trapani

  • Benevento sempre più A; frena lo Spezia, rinviata Ascoli – Cremonese

    Dopo la vitoria del Frosinone a Cosenza, la 25ª giornata di Serie B, prende il via con una notizia particolare, ovvero il rinvio di Ascoli-Cremonese come misura precauzionale per l’allarme coronavirus. Si giocano le altre partite che ha visto in questo sabato pomeriggio l’ennesimo successo del Benevento che vola a 60 punti, 17 più del Frosinone secondo in classifica in solitudine grazie  al pareggio dello Spezia a Trapani. Il Cittadella batte 3-0 la Juve Stabia e continua la corsa playoff grazie ad una tripletta di Iori. Nella gara delle 18 il Venezia supera in trasferta il Pisa.

    ENTELLA-BENEVENTO 0-4

    C’è solo una squadra in campo; il Benevento di pippo Inzaghi che in 25 minuti chiude la patica Entella. I liguri hanno provato a mettere in difficoltà la corazzata giallorassa ma ogni tenativo è risultato vano. Il primo gol arriva al 9′ grazie a un gran destro di Sau che supera Contini. Gran gol al volo di Insigne 5 minuti dopo di sinistro che vale il 2-0 beneventano. mentre al 25′ il 3-0 arriva grazie al rigore trasformato da Viola. Nella ripresa l’Entella rischia un autogol con Sala che manda la sfera sulla traversa, ma il quarto gol arriva lo stesso con l’ex granata Coda che all’ 85′ mette in rete un assist di Dal Pinto.

    CITTADELLA-JUVE STABIA 3-0

    Continua la marcia Playoff per la squadra veneta allenata da mister Venturato. Parte bene la Juve Stabia al 3′ con Bifulco ma al quarto d’ora l’arbitro Ayroldi vede il tocco di braccio di Tonucci e concde il rigore realizzato da capitan Iori. Galvanizzata dal gol il Cittadella prova a raddoppiare pima con D’Urso e poi con Diaw in più di un’occasione ma la prima frazione si chiude sull’1-0. Il addoppio è solo rimandato perchè ad inizio ripresa arriva subito con Diaw che serve Proia che batte Provedel. Al 70′ corner di Branca che serve Stanco che di testa crea l’assist per Iori che segna la sua personale doppietta.

    TRAPANI-SPEZIA 1-1

    Il Trapani penultimo in classifica frena lo Spezia sull’1-1. In vantaggio al 35′ con Pettinari, che ribadisce in gol una respinta di Scuffet sul colpo di testa di Kupisz, i siciliani si fanno rimontare dai biancneri di mister Italiano al 44′ con un gran sinistro di Gyasi. Nella ripresa il Trapani rischia di portare a casa i tre punti con Pettinari che colpisce un palo al 47′ e con Taugourdeau il cui tiro si stampa sulla traversa al 70′.

    PISA-VENEZIA 1-2

    Dopo un avvio in cui gli ospiti sono sembrati più in palla è il Pisa a sfiorare il gol con Capello e Fiordaliso. Gol che arriva al 38′ con Masucci in mezza rovesciata  ma tre minuti dopo Gori in uscita travolge Longo: inevitabile il calcio di rigore che Aramu. La ripresa si apre con il Venezia in avanti con Longo che al 47′, da venti metri di destro supera Gori per il gol della vittoria del Venezia. Da segnalare nel recupero, un’azione di Vido che si divora la rete del pari.

    ASCOLI -CREMONESE RINV.

    Partita rinviata per motivi di sicurezza come misura precauzionale per l’allarme coronavirus

  • Frosinone vince e aggancia lo Spezia al secondo posto

    Nel turno domenicale della 24 esima giornata di Serie B vincono Frosinone e Cremonese. I giallazzurri di Nesta guadagnano tre punti d’oro che valgono l’aggancio al secondo posto dello Spezia, mentre i grigiorossi travolgono il Trapani in una delicatissima sfida salvezza.

    FROSINONE-PERUGIA 1-0

    Nonostante l’emergenza formazione gli uomini di Nesta hanno portato a casa una vittoria preziosissima nella volata promozione contro il suo ex Perugia. Primo tempo da sonno con poche emozioni, bisogna attende i secondo tempo e precisamente al 65′ quando sugli sviluppi di un calcio d’angolo, il tiro di Novakovich viene respinto da Vicario che va sui piedi di Rohden che fa partire un destro imparabile. La reazione del Perugia è staa blanda e solo nei minuti finali il portiere Bardi è stato chiamato in causa in un paio di occasioni ma alla fine i tre punti vanno ai ciociari che si portano a 40 punti agganciando al secondo posto lo Spezia. Cosmi e i suoi restano a 33 punti, fuori dalla zona calda.

    CREMONESE-TRAPANI 5-0

    Delicatissimo match in chiave salvezza che si è rivelato senza storia per la Cremonese che affonda letterlamente il Trapani sotto una pioggia di gol. I siciliani restano penultimi e incassano ben 5 gol con in evidenza l’ex Salernitano Palombi. All’11’ il tiro di Gaetano dsi rivela un assist per il bomber ex Lazio che mette alle spalle di Carnesecchi. Il 2-0 arriva al 15’ di testa su sponda di Valzania. La squadra di Castori non sembraa essere reattiva e nel secondo tempo al 54′ è Gaetano ad accogliere la conclusione sporca di Migliore e porta a 3 le reti lombarde. Al 76′ rigore per la Cremonese segnato da Piccolo e all’80’ arriva anche il quinto gol di Migliore che mette in porta un rasoterra di Zortea. La Cremonese sale a 26, quartultimo posto a -2 dal Venezia.

     

  • Una vittoria che vale doppio, un segnale per il futuro

    di GIGI CALIULO

    Poteva vincere a Benevento e pareggiare in casa contro il Trapani, perché il calcio non sarà scienza esatta ma ti toglie e ti dà con scientifica perversione. Fatto sta che la Salernitana ha centrato il quarto risultato utile consecutivo, la terza vittoria su quattro gare del girone di ritorno, migliorando di un punto il rendimento rispetto all’andata. Sono numeri importanti che certificano un dato che ormai non si può più ignorare: i granata sono ad una sola lunghezza dal secondo posto, ovvero dalla promozione diretta. E se vinci soffrendo anche partite che normalmente lo scorso anno avresti perso, come quella contro i coriacei siciliani, qualcosa vorrà pur dire. E i tre punti contro il Trapani valgono più dei due potenzialmente persi a Benevento: un pareggio casalingo con tutta la sofferenza annessa e connessa avrebbe difatti smorzato un entusiasmo che invece ora ha ragione di esistere.

    Vero è che il campionato è ancora lungo e col passare delle settimane gli avversari giocheranno sempre più come il Trapani di Don Chuck Castori e sempre meno come il Benevento. Altrettanto vero è che la quasi totalità degli scontri diretti dovremo giocarceli lontano dall’Arechi. Ma ormai la sfida è lanciata e l’appetito viene mangiando. Lo sa Ventura, uomo troppo esperto per non capire che si può spingere fino alla fine: e credo lo sappia fin troppo bene anche la società, la cui totale distanza dalla realtà salernitana è forse il miglior edulcorante per questa situazione.
    Certo, la disaffezione resta e nessuno si travesta, ora, da Puffo quattrocchi. L’ambizione, il risultato, l’obiettivo è il fine primario di qualsiasi società di scopo. Quindi è normale che la Salernitana lotti per qualcosa. E che lo faccia fino in fondo. Se oggi registriamo una generale disaffezione il punto nodale non è criticare chi ha scelto in piena libertà di non esserci ma fare in modo che le cose cambino e tutto torni al suo posto.
  • Salernitana ad un punto dalla serie A

    La Salernitana con i denti riesce a vincere contro il Trapani dell’ex Castori che si è dimostrato un avversario più ostico del previsto. E’ bastato un gol di Djuric al 12′ del primo tempo che mette di testa in porta l’assist di Cicerelli. Lo aveva fatto intendere mister Ventura nella conferenza stampa pre partita ed oggi ancor di più i granata escono allo scoperto e si candidano per un posto in serie A. Quella di Djuric è la sua ottava rete in questo campionato  e la trentatresima della Salernitana. La prima azione pericolosa però è degli ospiti al 10′ con Pettinari ma due minuti dopo arriva la rete del bosniaco.I granata vanno vicini al raddoppio ma il Trapani riesce a non scomporsi ed anzi si rende pericooloso con Taugordeau ma Micai non si fa sorprendere. Ci prova poi Luperini ma la difesa granata non si fa sorprendere. Nel secondo tempo dopo le sostituzioni di Grillo con Del Prete, Evacuo per Piszczek; Kiyine per Maistro e Giannetti per Gondo, è Lombardi che prova a metttere in difficoltà Carnesecchi. Lopez sostituisce Cicerelli e Colpani entra per Coulibaly. L’azione più periclosa è il tiro di Evacuo che prende in pieno il palo. Triplice fischio di Di Martino e i granata raggiungono l’obiettivo dei tre punti per la felicità dei 7000 all’Arechi e tra le proteste a fine gara di Scognamillo e Castori.

    SALERNITANA(3-5-2): Micai; Aya, Migliorini, Jaroszynski; Lombardi, Akpa Akpro, Dziczek, Maistro (10′ st Kiyine), Cicerelli (28′ st Lopez); Djuric, Gondo (17′ st Giannetti). In panchina: Vannucchi, Billong, Curcio, Heurtaux, Karo, Capezzi, Di Tacchio, Giannetti, Jallow. Allenatore: Ventura.

    TRAPANI (3-5-2): Carnesecchi; Pirrello, Strandberg, Scognamillo; Kupisz, Luperini, Taugourdeau, Coulibaly (31′ st Colpani), Del Prete (1′ st Grillo); Piszczec (17′ st Evacuo), Pettinari. A disposizione: Kastrati, Stancampiano, Pagliarulo, Fornasier, Aloi, Odjer, Scaglia, Dalmonte. Allenatore: Castori.

  • Salernitana-Trapani 1-0: il tabellino

    Salernitana-Trapani 1-0 (primo tempo 1-0)

    Marcatori: 12′ Djuric

    Salernitana (3-5-2): Micai; Aya, Migliorini, Jaroszynski; Lombardi, Akpa Akpro, Dziczek, Maistro (55′ Kiyine), Cicerelli (73′ Lopez); Gondo (62′ Giannetti), Djuric. All. Ventura.

    Trapani (3-5-2): Carnesecchi; Pirrello, Strandberg, Scognamillo; Kupisz, Luperini, Taugourdeau, Coulibaly (77′ Colpani), Del Prete (45′ Grillo); Pettinari, Piszczek (62′ Evacuo). All. Castori.

    Arbitro: Di Martino di Teramo

    Ammoniti: 4′ Coulibaly (T), 14′ Maistro (S), 30′ Dziczek(S), 58′ Piszczek (T), 82′ Lopez (S), 91′ Evacuo (S).

  • Il punto sulla B: Benevento sempre più prima; incredibile Provedel

    COSENZA-BENEVENTO 0-1

    Neanche il Cosenza riesce a frenare la marcia del benevento verso la Serie A.  Al “Marulla”, i giallorossi ottengono la sedicesima vittoria in questo campionato con un gran gol di Insigne al 33′ del primo tempo con un gran tiro a giro sul secondo palo. I rossoblu non riescono a riequilibrare il match neanche dopo l’espulsione al 54′ di Volta per fallo su Asencio, grazie anche alle belle parate di Montipò sui tentativi di Baez (5′) e due volte su Pierini (9′ e 47′).

    VIRTUS ENTELLA-PESCARA 2-0

    Torna al successo l’Entella dopo tre giornate di astinenza. Ci sono voluti due rigori trasformati da De Luca al 36’ del primo tempo e da Rodriguez al 51’. Nulla da fare per gli abbruzzesi che non riescono a recuperare e vanno fuori dai Playoff mentre i liguri si portano, con questo successo, a meno due dalla coppia di momentanee seconde Crotone e Frosinone.

    PISA-CHIEVO VERONA 1-1

    Pareggio senza lodi e senza inganni tra due squadre che restano ai limiti dei playut e playoff. Sono i veronesi ad andare per rpima in vantaggio all’8’ con Meggiorini, ma al 56’ ci pensa Lisi a rielquilibrare il match. I nerazzurri finiscono in 10 la partita per l’espulsione (doppio giallo) di Soddimo all’86’.

    ASCOLI-JUVE STABIA 2-2

    Poteva essere la notte dell’Ascoli ed invece a sorpresa la rimette in piedi all’ultimo respiro il portiere Provedel che sicuramente verrà ricordato nel tempo. La partita per i bianconeri si mette subito bene perchè, dopo 10 minuti Scamacca sfrutta la disattenzione della difesa delle vespe e batte a tu per tu Provedel. Nel secondo tempo Trotta per poconon raddoppia ma Provedel è provvidenziale. Distrazione di Feriga al 60′ che atterra Bifulco in area. Batte Forte e segna il rigore. Dieci minuti dopo segna Vitiello ma l’assistente di Pezzuto segnala il fuorigioco. All’82’ Brlek con uno spettacolare slalom passa a Ninkovic che la mette rasotera alle spalle del portiere stabiese. Tutto finito? Assolutamente no. Mentre l’Ascoli pregusta la vittoria finale al 95′ c’è l’ultimo assalto alla porta di Leali. Punizione, tutti in area, sale anche Provedel ed è proprio lui che la tocca e regala ai suoi un insperato pareggio.

    PORDENONE-LIVORNO 2-2

    Alla Dacia Arena di Udine, una grande prova di orgoglio del Livorno evita la sconfitta. A sbloccare la partita è Gavazzi, sul finire del primo tempo. Gli amaranto non si danno per vinti e pareggiano con Bogdan al 6′. Marras (che aveva batuo l’angolo sul gol di Bogdan) al 22′ ribalta il risultato a favore dei toscani mettendo in porta un cross di Braken ma si devono arrendere a sette minuti dalla fine quando Chiaretti, subentrato al 73′ a Tremolada, la mette dentro per il definitivo 2-2.

    VENEZIA-FROSINONE 0-1

    Colpo de Frosinone a Venezia grazie al primo gol in campionato di Rohden al 18′ e che regala ai ciociari la terza vittoria di fila. il Venezia ci prova a pareggiarla ma davvero solo la sfortuna non fa gioire i veneti che in casa non vincono da circa tre mesi. Prima Fiordilino e poi Zigoni colpiscono il palo e così continua la “maledizione del Penzo”

    CROTONE-CREMONESE 1-0

    E segna sempre lui. Decimo gol di Simy ed il Crotone torna a vincere ai danni di una Cremonese in piena zona Playout. Primo tempo senza emozioni, secondo tempo più vivace  con Molina che sfiora il gol ma è Ravanelli a salvare la sua porta. Un grande Cordaz al 20′ salva su Valzania ma poi al 42′ ci pensa Simy a mettere in porta un cross di Mustacchio.

    CITTADELLA-EMPOLI 1-2

    Gran colpo dell’Empoli che sbanca il Tombolato con due reti. E’ Mancuso al 6′ Mancuso che di testa blocca il match. La reazione del Cittadella è sterile ed anzi è Henderson ad avere la palla del raddoppio ma manda fuori incredibilmente. Ma al 38′ tiro al volo di Adorni da 25 metri e la palla va dentro per il momentaneo pareggio granata. Nella ripresa i padroni di casa prendono coraggio e solo un super Brignoli evita la capitolazione dei toscani per ben tre volte. Alla mezz’ora però l’Empoli torna in vantaggio con Bajrami. Triplice fischio e tre puti d’oro per l’Empoli.

  • Salernitana – Trapani: i convocati

    Mister Gian Piero Ventura ha diramato la lista dei convocati. Non ce la farà Cerci ancora infortunato, sono 22 i convocati:

    PORTIERI: Micai, Vannucchi;

    DIFENSORI: Aya, Billong, Curcio, Heurtaux, Jaroszynski, Karo, Lopez, Migliorini;

    CENTROCAMPISTI: Akpa Akpro, Capezzi, Di Tacchio, Dziczek, Kiyine, Lombardi, Maistro;

    ATTACCANTI: Cicerelli, Djuric, Giannetti, Gondo, Jallow.

     

    TRAPANI

    Anche Fbrizio Castori convoca 22 calciatori per la trasferta dell’ Arechi:

    PORTIERI: Kastrati, Carnesecchi, Stancampiano

    DIFENSORI: Pagliarulo, Scognamillo, Fornasier, Del Prete, Pirrello, Grillo, Strandberg

    CENTROCAMPISTI: Taugourdeau,Aloi, Coulibaly, Luperini, Odjer, Kupisz, Colpani

    ATTACCANTI: Evacuo, Scaglia, Piszcek, Pettinari, Dalmonte

  • Salernitana – Trapani ritorno al…passato

    Il calcio è fatto anche di ricordi e di ritorni. Anche nella partita contro il Trapani ci saranno calciatori che hanno vesito negli anni scorsi la casacca avversaria. Ultimo è il passaggio nel mercato di gennaio di Moses Odjer dalla Salernitana ai siciliani di Castori. Il 31 agosto del 2015 il calciatore ghanese venne prelevato in prestito con obbligo di riscatto dal Catania ed in granata disputa 103 partite di campionato e 4 presenze nei playout segnando un solo gol (nella vittoria per 3-2 della Salernitana contro il Latina il 2 giugno 2016). Lunedi sera segnerà il suo esordio con la nuova maglia.

    Ed a proposito di Castori tutti ricorderanno il suo brevissimo e non felice trascorso in granata. Nella stagione sportiva 2008-2009, quella dell’era Lombardi  e del ritorno in Serie B della Salernitana, l’attuale mister dei siciliani, Fabrizio Castori, fu protagonista sulla panchina granata di una stagione altalenante. Infatti proprio il tecnico di San Severino Marche fu esonerato il sei dicembre 2008 dopo quarttro sconfitte consecutive per poi essere riciamato a sostituire il suo sostituto, Bortolo Mutti, il 24 gennaio 2009 dopo che i granata furono sconfitti dal Sassuolo e galleggiavano a pochissimi punti dalla zona playout. Ma il 4 aprile dopo il 2-2 con il Treviso, Castori, con la Salernitana penultima in classifica, venne esonerato una seconda volta e a sostituirlo fu Fabio Brini, colui che traghettò i granata in serie B nella stagione precedente. La Salernitana riesce a salvarsi grazie ai gol di Ganci e al pareggio nell’ultima di campionato contro il Manova e termina l’annata al quattordicesimo posto.

    Anche Milan Djuric fa parte della schiera degli ex. Dalla Cremonese nella stagione 2013-2014 il bosniaco passò in prestito alla corte di Roberto Boscaglia che nello stesso anno ricevette il premio “Panchina d’Ora” per aver portato il Trapani dalla serie D (2009) alla serie B di quello stesso anno, esordio assoluto nel capionato cadetto. Tredici presenze e tre gol per l’attaccante ex Bristol City.

    Ultimo ex è Lamin Jallow. Nel gennaio del 2017, dal Chievo Verona, l’attaccante gambiano si trasferisce al Trapani in prestito e segna al suo esordio in B al 93′ il definitivo 3-1 dei siciliani sul capo della Pro Vercelli.

  • Ventura e Castori: sfida all’ultimo gol

    Nella confernza stampa tenuta al Mary Rosy che precede il match di domani sera contro il Trapani, Gian Piero Ventura chiede concentrazione e sacrificio ai granata per portare a casa i tre punti. La partita sarà anche più difficile del precedente match contro il Benevento perchè gli spazi a disposizione in campo saranno diversi e, come aggiunge il mister ligure, “se i calciatori pensano di affrontare una squadra destinata a retrocedere ( e quindi entare in campo con superficialità), sarà un problema e le difficoltà saranno superiori”. Ventura ha poi non ha disdegnato di voler tentare di andare in serie A in modo diretto e senza passare per i playoff e ha poi ricordato dell’importanza di recuperare tutti i calciatori in rosa perchè dopo la trasferta di Verona l’indredibile calendario di B farà giocare una partita praticamente ogni 4 giorni. Il tencino rassicura che tutti i calciatori stanno lavorando bene per ritagliarsi il loro spazio.

    L’ex Fabrizio Castori nella sua conferenza stampa ha dichiarato che i suoi calciatori scenderanno in campo a Salerno sena paura, visto che hanno già messo in archivio la sconfitta nella partita precedente contro il Cittadella. La trasferta è difficile ma il tecnico di San Severino Marche assicura che il Trapani avrà l’atteggiamento giusto senza pensare troppo a chi avranno difronte. La partita è difficile ma fino alla fine del campionato saranno tutte finali da giocare fino all’ultimo minuto per i siciliani.

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker