acqua, terra e aria. Gli ambulatori saranno
    divisi per aree omogenee, ognuna con spazi di attesa dedicati, confortevoli e attrezzati
    in continuità con la “filosofia Meyer”, dove il gioco è una grande risorsa rassicurante e
    antistress per i bambini.
    La Psichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza. Si occupa di diagnosi, cura e
    riabilitazione dei bambini e degli adolescenti fino ai 18 anni con patologie di interesse
    psichiatrico: ogni anno effettua circa 200 ricoveri e il numero di pazienti che si
    rivolgono a questo reparto è sempre in crescita.
    Le principali patologie trattate sono: disturbi dell’alimentazione, scompensi
    adolescenziali, psicosi, disturbi di personalità, disturbi dell’umore, disturbi d’ansia e
    post-traumatici, disturbi della condotta, ADHD, disturbi dei sintomi somatici, ritardo
    mentale, disturbo dello spettro autistico in comorbidità, follow-up dei pazienti.
    L’approccio è multidisciplinare, lo staff della struttura è formato da 7 medici
    neuropsichiatri, 2 psicologhe, 3 dietiste, un educatore-pedagogista, 14 infermieri e 6
    operatori socio sanitari.

    (comunicato fonte: legab.it

  • Giudice sportivo: squalificato Akpa Akpro

    Non sarà presente nella gara contro il Livorno Jean Daniel Akpa Akpro, squalificato per un turno dal Giudice sportivo dopo l’ammonizione rimediata contro il Chievo Verona.

    Di seguito il comunicato ufficiale:

    SERIE BKT
    Gare del 14-15-16-17 febbraio 2020 – Quinta giornata ritorno
    Benevento-Pordenone 2-1
    Chievo Verona-Salernitana 2-0
    Cremonese-Trapani 5-0
    Empoli-Pisa 2-1
    Frosinone-Perugia 1-0
    Juve Stabia-Crotone 3-2
    Livorno-Cosenza 0-3
    Pescara-Cittadella 1-2
    Spezia-Ascoli 3-1
    Venezia-Virtus Entella 2-2

    COMUNICATO UFFICIALE N. 97 DEL 18 febbraio 2020
    Gara Soc. FROSINONE – Soc. PERUGIA
    Il Giudice Sportivo,
    ricevuta dal Procuratore federale rituale segnalazione ex art. 61, comma 3 CGS (a mezzo e-mail
    pervenuta alle ore 13.07 del 17 febbraio 2020) in merito alla condotta dell’allenatore Serse
    Cosmi (Soc. Perugia) consistente nell’aver pronunciato espressioni blasfeme al 38° del secondo
    tempo;
    acquisite ed esaminate le relative immagini televisive, di piena garanzia tecnica e documentale;
    considerato che l’allenatore in questione è stato chiaramente inquadrato dalle riprese televisive
    mentre proferiva un’espressione blasfema, individuabile senza margini di ragionevole dubbio, e
    che, pertanto, tale comportamento, deve essere sanzionato ai sensi dell’art. 37 comma 1 lett. a), e
    della richiamata normativa sulla prova televisiva;
    P.Q.M.
    delibera di sanzionare l’allenatore Serse Cosmi (Soc. Perugia) con la squalifica per una
    giornata effettiva di gara.

    a) SOCIETA’
    Il Giudice sportivo,
    premesso che in occasione delle gare disputate nel corso della quinta giornata ritorno sostenitori
    delle Società Cremonese, Crotone, Juve Stabia e Pisa hanno, in violazione della normativa di
    cui all’art. 25 comma 3 CGS, introdotto nell’impianto sportivo ed utilizzato esclusivamente nel
    proprio settore materiale pirotecnico di vario genere (petardi, fumogeni e bengala);
    considerato che nei confronti delle Società di cui alla premessa ricorrono congiuntamente le
    circostanze di cui all’art. 29, comma 1. lett. a) b) e d) CGS, con efficacia esimente,
    delibera
    di non adottare provvedimenti sanzionatori nei confronti delle Società di cui alla premessa in
    ordine al comportamento dei loro sostenitori.

    Ammenda di € 20.000,00: alla Soc. JUVE STABIA per avere suoi sostenitori, nel corso del
    secondo tempo, intonato numerosi cori insultanti ed intimidatori all’indirizzo degli Ufficiali di
    gara, aggravati da macabri riferimenti alla memoria dell’Arbitro recentemente scomparso.
    Ammenda di € 5.000,00: alla Soc. CROTONE per avere suoi sostenitori, al termine della gara,
    intonato cori insultanti di matrice territoriale nei confronti della tifoseria avversaria.

    Ammenda di € 4.000,00: alla Soc. PESCARA a titolo di responsabilità diretta per il
    comportamento tenuto dal proprio Presidente negli spogliatoi.
    Ammenda di € 2.500,00: alla Soc. EMPOLI per avere suoi sostenitori, nel corso della gara, nel
    proprio settore, acceso 2 petardi e numerosi fumogeni; sanzione attenuata ex art. 29, comma 1
    lett. b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi
    e di vigilanza.

    b) CALCIATORI
    CALCIATORI ESPULSI
    SQUALIFICA PER DUE GIORNATE EFFETTIVE DI GARA ED AMMONIZIONE
    AGAZZI Davide (Livorno): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario (Sesta
    sanzione); per avere, al 25° del secondo tempo, all’atto del provvedimento di ammonizione,
    rivolto all’Arbitro espressioni ingiuriose.

    SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA
    STRANDBERG Ken Remi Stefan (Trapani): doppia ammonizione per comportamento
    scorretto nei confronti di un avversario.
    TROIANO Michele (Ascoli): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di
    un avversario.

    CALCIATORI NON ESPULSI
    SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA
    AKPA AKPRO Jean Daniel (Salernitana): per comportamento scorretto nei confronti di un
    avversario; già diffidato (Quinta sanzione).
    CESAR Bostjan (Chievo Verona): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario;
    già diffidato (Decima sanzione).
    D’ORAZIO Tommaso (Cosenza): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario;
    già diffidato (Quinta sanzione).
    ESPOSITO Salvatore (Chievo Verona): per comportamento scorretto nei confronti di un
    avversario; già diffidato (Quinta sanzione).
    FIRENZE Marco (Venezia): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già
    diffidato (Quinta sanzione).
    MARIN Marius Mihai (Pisa): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già
    diffidato (Quinta sanzione).

    PER PROTESTE NEI CONFRONTI DEGLI UFFICIALI DI GARA
    AMMONIZIONE
    TERZA SANZIONE
    BOCIC Milos (Pescara)
    SECONDA SANZIONE
    BOCALON Riccardo (Pordenone)
    PRIMA SANZIONE
    MELEGONI Filippo (Pescara)

    PER COMPORTAMENTO SCORRETTO NEI CONFRONTI DI UN AVVERSARIO
    AMMONIZIONE
    OTTAVA SANZIONE
    COPPOLARO Mauro (Virtus Entella)
    JAROSZYNSKI Pawel Kamil (Salernitana)
    MALEH Youssef (Venezia)
    RICCI Matteo (Spezia)
    SETTIMA SANZIONE
    GERBO Alberto (Crotone)
    GUCHER Robert (Pisa)
    MASUCCI Gaetano (Pisa)
    SESTA SANZIONE
    HETEMAJ Perparim (Benevento)
    MARRONE Luca (Crotone)
    MORA Luca (Spezia)

    AMMONIZIONE CON DIFFIDA (QUARTA SANZIONE)
    FAZIO Pasquale Daniel (Juve Stabia)
    FERRER CANALS Salvador (Spezia)
    GERMONI Luca (Juve Stabia)
    MODOLO Marco (Venezia)
    PERTICONE Romano (Cittadella)
    SEGRE Jacopo (Chievo Verona)
    SIEGA Nicholas (Pisa)

    TERZA SANZIONE
    FREY Nicolas Sebasti (Chievo Verona)
    KANOUTE Elimane Franck (Cosenza)
    MAZZITELLI Luca (Virtus Entella)
    STRIZZOLO Luca (Pordenone)

    SECONDA SANZIONE
    BIANCHETTI Matteo (Cremonese)
    BIFULCO Alfredo (Juve Stabia)
    ROHDEN Marcus Christer (Frosinone)
    SCAMACCA Gianluca (Ascoli)

    PRIMA SANZIONE
    BRIGNOLA Enrico (Livorno)
    CURADO Marcos (Crotone)
    D’URSO Christian (Cittadella)
    FIAMOZZI Riccardo (Empoli)
    GAETANO Gianluca (Cremonese)
    NOVAKOVICH Andrija (Frosinone)
    SERNICOLA Leonardo (Ascoli)

    PER COMPORTAMENTO NON REGOLAMENTARE IN CAMPO
    AMMONIZIONE ED AMMENDA DI € 1.500,00 (SESTA SANZIONE)
    CIANO Camillo (Frosinone): per avere simulato di essere stato sottoposto ad intervento falloso
    in area di rigore avversaria.
    AMMONIZIONE CON DIFFIDA (QUARTA SANZIONE)
    ADDAE Bright (Juve Stabia)
    AMMONIZIONE
    TERZA SANZIONE
    NZOLA Mbala (Spezia)
    PRIMA SANZIONE
    RIZZO Alberto (Cittadella)
    TUTINO Gennaro (Empoli)

    c) ALLENATORI
    ESPULSI
    SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA ED AMMONIZIONE (PRIMA
    SANZIONE)
    LEGROTTAGLIE Nicola (Pescara): (Prima sanzione); per avere inoltre al 31° del secondo
    tempo, contestato l’operato arbitrale con atteggiamento irrispettoso.

    AMMONITI
    SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA
    BOSCAGLIA Rocco (Virtus Entella): già diffidato (Quinta sanzione)

    d) DIRIGENTI
    AMMENDA DI € 4.000,00 E DIFFIDA
    SEBASTIANI Daniele (Pescara): per avere, al termine della gara, al rientro negli spogliatoi,
    rivolto all’Arbitro espressioni ingiuriose.

     

     

  • Stagione finita per Lombardi

    Stagione finita, o quasi per Cristiano Lombardi. Gli esami hanno rilevato che l’infortunio di lunedi sera nel match contro il Chievo Verona, patito dal calciatore granata, ha causato una lesione di elevato grado al flessore della gamba sinistra. Il classe ’95 potrà rientrare probabilmente nel periodo in cui si svolgeranno i Playoff.

     

  • Ventura: il rigore non c’era. Marcolini: non sa se c’era

    In sala stampa Gian Piero Ventura, in modo molto elegante, ha fatto capire di accettare le decisioni arbitrali ma che il rigore è alquanto discutibile. Giornata negativa anche per gli infortuni di Cicerelli e Lombardi (quest’ultimo dovrà probabilmente stare fermo un pò di tempo) che hanno tagliato definitivamente le gambe ai granata in ottica recupero risultato. Secondo il mister la non reazione immediat al gol avversario non è avvenuta anche per stanchezza fisica per il “tour de force dove abbiamo dato anche quello che non avevamo”. Bisognerà recuperare le energie e preparae la prossima partita con altro piglio.

    Per Marcolini il Chievo ha interpretato un’oattima gara chiudendo tutti gli spazi alla Salernitana. Non ha dato sicurezza sul rigore se c’era e non c’era; ha ringraziato il pubblico per il sostegno e secondo il tecnico veneto la Salernitana nel secondo tempo è stata superiore ed è una squadra che può crescere ancora.

     

  • Giaccherini e Fourneau battono la Salernitana

    Svanisce al Bentegodi il sogno granata di salire solitari al terzo posto in classifica dietro Benevento e la coppia Spezia e Frosinone. Una doppietta di Giaccherini regala la vittoria al Chievo e la prima sconfitta dei granata nel girone di ritorno del campionato di Serie B. A corollario di una serata non felice sono gli infortuni di Lombardi e Cicerelli. Dubbi anche sulle scelte di Ventura sia per quanto riguarda il modulo ( una sorta di 4-2-4) e sia degli interpreti di gioco. Una partita non facile contro un ritrovato Chievo Verona che dopo 7  minuti si rende pericoloso proprio con Giaccherini. Dopo circa venti minuti si fa male Cicerelli e Ventura è costretto a schierare Lombardi che era a riposo precauzionalmente. Al 28’ il Chievo rompe gli equilibri con Frey che lancia Djordjevic inseguito da Jaroszynski che lo trattiene, probabilmente se il fallo c’è potrebbe essere iniziato fuori area ma per l’arbitro Fourneau è calcio di rigore. Giaccherini spiazza Micai ed è gol ( con Obi che era entrato già in area prima della battuta).La reazione granata è sterile e ci prova con Kiyine che serve Gondo ma il suo tiro finisce alle stelle. Al 40′ l’azione più pericolosa della Salernitana. Punizione battuta da Dziczek ma prima Gondo e poi Djuric non trovano l’impatto con la palla in area piccola davanti a Semper. Nel secondo tempo Ventura gioca la carta Jallow per sfruttare la sua velocità e qualche reazione si vede. Al 70′ si fa male Lombardi e fa il suo esordio Curcio. Allo stesso minuto, dopo che l’arbitro ha fatto riprendere il gioco, ancora Giaccherini punisce i granata grazie all’errore in marcatura di Migliorini e segna il definitivo 2-0. La Salernitana si arrende e tora a casa a mani vuote.

    TABELLINO

    CHIEVO (4-3-1-2): Semper; Frey, Leverbe, Cesar, Renzetti; Segre, Obi (15’ st Esposito), Garritano; Giaccherini (40′ st Vaisanen); Meggiorini (11’ st Ceter Valencia), Djordjevic. A disp. Pavoni, Nardi, Ongenda, Karamoko, Vignato, Morsay, Ceter, Rigione, Grubac, Dickmann. All. Marcolini

    SALERNITANA (4-2-4): Micai; Karo, Migliorini, Jaroszynski, Kiyine; Akpa Akpro, Dziczek; Cicerelli (24’ pt Lombardi, 24’ st Curcio), Gondo (5’ st Jallow), Djuric, Maistro. A disp. Vannucchi, De Matteis, Billong, Capezzi, Di Tacchio, Aya, Giannetti. All. Ventura

    Arbitro: Francesco Fourneau di Roma 1 (Scatragli/Perrotti). IV uomo: Davide Moriconi di Roma 2

    Marcatori: 28’ pt su rig e 25’ st Giaccherini (C);

    Ammoniti: Segre, Frey, Cesar, Esposito(C), Akpa Akpro, Jaroszynski (S);

    Angoli: 0-3;

    Recupero: 2’ pt – 5′ st.

  • Serie B: l’Empoli vince all’ultimo respiro

    Nel posticipo domenicale della 24esima giornata del campionato di Serie B, il Pisa perde ad Empoli per 2-1; un risultato che sa di beffa per i nerazzurri che perdono al quinto minuto di recupero. La partita inizia con l’Empoli subito all’attacco al 4′ con Siega che controlla male in area di rigore; poi al 6′ con Frattesi innescato da Tutino ma il diagoìnale non sorprende il portiere nerazzurro. Al 12′ ancora Empoli con Bajrami il cui diagonale va fuori di poco. Al 15′ è Mancuso a sfiorare il vantaggio con Gori che sventa il suo tiro in angolo. Prova ad uscire fuori il Pisa al 21′ con Lisi e al 23′ con Masucci che non sorprende Brignoli. Al 26′ Tutino prova in rovesciata ma il suo gran gesto tecnico sfiora la traversa. Ma è il Pisa ad andare in vantaggio al 28′ con Masucci che raccoglie un lungo lancio di Benedetti, salta Romagnoli e batte Brignoli sul primo palo. I pisani prendono coraggio ed al 32′ Lisi serve marin che però spara alto. Nel secondo tempo subito l’Empoli prova a riequilibrare il match; al 19′ ci prova Lamantia, subentrato a Mancuso ma la pallaviene parata da Gori. Al 21′ Frattesi di testa sfiora il palo; al 23′ si rivede il Pisa con Pinato che sfiora la traversa su passaggio di Lisi ma un minuto dopo Frattesi pareggia la gara con una finta, si libera di Siega e beffa Gori. Al 42′ è Fabbro a sfiorare il vantggio per il Pisa e mentre la partita sembra incanalarsi sui binari del pareggio, al quinto minuto di recupero, un missile terra aria di Tutino all’incrocio dei pali beffa Gori e porta i tre punti in direzione Empoli che si porta alle soglie della zona play-off.

    Il tabellino
    Empoli (4-3-3): Brignoli; Fiamozzi, Maietta, Romagnoli, Balkovec; Frattesi (85′ Bandinelli), Ricci, Henderson; Tutino, Mancuso (57′ La Mantia), Bajrami (74′ Ciciretti). All. Marino

    Pisa (4-3-1-2): Gori; Lisi, Benedetti, Caracciolo, Belli (80′ Pisano); De Vitis, Marin (67′ Pinato), Gucher; Siega; Marconi, Masucci (73′ Fabbro). All. D’Angelo

    Reti: 28′ Masucci (P). 70′ Frattesi (E), 96′ Tutino (E)

    Ammoniti: Gucher (P), Masucci (P), Fiamozzi (E), Marin (P), Siega (P)

    Note: arbitro Manuel Volpi; angoli 6-2 (5-0); recupero 0′ e 6′

  • Il punto sulla B: Spezia, Benevento e Salernitana le squadre più in forma

    DI GIGI CALIULO

    Poche certezze emergono dalla prima parte della giornata di campionato.
    La prima: lo Spezia, assieme al Benevento e – parzialmente – la Salernitana, è la compagine più in forma del momento e si è resa protagonista di una fantastica cavalcata che l’ha portata con merito al secondo posto. È, al momento, la squadra da battere ma – ad eccezione del Cittadella – sarà anche l’unica della parte alta a dover giocare lo scontro diretto all’Arechi.
    La seconda: in alto hanno steccato praticamente tutte. Hanno fatto punti solo l’Entella ed il Frosinone nello scontro diretto contro il Perugia con conseguente aggancio dei ciociari allo Spezia in seconda posizione.
    Alla luce di questa fotografia la Salernitana (e siamo alla terza certezza) ha un’altra “chip” da giocare al suo tavolo, con il vantaggio non trascurabile di poter giocare dopo tutte le altre e di poter anche “gestire” la situazione. La gara di lunedì, classifica alla mano, potrebbe essere determinante solo in caso di vittoria perché permetterebbe alla squadra di Ventura di balzare da sola a 39 punti con il “rischio” di ritrovarsi al terzo posto. Un pareggio o, peggio ancora, una sconfitta non muterebbero lo “status quo” dei granata.
    È indubbio che sul piano del morale uscire indenni anche dal Bentegodi vorrebbe dire gettare definitivamente la maschera. La Salernitana ha tutte le carte in regola per giocarsi questa chance ma, lo diciamo subito, un passo falso non rappresenterà un dramma.
    Questo gruppo ci ha restituito entusiasmo, il suo condottiero l’orgoglio e l’appartenenza. A loro dobbiamo qualcosa in termini di riconoscenza, indipendentemente dall’esito della prossima gara e dei successivi match.
    Intanto concentriamoci sul posticipo scaligero. La forma “media” del gruppo granata fa paura agli avversari. Non accadeva da tempo e, va detto, questo momento positivo ha il merito di aver finalmente spento gli ardori di chi ha inspiegabilmente cavalcato alla rovescia lel caratteristiche della nostra città e del tifo granata. La speranza è che restino in naftalina fino a fine stagione. O che escano allo scoperto solo per giocare un “all-in”, mostrando il punto occhi-negli-occhi. Il tifoso granata è indeclinabile, non ha eccezioni. Vuole solo questo. Ovvero che una società, come diritto comanda, persegua uno scopo e raggiunga un risultato.
  • Chievo Verona – Salernitana: i convocati

    Squalificato Walter Lopez, infortunati Mantovani, Cerci, Heurteaux e Russo, Gianpiero Ventura, dopo la rifinitura di queta mattina al Mary Rosy ha diramato le convocazioni. Sono 21 i partenti per Verona:

    PORTIERI: De Matteis, Micai, Vannucchi;

    DIFENSORI: Aya, Billong, Curcio, Jaroszynski, Karo, Migliorini;

    CENTROCAMPISTI: Akpa Akpro, Capezzi, Di Tacchio, Dziczek, Kiyine, Lombardi, Maistro;

    ATTACCANTI: Cicerelli, Djuric, Giannetti, Gondo, Jallow.

    Per il Chievo Verona, sono 24 i convocati di Michele Marcolini. In casa gialloblu fuori solo Di Noia per problemi fisici mentre rientra nei 24 Riccardo meggiorini dato out nei giorni scorsi.  Questi i convocati:

    PORTIERI: Semper, Pavoni, Nardi.

    DIFENSORI: Cotali, Cesar, Renzetti, Vaisanen, Leverbe, Frey, Rigione, Dickmann,

    CENTROCAMPISTI: Obi, Esposito, Segre, Garritano, Giaccherini, Karamoko, Morsay.

    ATTACCANTI: Ongenda, Djordjevic, Meggiorini, Vignato, Ceter, Grubac.

  • Bernardini lascia il calcio ed inizia a studiare da allenatore

    Intervenuto alla trasmissione “Tuttogranata”, l’ex difensore granata Alessandro Bernardini ha anticipato, come riportato anche dal collega Gaetano Ferraiuolo su Granatacento.com, il suo probabile addio al calcio. Ex anche del Chievo Verona ha dichiarato di seguire sempre i granata e che sarebbe stato onorato di poter essere allenato da Gianpiero Ventura, uno di quegli allenatori che ti lasciano qualcosa e che i insegna tanto. Nella sua intervista non ha nascosto la sua meraviglia nel vedere un Arechi vuoto rispetto al suo ricordo bellissimo dei 20 mila in quella partita contro il Verona. A causa di problemi neurologigi alla gamba probabilmente dovrà lasciare il calcio giocato visto che la situazione non è delle migliori dagli ultimi esmi effettuati e ha pensato bene di iniziare un percorso da allenatore. Ed a proposito di infortuni, ha dichiarato che sono stati proprio quelli a rovinare il suo percorso e la sua permanenza a Salerno.

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker